Avengers: Senza Tregua, la Recensione – NO SPOILER

Fumetti
Gianfranco Autilia

Tempo di lettura: 5 minuti

Sul mensile italiano degli Avengers, dal numero 100 al 104, la Panini Comics ha pubblicato Avengers: No Surrender, una storia epica e colossale edita nel nostro Paese col titolo “Senza Tregua”.

Tante sono le testate vendicative che in questi anni hanno arricchito il parco testate della Marvel. Soltanto recentemente, sono state lanciate collane come Uncanny Avengers, Occupy Avengers e U.S.Avengers. Tuttavia, attraverso il Legacy, la Casa delle Idee ha deciso di ritornare alle origini ed ha dunque cancellato le succitate testate per pubblicare con cadenza settimanale la storica ongoing degli Avengers, proponendo l’ambiziosa storyline che è al centro della nostra recensione.

VENDICATORI UNITI!

La trama inizia con svariate catastrofi globali che spingono gli Avengers a soccorrere le persone e a limitare i danni. In poco tempo, la Terra viene rubata e si scopre che dietro a tutto ciò si celano due Antichi dell’Universo: il Gran Maestro e lo Sfidante. L’intento di questi ultimi è quello di utilizzare il nostro mondo come un campo da gioco per ospitare una sfida cosmica coinvolgente, tra gli altri, anche l’Ordine Nero e la Legione Letale. Numerose figure superumane vengono bloccate in campi di stasi e gli Avengers rimanenti decidono di fare squadra al fine di fermare questa controversa situazione prima che tutto degeneri. Ad aiutarli accorre Voyager, una misteriosa eroina nuova di zecca che, attraverso un abile uso di retcon, viene presentata agli appassionati come un membro fondatore dei Vendicatori.

Innumerevoli sono i protagonisti che appaiono in questa saga. Nei Vendicatori, per esempio, militano membri vecchi e nuovi, come Capitan America, Wasp, Falcon, Visione, Ercole, Wonder Man, Sinapsi, la potente Thor e la già citata Voyager. Oltre a loro ce ne sono tanti altri, eppure i vari capitoli si arricchiscono di volta in volta della presenza di ulteriori comparse speciali, le quali spuntano nella vicenda in maniera del tutto inaspettata. I nemici principali, come già abbiamo accennato in precedenza, sono il Gran Maestro e lo Sfidante. Entrambi sono motivati a perseguire i propri scopi e si servono di due differenti gruppi per emergere vittoriosi dalla loro sfida: il celebre Ordine Nero e una nuova versione della Legione Letale qui alla sua prima apparizione.

UN RACCONTO EPICO E BEN ORCHESTRATO

L’intera saga è ben orchestrata e, sebbene vanti un enorme cast di protagonisti, riesce comunque a non confondere il lettore poiché si concentra sui punti più salienti della trama. I testi sono curati da Mark Waid, Al Ewing e Jim Zub, tre autori molto noti e apprezzati dai fan dei fumetti. Il trio riempie No Surrender di tanta azione, molta suspense e grandi colpi di scena per niente prevedibili. Con le loro lodevoli abilità narrative, gli scrittori spingono i lettori a leggere con grande curiosità e interesse tutto quello che accade nell’opera. Inoltre, come fa intuire il titolo, Senza Tregua è un fumetto pieno zeppo di incontenibili battaglie e non lascia spazio ad altro se non alla trama portante, che – grazie anche al continuo cambio di location – assume e mantiene con costanza un ritmo movimentato ed eccitante. Nonostante questo, gli autori riescono anche ad analizzare i differenti punti di vista di gran parte dei protagonisti, a sviluppare con chiarezza le dinamiche fra i membri dei gruppi e ad approfondire il lato sentimentale di alcuni dei personaggi coinvolti. Sequenze tranquille e scene d’azione sono perfettamente bilanciate tra di loro, e tutto ciò è agevolato dal fatto che No Surrender è composta da ben sedici capitoli e quasi tutti si incentrano prevalentemente sui pensieri di un determinato personaggio, mettendo in risalto le sue motivazioni ed esplorando elementi diversi ma funzionali per lo svolgimento della storia.

L’opera non ha buchi di trama ed amplia la già vasta continuity Marvel con nuovi dettagli e personaggi innovativi. Leggere Senza Tregua è indubbiamente più appagante se si ha già una grande conoscenza delle precedenti produzioni della Casa delle Idee: Waid, Ewing e Zub hanno infatti inserito numerosi riferimenti che richiamano alcuni avvenimenti passati. Comprendere ogni tassello di questa storia è indispensabile perché non solo fa accrescere la voglia di leggere, ma aiuta anche a non rimanere disorientati.

ARTISTI STELLARI

A rendere Senza Tregua un fumetto ancor più imperdibile è il team artistico, che è composto da tanti illustratori più che capaci. Fra tutti spicca l’incredibile talento di Pepe Larraz, le cui tavole dettagliate si dimostrano in grado di coinvolgere il lettore di pagina in pagina. Il suo storytelling è altamente fluido e comprensibile. Servendosi di un abile e frequente uso di splash page colme di personaggi e di layout ben strutturati, l’artista spagnolo riesce altresì ad esaltare ed emozionare. Tra gli altri disegnatori che lo affiancano citiamo Kim Jacinto e Paco Medina, i quali, oltre allo stesso Larraz, hanno illustrato la maggior parte dei capitoli di Senza Tregua. Il primo ha realizzato delle pagine con una narrazione molto chiara e lineare, conferendo al contempo le atmosfere giuste ai momenti giusti; il secondo, invece, ha svolto un eccellente lavoro soprattutto nelle sequenze d’azione, dove si è divertito a giocare sapientemente con le inquadrature e, in special modo, con la dinamicità delle pose dei protagonisti. Tutte le tavole degli artisti acquisiscono maggiore impatto grazie anche ai colori vivaci e omogenei dei vari coloristi, che infondono tridimensionalità e profondità ad ogni singola vignetta, pur senza risultare visivamente sgargianti. Alcuni albi contengono anche delle pagine disegnate dagli eccellenti Joe Bennett, Mike Perkins e Stefano Caselli.

Senza Tregua è indubbiamente un’opera che sa come travolgere i fan, specialmente grazie all’impeccabile lavoro compiuto dagli autori coinvolti. Malgrado lo spessore notevole della trama, gli scrittori non hanno dimenticato di far trasparire lo spirito vendicativo degli Avengers, quello che li contraddistingue da sempre. La grandiosità di questa lettura non si perde nemmeno nella parte finale, la quale lascia in sospeso alcuni punti che verranno approfonditi in diverse testate, come ad esempio le miniserie Quicksilver: No Surrender di Saladin Ahmed e Eric Nguyen e Black Order di Derek Landy e Philip Tan. In più, la Marvel Comics ha annunciato al New York Comic Con che pubblicherà un sequel di Senza Tregua intitolato Avengers: No Road Home.

Avengers: Senza Tregua

8.7

Storia

9.0/10

Disegni

9.5/10

Colori

9.0/10

Caratterizzazione

8.5/10

Originalità

7.5/10

Pros

  • Sceneggiatura eccellente
  • Un ottimo lavoro grafico
  • Colpi di scena emozionanti
  • Caratterizzazione dei personaggi
Aggiungi un commento all'articolo! Clicca qui.

Lascia un commento!

avatar
  Subscribe  
Notificami

Altri articoli in Fumetti

Panini Comics annuncia un volume celebrativo per gli 80 anni Marvel

Gianfranco Autilia16 Settembre 2019

Panini Comics annuncia un lussuoso cofanetto dedicato al Marvel Cinematic Universe

Gianfranco Autilia16 Settembre 2019

Spawn #301. Escono le Variants di Alex Ross, J. Scott Campbell e altri ancora

Leonardo Boanelli15 Settembre 2019

Dc Comics chiude la serie dedicata a Deathstroke

Gioele Paglia15 Settembre 2019

Dc Comics: quale futuro per Batman Beyond?

Gioele Paglia15 Settembre 2019

King Thor: il ritorno di Gorr Il Macellatore di Dei

Gioele Paglia15 Settembre 2019