Oceania: il film lascerà spazio alla tradizione dell’animazione in 2D

Cinema
Angelo Tartarella
Nato nel 1995 in Puglia, Angelo è, sin da bambino, un lettore vorace e cresce per questo appassionandosi alle storie. Crescendo, s'interessa a quelle raccontate nei film e nelle serie TV, scopre e si appassiona a quelle raccontate nei videogiochi e nei fumetti. Iniziato ai fumetti da Don Rosa ad Alan Moore, Angelo si è presto appassionato a questo mondo, nonostante lui sia principalmente un fedelissimo Disney e Marvel.

Nato nel 1995 in Puglia, Angelo è, sin da bambino, un lettore vorace e cresce per questo appassionandosi alle storie. Crescendo, s'interessa a quelle raccontate nei film e nelle serie TV, scopre e si appassiona a quelle raccontate nei videogiochi e nei fumetti. Iniziato ai fumetti da Don Rosa ad Alan Moore, Angelo si è presto appassionato a questo mondo, nonostante lui sia principalmente un fedelissimo Disney e Marvel.

Tempo di lettura: 3 minuti

Nel corso dei passati 30 anni, Ron Clements e John Musker sono stati alla guida di alcuni dei più grandi e più amati film Disney. Nel 1986 hanno aiutato aiutato a far nascere la versione Disney delle storie di Sherlock Holmes di Arthur Conan Doyle in Basil, l’InvestigatopoThe Great Mouse Detective, in lingua originale. Nel 1989, il fim di Clements e Musker La Sirenetta ha conquistato le sale cinematografiche, inaugurando la seconda golden age dell’animazione firmata Disney. Hanno proseguito con una serie di successi che include Aladdin e Hercules.

E’ un riassunto impressioante, eppure, nonostante oltre trent’anni di esperienza con la Disney, Oceania Moana, in lingua originale, rappresenta una nuova coraggiosa frontiera raggiunta dai due registi; Il film, che verrà rilasciato il 23 Novembre 2016 negli States, sarà il primo film di Clements e Muske in animazione 3D.

mini-maui-expression-sheet

Mentre la Disney non ha più prodotto un film animato in 2D dal 2009, anno in cui uscì La Principessa e il Ranocchio — che fu ovviamente diretto da Clements e Musker — l’animazione a mano è viva e prospera allo studio d’animazione. Non solo il team che ha lavorato su Oceania ha fatto esteso uso delle tecniche di animazione classica durante la pre-produzione e la produzione, uno dei personaggi più accattivanti del film, un tatuaggio vivente di nome Mini-Maui, è stato animato interamente a mano.

I classici Disney hanno influenzato tanti animatori che ora si sono trovati a lavorare proprio su Oceania “Alcuni anni fa uscì un film intitolato ‘Aladdin.’ Ho visto quel film almeno otto volte al cinema,” dice Hyrum Osmond, il cao della animazione di Oceania. “Avanti veloce a oggi, dove sto lavorando con Eric [Goldberg], Ron, e John…. E’ un completo sogno che diventa vero. Puoi parlare a chiunque in questa crew e tutti quanti avranno un sentimento simile.”

“Una cosa che è grandiosa circa questo studio è la storia del disegno,” concorda Malcon Pierce, uno dei supervisori dell’animazione di Oceania. “[Disegnare è] come comunichiamo tra dipartimenti.” Per esempio, invece di dare noto scritte a modellatori e animatori, il team incaricato di portare la protagonista del film, Vaiana, in vita disegnandola fisicamente su dei fotogrammi rendereizzati in 3D.  Fogli di espressioni o guide che gli animatori usano per essere sicuri che le espressioni facciali dei personaggi siano sia consistenti che coerenti con i modelli, sono state create a mano.

moana-maui-header

Ma ultimamente, Oceania è sempre fatto al computer, non da mani umane. Per contrasto, Mini-Maui in verità fonderà l’animazione in 2D e quella in 3D. Nel film, Vaiana fa squadra con Maui, un affascinante, turbolento e un po’ presuntoso semidio la cui voce in americano sarà quella dell’attore ed ex-wrestler recentemente eletto da  People Magazine come “l’uomo più sexy vivente” Dwayne “The Rock” Johnson. Nella cultura Polinesiana, la body art è usata per denotare un certo rango e status sociale. Per questo Maui è coperto di tatuaggi, ognuno dei quali rappresenza una delle grandi imprese eroiche del semidio Maui.

Secondo l’animatore veterano Eric Goldberg, l’eroe di questi disegni, Mini-Maui, “Non è soltanto un tatuaggio che si muove. E’ una personalità. Ha una funzione nella storia.” Nel corso del film, Mini-Maui viaggia attraverso il corpo di Maui, agendo sia come comedic relief che come coscienza di Maui. Mini-Maui rappresenta anche un grande traguardo tecnico, come uno dei primi personaggi interamente animati in 2D che interagisce senza continuità con il mondo in 3D intorno a lui.

Goldberg e i suoi assistenti hanno animato tutti i movimenti di Mini-Maui alla vecchia maniera: su carta. Non è facile come sembra. Perchè il normale Maui interagisce e risponde al e con la sua controparte tatuata, il che significa che Goldberg ha dovuto coordinare le animazione del Mini-Maui con quelle del grande Maui.

“E’ stata la prima possibilità che ho avuto di lavorare con gli animatori 3D.” dice Goldberg, un veterano dell’industria dell’animazione e co-regista di Classici Disney come Pocahontas.

Altri articoli in Cinema

Silver & Black: Gina Prince-Bythewood parla dello spin-off abbandonato di Spider-Man e di Disney+

Alessio Lonigro25 Aprile 2020

Spider-Man 3: Sony Pictures rimanda ufficialmente l’uscita del film con Tom Holland

Alessio Lonigro25 Aprile 2020

Thor: Love and Thunder – Chris Hemsworth crede che i film Marvel riporteranno il pubblico in sala

Alessio Lonigro24 Aprile 2020

Morbius: Tyrese Gibson è entusiasta di interpretare un personaggio Marvel

Alessio Lonigro24 Aprile 2020

X-Men: Tom Payne si candida al ruolo di Wolverine nel Marvel Cinematic Universe

Alessio Lonigro23 Aprile 2020

Fantastic 4: Un concept art scartato dal film di Josh Trank rivela il design della Fantasti-Car

Alessio Lonigro23 Aprile 2020