Spider-Man: Far From Home – Jon Favreau riflette sull’evoluzione di Happy Hogan nel MCU

Cinema
Alessio Lonigro
Nato nel 1999 a Bari, comincia a leggere fumetti a partire dal 2007, in piena Civil War. Ma è dal 2012 che nasce il suo amore definitivo per una delle più importanti case editrici di sempre: la Marvel. Non importa se si parli di film, fumetti o serie TV... Alessio e la Casa delle Idee sono una cosa sola!

Nato nel 1999 a Bari, comincia a leggere fumetti a partire dal 2007, in piena Civil War. Ma è dal 2012 che nasce il suo amore definitivo per una delle più importanti case editrici di sempre: la Marvel. Non importa se si parli di film, fumetti o serie TV... Alessio e la Casa delle Idee sono una cosa sola!

Tempo di lettura: 2 minuti

Tra tutti i registi che hanno diretto i vari tasselli della Infinity Saga, probabilmente Jon Favreau rappresenta uno dei volti più rappresentativi del Marvel Cinematic Universe, nato proprio con il primo Iron Man nel lontano 2008. Il regista, attualmente impegnato con la serie TV di Star Wars intitolata The Mandalorian e con Il Re Leone, è noto ai fan per aver interpretato il personaggio di Harold “Happy” Hogan nella trilogia di Iron Man, in Spider-Man: Homecoming, in Avengers: Endgame e nel prossimo Spider-Man: Far From Home.

In una nuova intervista con ComicBook.com, Favreau ha parlato dell’evoluzione che Happy Hogan ha avuto all’interno del franchise, citando anche alcuni colleghi del calibro di Paul Bettany (Visione) e di Clark Gregg (Phil Coulson):
Cominciai ad interpretarlo semplicemente perché volevo avere un cameo nel film. Fondamentalmente ero un extra nel primo Iron Man e per me è davvero bizzarro come tutto questo sia evoluto nel tempo. All’epoca chiesi al mio vicino di casa, Clark Gregg, di interpretare un agente dello S.H.I.E.L.D. A Paul Bettany, con cui lavorai a Wimbledon, chiesi di prestare la voce per J.A.R.V.I.S. Non aveva nemmeno visto il primo film. Poi è diventato Visione e Clark Gregg è diventato il protagonista di Agents of S.H.I.E.L.D. Onestamente è stata una cosa abbastanza surreale per me. Per non parlare della scena dopo i titoli di coda con Nick Fury: un semplice easter egg per i fan ha comportato la nascita degli Avengers, il fondamento del MCU. Niente è stato sprecato. Ogni volta che cerchiamo di inserire qualche piccolo dettaglio che i fan conoscono bene, ci sembra di aggiungere un po’ di umanità e di profondità.”

SINOSSI
Peter Parker ritorna in Spider-Man: Far From Home, il secondo capitolo della saga iniziata con Spider-Man: Homecoming! Il nostro amichevole supereroe di quartiere decide di concedersi una vacanza in Europa con i suoi migliori amici Ned, MJ e il resto della gang. I piani di Peter di lasciarsi la carriera supereroistica alle spalle per qualche settimana verranno messi a repentaglio nel momento in cui accetterà, a malincuore, di aiutare Nick Fury a svelare il mistero che si cela dietro gli attacchi di alcune creature elementali che stanno scatenando il panico in tutto il continente.

Fonte: ComicBook.com

Altri articoli in Cinema

Silver & Black: Gina Prince-Bythewood parla dello spin-off abbandonato di Spider-Man e di Disney+

Alessio Lonigro25 Aprile 2020

Spider-Man 3: Sony Pictures rimanda ufficialmente l’uscita del film con Tom Holland

Alessio Lonigro25 Aprile 2020

Thor: Love and Thunder – Chris Hemsworth crede che i film Marvel riporteranno il pubblico in sala

Alessio Lonigro24 Aprile 2020

Morbius: Tyrese Gibson è entusiasta di interpretare un personaggio Marvel

Alessio Lonigro24 Aprile 2020

X-Men: Tom Payne si candida al ruolo di Wolverine nel Marvel Cinematic Universe

Alessio Lonigro23 Aprile 2020

Fantastic 4: Un concept art scartato dal film di Josh Trank rivela il design della Fantasti-Car

Alessio Lonigro23 Aprile 2020