Un cameo di Obi-Wan Kenobi venne preso in considerazione per Gli Ultimi Jedi

Cinema
Matteo Ivaldi
Amante delle storie in ogni forma, ha affittato un emisfero del cervello a mondi immaginari. Avendo passato l'infanzia tra navi spaziali, Tolkien e Final Fantasy non può più fare a meno di flirtare con la fantascienza, la letteratura e i videogiochi. Talvolta può sembrarvi distratto, in realtà è probabile che stia facendo scorrere scene assurde nella sua testa con tanto di titoli di coda.

Amante delle storie in ogni forma, ha affittato un emisfero del cervello a mondi immaginari. Avendo passato l'infanzia tra navi spaziali, Tolkien e Final Fantasy non può più fare a meno di flirtare con la fantascienza, la letteratura e i videogiochi. Talvolta può sembrarvi distratto, in realtà è probabile che stia facendo scorrere scene assurde nella sua testa con tanto di titoli di coda.

Tempo di lettura: 3 minuti

Attenzione: questo articolo contiene spoiler sull’ultimo film della saga di Star Wars, Gli Ultimi Jedi.

In una scena di Star Wars: Episodio VII ambientata nella cantina della taverna di Maz Kanata, sul pianeta Takodana, Rey entra in contatto con la leggendaria spada laser azzurra che fu di Obi-Wan Kenobi e che Luke Skywalker brandì fino al duello con Darth Vader nel finale de L’Impero Colpisce Ancora. Non appena la ragazza sfiora la superficie dell’arma assiste a una serie di visioni tra cui spicca una sovrapposizione di due voci del maestro Kenobi che intonano “these are your first steps“, questi sono i tuoi primi passi (nell’universo della Forza, ovviamente). Questo breve passaggio nascondeva uno dei camei più ardui da riconoscere, ovvero un doppiaggio ex-novo di Ewan McGregor, interprete del giovane Obi-Wan nella trilogia prequel di George Lucas, che imitò alla perfezione l’intonazione originale di Alec Guinness in Episodio IV. Questa scoperta alimentò nei fan la speranza che McGregor potesse riprendere il ruolo del mentore di Luke nei successivi film della nuova trilogia sotto forma di spirito, come già era avvenuto per Guinness in Episodio V e VI: la realtà è che con il recentissimo capitolo centrale, Gli Ultimi Jedi, il regista Rian Johnson è arrivato a tanto così dal rendere concreta l’idea.

Johnson ha affermato di aver considerato seriamente il ritorno in grande stile di Kenobi sul pianeta Ahch-To, una delle più antiche dimore in cui nacque l’ordine dei Jedi, luogo di ritiro di un disincantato Luke Skywalker in Episodio VIII, ma di aver scartato all’ultimo tale possibilità a causa della morte dell’interprete originale del ruolo. “Credetemi, avrei davvero voluto inserire Ewan McGregor ne Gli Ultimi Jedi”, sono state le sue parole, “ma è stata soprattutto una questione narrativa a impedirmelo. La relazione originale tra Obi-Wan e Luke – ovviamente, se Alec Guinness fosse stato ancora tra noi questo avrebbe avuto senso. Ma non abbiamo mai visto Luke interagire con una versione più giovanile di Obi-Wan, perciò vi sarebbe stato un ridotto impatto emotivo e la scena sarebbe potuta apparire bizzarra.”

Piuttosto che sfruttare l’immagine di Guinness ricreandola attraverso la moderna tecnologia digitale com’è avvenuto per Peter Cushing, l’interprete del Gran Moff Tarkin in Rogue One, Johnson ha preferito passare il testimone a un altro personaggio storico della saga assai più semplice da riproporre: il maestro Yoda, ricreato non più tramite la computer grafica bensì grazie all’abile marionettista Frank Oz che lo animò nei film originali e vi prestò la voce. Non possiamo dare torto alle parole di Rian Johnson dato che laddove il ritorno di Yoda è parso così tanto naturale e connesso al vecchio canone di Lucas, l’apparizione di Ewan McGregor al posto di Guinness avrebbe steso un ponte relativamente forzato tra gli universi stilisticamente differenti che hanno reso la prima e la seconda trilogia di Star Wars due prodotti ben separati.

Secondo le indiscrezioni degli ultimi mesi esiste ancora la possibilità che la Disney dia il via libera alla produzione di uno spin-off incentrato sul personaggio di Obi-Wan che potrebbe venire diretto da Stephen Daldry, regista di Billy Elliot, The Hours, The Reader e co-autore della serie Netflix The Crown. In tal caso nulla impedirebbe a McGregor di riprendere i panni del maestro Jedi dato che il diretto interessato non ha mai nascosto il desiderio di tornare a brandire la spada laser azzurra.

Fonte: CinemaBlend

Altri articoli in Cinema

Silver & Black: Gina Prince-Bythewood parla dello spin-off abbandonato di Spider-Man e di Disney+

Alessio Lonigro25 Aprile 2020

Spider-Man 3: Sony Pictures rimanda ufficialmente l’uscita del film con Tom Holland

Alessio Lonigro25 Aprile 2020

Thor: Love and Thunder – Chris Hemsworth crede che i film Marvel riporteranno il pubblico in sala

Alessio Lonigro24 Aprile 2020

Morbius: Tyrese Gibson è entusiasta di interpretare un personaggio Marvel

Alessio Lonigro24 Aprile 2020

X-Men: Tom Payne si candida al ruolo di Wolverine nel Marvel Cinematic Universe

Alessio Lonigro23 Aprile 2020

Fantastic 4: Un concept art scartato dal film di Josh Trank rivela il design della Fantasti-Car

Alessio Lonigro23 Aprile 2020