Taika Waititi risponde a Scorsese sui film Marvel: “Forse i costumi non sono abbastanza italiani”

Cinema
Alessio Lonigro
Nato nel 1999 a Bari, comincia a leggere fumetti a partire dal 2007, in piena Civil War. Ma è dal 2012 che nasce il suo amore definitivo per una delle più importanti case editrici di sempre: la Marvel. Non importa se si parli di film, fumetti o serie TV... Alessio e la Casa delle Idee sono una cosa sola!

Nato nel 1999 a Bari, comincia a leggere fumetti a partire dal 2007, in piena Civil War. Ma è dal 2012 che nasce il suo amore definitivo per una delle più importanti case editrici di sempre: la Marvel. Non importa se si parli di film, fumetti o serie TV... Alessio e la Casa delle Idee sono una cosa sola!

Tempo di lettura: 2 minuti

Nel corso di una recente intervista con il The Hollywood Reporter, Taika Waititi, regista di Thor: Ragnarok, di Jojo Rabbit e di Thor: Love and Thunder, ha risposto alle controverse dichiarazioni di Martin Scorsese in merito ai cinecomics e ai film dell’Universo Cinematografico Marvel.

Sono d’accordo.” ha dichiarato ironicamente Taika Waititi quando gli è stato chiesto se considerasse i film Marvel dei “parchi a tema“. “Ha assolutamente ragione, l’ho sempre detto. Ma non sono d’accordo. Beh, avendo lavorato con la Marvel e sapendo che lui ha fatto riferimento specificatamente a quei film, so quanto lavoro è necessario per creare quelle storie e quanto lavoro c’è dietro alle riprese e alla post-produzione. Fondamentalmente, è uno studio basato sulle storie. In fin dei conti, quel rettangolo [replica il logo dei Marvel Studios con le mani] coinvolge le persone emotivamente. Non importa se sono troppo colorati. Penso siano troppo colorati per lui. Probabilmente i costumi non sono abbastanza italiani.

Non sono mai venuti da me.” ha rivelato Scorsese durante una recente roundtable organizzata dal The Hollywood Reporter. “Mi ricordo quando Disneyland venne costruita. Sono così vecchio, sapete? Ero a Los Angeles nel 1970 e una delle aspirazioni degli studios era di diventare importanti per la cultura americana quanto Disneyland. E il primo studio a farlo fu la Universal con il tour. E poi si è aggiunto il blockbuster in cima, e perché no? Le persone li vanno a vedere. Si divertono e cose del genere. Quindi il senso del parco a tema c’è sempre stato. Non è un male. Ci piaceva andare nei parchi divertimenti. Ma ora in un parco divertimenti hai un film.

Le date di uscita dei prossimi progetti dei Marvel Studios sono le seguenti: Black Widow (1º maggio 2020), The Falcon and The Winter Soldier (autunno 2020), Gli Eterni (6 Novembre 2020), WandaVision (2020), Shang-Chi and the Legend of the Ten Rings (12 Febbraio 2021), Loki (primavera 2021), Doctor Strange in the Multiverse of Madness (7 Maggio 2021), Spider-Man 3 (16 Luglio 2021), What If…? (estate 2021), Hawkeye (autunno 2021), Thor: Love and Thunder (5 Novembre 2021).

Fonte: ComicBook.com

NerdPlanet consiglia...
Non hai ancora recuperato il Blu-Ray di Thor: Ragnarok? Che aspetti? Clicca qui!

Altri articoli in Cinema

Silver & Black: Gina Prince-Bythewood parla dello spin-off abbandonato di Spider-Man e di Disney+

Alessio Lonigro25 Aprile 2020

Spider-Man 3: Sony Pictures rimanda ufficialmente l’uscita del film con Tom Holland

Alessio Lonigro25 Aprile 2020

Thor: Love and Thunder – Chris Hemsworth crede che i film Marvel riporteranno il pubblico in sala

Alessio Lonigro24 Aprile 2020

Morbius: Tyrese Gibson è entusiasta di interpretare un personaggio Marvel

Alessio Lonigro24 Aprile 2020

X-Men: Tom Payne si candida al ruolo di Wolverine nel Marvel Cinematic Universe

Alessio Lonigro23 Aprile 2020

Fantastic 4: Un concept art scartato dal film di Josh Trank rivela il design della Fantasti-Car

Alessio Lonigro23 Aprile 2020