Fumetti
Angelo Tartarella
Nato nel 1995 in Puglia, Angelo è, sin da bambino, un lettore vorace e cresce per questo appassionandosi alle storie. Crescendo, s'interessa a quelle raccontate nei film e nelle serie TV, scopre e si appassiona a quelle raccontate nei videogiochi e nei fumetti. Iniziato ai fumetti da Don Rosa ad Alan Moore, Angelo si è presto appassionato a questo mondo, nonostante lui sia principalmente un fedelissimo Disney e Marvel.

Nato nel 1995 in Puglia, Angelo è, sin da bambino, un lettore vorace e cresce per questo appassionandosi alle storie. Crescendo, s'interessa a quelle raccontate nei film e nelle serie TV, scopre e si appassiona a quelle raccontate nei videogiochi e nei fumetti. Iniziato ai fumetti da Don Rosa ad Alan Moore, Angelo si è presto appassionato a questo mondo, nonostante lui sia principalmente un fedelissimo Disney e Marvel.

Tempo di lettura: 3 minuti

6o anni di carriera sono un traguardo per chiunque, tranne magari per Dottor Destino nella sua lunga carriera da terrore intergalattico che ha occupato il ruolo di nemico del Multiverso senza aspettarsi niente in cambio… o quasi. Dal suo primo debutto sulle pagine di I Fantastici Quattro, il dittatore di Latveria e il mai-ben-disposto-verso-il-prossimo Victor Von Doom ha continuamente tenuto il suo (letterale) pugno d’acciaio attorno alla gola dell’Universo Marvel, minacciando nello specdifico le sue figure più eminenti coem Reed Richards, Peter Parker e Tony Stark, tanto per fare qualche esempio. Nel frattempo però, le più recenti pagine di Infamous Iron Man hanno mostrato il lato più cordiale – se non esattamente gentile – di Destino.

Mentre questa improvvisa modifica nel suo comportamento e nel suo atteggiamento ha scioccato alcuni fan Marvel, c’è un uomo che non considera l’ormai ex-dittatore Latveriano, come un vero villain in primo luogo. Non si sta parlando di un uomo qualsiasi ma de “L’Uomo” in persona: Stan Lee, co-creatore insieme a Jack Kirby, di Dottor Destino, dei Fantastici Quattro e di buona parte delle fondamenta della Marvel Comics.

ffpostercolor-1

Il 93enne epserto conoscitore Marvel e leggenda del fumetto, Lee si è recentemente trovato a rispondere ad alcune questioni pressanti per i fan Marvel, durante un’intervista con un quattordicenne sopravvissuto alla leucemia.  Trovatosi in città per il Rhode Island Comic-Con, Lee ha speso un po’ del suo tempo per sedersi con il super-fan Marvel K.J. Ricci, che ha avuto questa possibilità grazie al canale YouTube Cat Country. Durante l’intervista, lui ha indicato alcuni dei suoi fumetti preferiti, incluso Spider-Man #1 (un fumetto leggendario, sicuramente), e si è dimostrato diplomaticaente non incline a divulgare nessuna delle future storylines riguardanti l’arrampicamuri di New York. Comunque, quando si è arrivati a parlare del suo super Villain preferito, Stan ha affermato empaticamente che Dottor Destino era in cima alla sua lista e ne ha approffittato per chiarire alcune incompresioni riguardo il personaggio:

“Tutti quanti hanno frainteso Dottor Destino. Tutti quanti pensano che sia un criminale, ma tutto quello che vuole è governare il mondo. Ora, se ci pensi oggettivamente, potresti andare da un poliziotto e potresti dirgli: ‘Mi scusi, signor poliziotto, voglio dirle qualcosa: voglio governare il mondo.’ Lui non può arrestarti; Non è un crimine voler governare il mondo. Quindi […] è ingiusto che lui sia considerato un villain, perchè vuole solo governare il mondo. Allora forse potrebbe fare un lavoro migliore. Quindi sono molto interessato in Dottor Destino, e mi piacerebbe ridare lustro al suo nome.”

Nei recenti mesi, le affermazioni di Lee su Destino sono (incidentalmente o meno)  diventate parte del turno di cambiamento durante le conseguenze di Secret Wars e Civil War II. Dal suo tempo su Battleworld, [Lord] Destino ha cominciato ad agire stranamente, altruisticamente, aiutando Tony Stark nella sua vita personale e dimettendosi dal suo ruolo di leader senza scrupol di Latveria. Quello che un tempo è stato un villain si è anche trovato a rispondere ad una nuova chiamata (magari con il disappunto di Stark stesso) – ovvero quello di diventare il nuovo Iron Man in assenza di quello nuovo.

doom-iron-man-1

Come cattivo riformato (come già successo a Lex Luthor), fan e supereroi hanno allo stesso modo dubbi sulle buone intenzioni di Victor Von Doom. L’Ex membro dei Fantastici Quattro (ora facente parte dei Guardiani della Galassia) Ben Grimm ha certamente i suoi dubbi, e sembra anche che il successore scelto ufficialmente da Stark, Riri Williams renderà nulla questa auto-sostituzione di Iron Man. Comunque, per spezzare una lancia in favore della dichiarazione di Stan Lee, potrebbero gli autori Marvel stare pensando più da vicino all’ottica da creatore del Dottor Destino?

infamous-iron-man-ben-grimm

Sarebbe interessante scoprire se l’affermazione di Stan Lee su Dottor Destino è stata davvero casuale o se invece offre uno scorcio di quello che accadrà sulle pagine di Infamous Iron Man nei prossimi mesi. Forse quanto detto da Lee è più importante ora più che mai dato che, sia sulle pagine della Marvel Comics che su quelle della DC, i villain stanno provando a diventare eroi (senza menzionare quello che al momento sta accadendo nel mondo reale). Potete trovare l’intervista completa, in cui si parla anche della questione riguardo Hulk di cui vi abbiamo già parlato qui, in cima all’articolo.

Altri articoli in Fumetti

Marvel dà vita a una nuova era per i Runaways introducendo Doc Justice e il J-Team!

Gianfranco Autilia21 Agosto 2019

Marvel lancia Yondu, Morbius, la nuova serie di Deadpool e altro ancora!

Gianfranco Autilia14 Agosto 2019

È morto l’artista Ernie Colòn, co-creatore della Damage Control

Gianfranco Autilia10 Agosto 2019

Marvel: le prime pagine di Juan Ferreyra per Punisher Kill Krew #1!

Gianfranco Autilia9 Agosto 2019

Unstoppable Wasp torna nel 2020 con una original novel di Sam Maggs!

Gianfranco Autilia8 Agosto 2019

Friendly Neighborhood Spider-Man: preannunciata la morte dell’Uomo Ragno?

Gianfranco Autilia6 Agosto 2019