Cinema
Martina Cofano
Appassionata di Fotografia e novella Scenografa, divoratrice professionista di Serie TV. Conservare in un luogo fresco a con connessione WI-FI.

Appassionata di Fotografia e novella Scenografa, divoratrice professionista di Serie TV. Conservare in un luogo fresco a con connessione WI-FI.

Tempo di lettura: 3 minuti

Il nuovo thriller targato Netflix sbarca sulla piattaforma streaming il 18 Luglio 2019.

Secret Obsession, diretto da Peter Sullivan, narra del lungo percorso di convalescenza che affronta la protagonista Jennifer (Brenda Song) in seguito ad un brutale incidente.
 La vita della giovane neosposina si complica ulteriormente quando scopre di aver perso parzialmente gran parte dei suoi ricordi, inclusi quella che la legano alla sua vita coniugale e all’incidente appena accaduto. Ciononostante, arriva in suo soccorso il marito Russell (Mike Vogel), che cerca in ogni modo di accudire al meglio la moglie convalescente. Oscuri intrighi e segreti verranno fuori dai ricordi di Jennifer, che non può fare a meno di riscoprire se stessa attraverso Russell.

Leggi anche:  Men in Black International Recensione, Alieno buono, alieno cattivo

Nessuna sorpresa in arrivo

Partiamo dal presupposto che il trailer fornito dai diversi canali di Netflix abbia, in parte, contribuito a demolire l’entusiasmo verso la piccola trama del film mostrando più del dovuto ed ammazzando letteralmente ogni piccola chance che la pellicola avrebbe per essere interamente apprezzata. Il nostro consiglio, infatti, è quello di evitare il trailer il più possibile se davvero vi interessa la visione di Secret Obsession.

Entrando nel dettaglio, la trama non ha nulla di originale, già vista e sentita più e più volte. Durante il ritorno a casa della protagonista, già possiamo sentire nell’aria la puzza di bruciato tipica di una trama che sta per passare alla fase di attacco. Molte delle dinamiche sono prevedibili, soprattutto nel passaggio da momenti di “intensa suspence” degna di Misery non deve morire a svolte scontate, degne di un thriller di serie B. Sicuramente l’interpretazione di Brenda Song ha contribuito a ridicolizzare la trama. Ogni scena sembra essere stata generata dalla mente di chi non mastica veramente il genere.

Il velato messaggio sociale che mette in guardia le donne

Nonostante la trama pecchi di originalità, seppur non di tecnica, Secret Obsession accende un campanello di allarme, da non ignorare per il pubblico femminile. 
Jennifer si sente costantemente in trappola in una casa che non sente più sua ed un marito che non riesce a ricordare. Tutto questo suscita in lei un grande desiderio di conoscere la sua vita e di esplorare il luogo in cui abita. Il marito Russell è molto amorevole quando ma nasconde retroscena oscuri subito riconoscibili dai primi frame del film.

Netflix non si tira mai indietro quando si tratta di raccontare storie di emarginazione, anche se molte volte sceglie trame e situazioni ben poco degne della tematica. Jennifer si sente prigioniera in un luogo che dovrebbe esserle famigliare, eppure la sensazione di pericolo non la lascia dormire la notte. Di questi tempi, è solito rappresentare scene e situazioni molto simili a quelle che vive Jennifer. Molte serie e film di un certo spessore fanno leva sui sentimenti delle donne, aiutandole ad uscire fuori dal guscio nei momenti di grande bisogno. Nonostante la storia di Secret Obsession abbia i suoi visibili difetti, ha comunque la forza nel presentarci un thriller leggero e facilmente comprensibile.

Leggi anche:  Unbelievable: il trailer della miniserie Netflix

Le nostre giuste conclusioni affrettate

Sicuramente ciò che salta più all’occhio su questo titolo è la trama, e ormai lo abbiamo appurato. Ciò che però rende gradevole la visione di Secret Obsession è la fluidità con cui la storia ci viene raccontata, senza troppi attriti ed impedimenti. Scena dopo scena, la storia va avanti ad un ritmo impressionante e senza darci modo di annoiarci. Battuta dopo battuta quasi non ci accorgiamo di giungere alla fine. La durata è uno dei tratti migliori del titolo. Un’ora e mezza in cui non abbiamo tempo di distrarci. E’ un film adatto per una serata da trascorrere distesi sul divano e con una grande ciotola di popcorn sotto braccio, in assenza di un titolo migliore da guardare. Nonostante la storia non ci riservi grandi sorprese, si tratta di un film ben confezionato e ben costruito. Ma nulla di più.

Secret Obsession è già disponibile su Netflix dal 18 Luglio!

 

4.9

Regia

6.5/10

Sceneggiatura

4.5/10

Cast

5.5/10

Colonna Sonora

3.0/10

Pros

  • Vivace fluidità delle scene
  • Ottima interpretazione della protagonista

Cons

  • Trama molto prevedibile
  • Contesto già visto in altri titoli

Altri articoli in Cinema

Ghostbusters: Legacy – Il primo trailer del nuovo film della saga!

Stefano Dell'Unto9 Dicembre 2019

Gli Eterni: Kevin Feige conferma “Vedremo il pieno ed enorme potere dei Celestiali”

Alessio Lonigro9 Dicembre 2019
Critics' Choice Awards

Critics’ Choice Awards, i più candidati C’era una volta ad Hollywood e The Irishman

Daniele Camerlingo9 Dicembre 2019

Avengers: Endgame – Il film ottiene 3 candidature ai Critics’ Choice Awards

Alessio Lonigro9 Dicembre 2019

Wonder Woman: la Warner Bros. prepara uno spin-off sulle Amazzoni

Stefano Dell'Unto8 Dicembre 2019

The Conjuring: svelato il titolo del terzo episodio

Stefano Dell'Unto8 Dicembre 2019