’68 #1, la Recensione – NO SPOILER

Fumetti
Andrea Prosperi
Lettore ossessivo-compulsivo, quando non è su Twitter lo trovate a scrivere articoli sulle ultime novità del mondo dei fumetti.
@Www.twitter.com/Zero_Borja

Lettore ossessivo-compulsivo, quando non è su Twitter lo trovate a scrivere articoli sulle ultime novità del mondo dei fumetti.

Tempo di lettura: 3 minuti

Questo Giugno porta in edicola una proposta veramente interessante, in un formato decisamente apprezzato, il brossurato da edicola. Una scelta per certi versi anche coraggiosa, quella di saldaPress, che sceglie di dare fiducia a questa serie, iniziata nel 2011 negli States, e pronta a diventare già un cult anche in Italia.

La giungla del Vietnam attende il lettore, aggiungendo un pericoloso elemento ad un cocktail già di per sé davvero esplosivo: i non-morti!

Apocalisse

La trama, di Mark Kidwell, trova la sua ambientazione, come già scritto, durante il conflitto in Vietnam. Importante come, con le dovute licenze narrative, l’intento dell’autore sia quello di rappresentare un Vietnam più fedele possibile alla realtà, cercando di aggiungere, alla prospettiva storica, un singolo elemento paranormale, attraverso la presenza degli zombie. In questo primo albo italiano troviamo raccolti due capitoli, con il primo che funge da vera e propria introduzione, con una struttura nei fatti piuttosto classica, mentre il secondo capitolo dona la sensazione di trovarsi di fronte a una narrazione di maggior respiro. Tutto ciò possiamo notarlo anche dalla costruzione del primo capitolo, quasi una sorta di one-shot, una sorta di episodio pilota per testare il lettore. La cadenza mensile, per noi italiani, sarà un vero toccasana, permettendoci di leggere, ogni mese, ben due capitoli di questa appassionante storia.

Nat Jones, alle matite, e Jay Fotos, ai colori, completano il team artistico, dando una grande prova di autorialità. Jones si trova nel difficile compito di dover, da un lato, rappresentare un Vietnam veritiero, mentre dall’altro deve dare corpo a qualcosa di paranormale, mescolando dunque due mondi. Il risultato è di un certo livello, grazie alla scelta di realizzare degli zombie decisamente cadaverici, senza particolari licenze dal punto di vista anatomico. Decisamente inquietante!

Fotos riesce a donare grande profondità e gravità ai personaggi di Jones, riuscendo ad essere non semplicemente un qualcosa in più, ma trovando invece sinergia tra disegno e colore, imprimendo una chiara firma che porta il suo nome.

’68

Nonostante la lettura di soli due capitoli, e, soprattutto, la grande inflazione che ha il mondo della narrativa legata ai non-morti, ‘68 riesce ad appassionare. Un risultato decisamente non semplice, eppure dopo soli due capitoli il desiderio di proseguire è forte, per comprendere non solo che direzione prenderà la storia, ma anche per capire quali sono le vere intenzioni degli autori.

Due capitoli sono pochi per poter parlare in maniera davvero adeguata dei personaggi, ma per ora sembra di notare una certa originalità nella caratterizzazione. Pochi cliché, legati soprattutto a personaggi secondari e di poca utilità ai fini del racconto. Riuscirà Kidwell a trovare spazio e modo per utilizzare il crudele conflitto per mostrarci scorci di umanità? Il racconto decisamente si presta a presentare veri e propri viaggi nell’intimità dei personaggi. Scopriremo nei prossimi capitoli se l’autore avrà modo di muoversi all’interno di quel complesso mondo che è la psiche dei suoi protagonisti.

Morire?

Come detto sopra, la scelta dei due capitoli nello stesso albo si rivela vincente, sia nello specifico, sia in assoluto, anche in virtù di un rapporto qualità/prezzo che può decisamente convincere il lettore da edicola, curioso di provare nuove ed emozionanti letture. Una scelta sicuramente coraggiosa, in controtendenza con quanto spesso sta proponendo il mercato italiano, ma proprio per questo in grado di rivelare la sua efficacia. Mentre le edicole perdono letture, ’68 può riempire il vuoto, imponendosi nell’immaginario del lettore italiano.

Da prendere? Decisamente sì, anche e proprio in virtù del prezzo: 3,30€, un costo decisamente abbordabile per chiunque, che vale il tentativo di dare una possibilità a questa serie. Perciò non vi resta che correre in edicola, pronti per il prossimo grande colpo di saldaPress!

'68 #1

7.7

Sceneggiatura

7.5/10

Disegni

7.5/10

Originalità

8.0/10

Caratterizzazione

7.5/10

Colori

8.0/10

Pros

  • Rapporto qualità/prezzo imbattibile
  • Sceneggiatura originale
Aggiungi un commento all'articolo! Clicca qui.

Lascia un commento!

avatar
  Subscribe  
Notificami

Altri articoli in Fumetti

Il sequel a fumetti di Big Hero 6 della Disney è finalmente in arrivo

Gioele Paglia11 Nov 2019

DC Comics: Tim Drake debutta ufficialmente come “Drake”

Gioele Paglia7 Nov 2019

Ant-Man e sua figlia si uniranno in una nuova serie Marvel

Gioele Paglia5 Nov 2019

Star Wars: la serie di Doctor Aphra verrà rilanciata nel 2020

Gioele Paglia4 Nov 2019

Marvel Comics: il futuro arriva nelle variant covers 2020

Gioele Paglia31 Ott 2019

Marvel Comics: 2099 Alpha anticipa l’arrivo di Mjolnir nel futuro

Gioele Paglia30 Ott 2019