Marvel Studios: Kevin Feige sul rifiuto da parte degli attori e sulla nascita dello studio

Cinema
Alessio Lonigro
Nato nel 1999 a Bari, comincia a leggere fumetti a partire dal 2007, in piena Civil War. Ma è dal 2012 che nasce il suo amore definitivo per una delle più importanti case editrici di sempre: la Marvel. Non importa se si parli di film, fumetti o serie TV... Alessio e la Casa delle Idee sono una cosa sola!

Nato nel 1999 a Bari, comincia a leggere fumetti a partire dal 2007, in piena Civil War. Ma è dal 2012 che nasce il suo amore definitivo per una delle più importanti case editrici di sempre: la Marvel. Non importa se si parli di film, fumetti o serie TV... Alessio e la Casa delle Idee sono una cosa sola!

Tempo di lettura: 2 minuti

Durante una recente sessione di Q&A presentato dalla New York Film Academy, il presidente dei Marvel Studios e Chief Creative Officer dell’intera Casa delle Idee, Kevin Feige, ha parlato del rifiuto dei ruoli da parte degli attori per potenziali progetti, spiegando di averne ricevuto recentemente uno da una star molto importante.

È successo proprio l’altro giorno, con un attore.” ha rivelato Feige. “Quando c’è un attore che vogliamo ingaggiare per qualcosa, ci mettiamo in contatto con lui, gli forniamo una presentazione del progetto e capiamo subito se può essere interessato o meno. ‘Penso di essere un fallimento, glielo mostrerò, sceglieremo qualcuno anche migliore’. Quindi, fa parte del gioco e quello che cerchiamo sempre di fare è non pensarci troppo, non indugiare e andare avanti.

La verità è che il nostro studio è nato in un modo piuttosto interessante.” ha spiegato in seguito il produttore. “Ci fu dato l’incarico di realizzare due film nel 2008. Avevo fatto parte della Marvel fino a quel momento per circa cinque o sei anni. Come si è detto, in quel periodo furono realizzati i film sugli X-Men, i primi film sui Fantastici Quattro, il primo film su Daredevil e quelli dello Spider-Man di Sam Raimi che rappresentarono sicuramente il punto più alto.

Ero emozionato di essere vicino ad un film e ad un gruppo di persone che stava realizzando un film, quindi imparai cosa fare e cosa non fare. Perciò, quando diventammo uno studio autonomo e ottenemmo i finanziamenti per realizzare Iron Man, usammo tutta la mia esperienza e tutto ciò che avevo imparato, sia le cose buone che quelle cattive, per cercare di concentrarci sulla nostra visione e su ciò che volevamo.” ha aggiunto Kevin Feige.

SINOSSI
Dopo i devastanti eventi di Avengers: Infinity War (2018), l’universo è in rovina a causa degli sforzi del Titano Pazzo, Thanos. Con l’aiuto degli alleati rimasti in vita dopo lo schiocco, gli Avengers dovranno riunirsi ancora una volta per annullare le azioni di Thanos restaurando così l’ordine nell’universo una volta per tutte, a costo delle conseguenze che tutto ciò potrebbe portare.

Fonte: ComicBook.com

NerdPlanet consiglia...
Non hai ancora recuperato il Blu-Ray di Avengers: Endgame? Che aspetti? Clicca qui!

Altri articoli in Cinema

Silver & Black: Gina Prince-Bythewood parla dello spin-off abbandonato di Spider-Man e di Disney+

Alessio Lonigro25 Aprile 2020

Spider-Man 3: Sony Pictures rimanda ufficialmente l’uscita del film con Tom Holland

Alessio Lonigro25 Aprile 2020

Thor: Love and Thunder – Chris Hemsworth crede che i film Marvel riporteranno il pubblico in sala

Alessio Lonigro24 Aprile 2020

Morbius: Tyrese Gibson è entusiasta di interpretare un personaggio Marvel

Alessio Lonigro24 Aprile 2020

X-Men: Tom Payne si candida al ruolo di Wolverine nel Marvel Cinematic Universe

Alessio Lonigro23 Aprile 2020

Fantastic 4: Un concept art scartato dal film di Josh Trank rivela il design della Fantasti-Car

Alessio Lonigro23 Aprile 2020