Marvel Studios: Kevin Feige sulla separazione da Ike Perlmutter e da Marvel Entertainment

Cinema
Alessio Lonigro
Nato nel 1999 a Bari, comincia a leggere fumetti a partire dal 2007, in piena Civil War. Ma è dal 2012 che nasce il suo amore definitivo per una delle più importanti case editrici di sempre: la Marvel. Non importa se si parli di film, fumetti o serie TV... Alessio e la Casa delle Idee sono una cosa sola!

Nato nel 1999 a Bari, comincia a leggere fumetti a partire dal 2007, in piena Civil War. Ma è dal 2012 che nasce il suo amore definitivo per una delle più importanti case editrici di sempre: la Marvel. Non importa se si parli di film, fumetti o serie TV... Alessio e la Casa delle Idee sono una cosa sola!

Tempo di lettura: 2 minuti

A causa dei rapporti tesi con il Chairman della Marvel Entertainment Isaac “Ike” Perlmutter e il Marvel Creative Committee (composto da alcuni fumettisti incaricati di riscrivere le sceneggiature e di dare consigli ai vari filmmaker), il CEO della Disney Bob Iger decise di separare la divisione cinematografica gestita da Kevin Feige dal resto della compagnia.

In una recente intervista con Scott Feinberg del The Hollywood Reporter, il presidente dei Marvel Studios ha rivelato che la resistenza di Perlmutter nel diversificare i personaggi e nel produrre film come Black Panther e Captain Marvel ha rappresentato uno dei motivi della separazione:
Quella è una parte. Ci sono molti lati della storia. Potete prendere il libro di Bob Iger intitolato The Ride of a Lifetime per saperne di più, ma aveva senso ai tempi. Avevamo realizzato dieci film o più con quel livello gestionale, ma c’era un’altra strada da percorrere.

Nel suo libro di memorie, Bob Iger ha rivelato che Kevin Feige stava per dare le dimissioni a causa delle divergenze con Perlmutter:
Kevin è uno dei produttori cinematografici più talentuosi del settore, ma avevo la sensazione che il rapporto conflittuale con New York stesse minacciando la continuità del suo successo. Sapevo di dover intervenire e così, nel maggio 2015, decisi di separare la divisione cinematografica della Marvel da tutto il resto e di affidarne il controllo ad Alan Horn e alla Walt Disney Studios. Da quel momento Kevin avrebbe risposto direttamente ad Alan e tratto beneficio dalla sua esperienza, e le tensioni che si erano create tra lui e l’ufficio di New York si sarebbero alleviate.

SINOSSI
Dopo i devastanti eventi di Avengers: Infinity War (2018), l’universo è in rovina a causa degli sforzi del Titano Pazzo, Thanos. Con l’aiuto degli alleati rimasti in vita dopo lo schiocco, gli Avengers dovranno riunirsi ancora una volta per annullare le azioni di Thanos restaurando così l’ordine nell’universo una volta per tutte, a costo delle conseguenze che tutto ciò potrebbe portare.

Fonte: ComicBook.com

NerdPlanet consiglia...
Non hai ancora recuperato il Blu-Ray di Avengers: Endgame? Che aspetti? Clicca qui!

Altri articoli in Cinema

Silver & Black: Gina Prince-Bythewood parla dello spin-off abbandonato di Spider-Man e di Disney+

Alessio Lonigro25 Aprile 2020

Spider-Man 3: Sony Pictures rimanda ufficialmente l’uscita del film con Tom Holland

Alessio Lonigro25 Aprile 2020

Thor: Love and Thunder – Chris Hemsworth crede che i film Marvel riporteranno il pubblico in sala

Alessio Lonigro24 Aprile 2020

Morbius: Tyrese Gibson è entusiasta di interpretare un personaggio Marvel

Alessio Lonigro24 Aprile 2020

X-Men: Tom Payne si candida al ruolo di Wolverine nel Marvel Cinematic Universe

Alessio Lonigro23 Aprile 2020

Fantastic 4: Un concept art scartato dal film di Josh Trank rivela il design della Fantasti-Car

Alessio Lonigro23 Aprile 2020