Marvel Studios: Kevin Feige non apprezza la pratica dei test screening

Cinema
Alessio Lonigro
Nato nel 1999 a Bari, comincia a leggere fumetti a partire dal 2007, in piena Civil War. Ma è dal 2012 che nasce il suo amore definitivo per una delle più importanti case editrici di sempre: la Marvel. Non importa se si parli di film, fumetti o serie TV... Alessio e la Casa delle Idee sono una cosa sola!

Nato nel 1999 a Bari, comincia a leggere fumetti a partire dal 2007, in piena Civil War. Ma è dal 2012 che nasce il suo amore definitivo per una delle più importanti case editrici di sempre: la Marvel. Non importa se si parli di film, fumetti o serie TV... Alessio e la Casa delle Idee sono una cosa sola!

Tempo di lettura: 2 minuti

Durante una recente sessione di Q&A presentato dalla New York Film Academy, il presidente dei Marvel Studios e Chief Creative Officer dell’intera Casa delle Idee Kevin Feige ha espresso il suo disprezzo per la pratica dei test screening, ossia le proiezioni di prova dei film finalizzate a misurare il grandimento del pubblico prima della distribuzione nelle sale cinematografiche.

I test screening sono orribili. Sono dolorosi e terribili.” ha dichiarato Kevin Feige. “Tutte queste persone che non realizzano film che possono esprimere la propria opinione. Io di solito mi siedo nelle ultime file, mi metto il cappello e ascolto perché ci sono cose che non si notano. Se pensassimo di poter soddisfare tutti su tutto, collasseremmo in posizione fetale senza fare nulla. Non è quello che facciamo. Pensiamo principalmente a ciò che può essere interessante, a quello che può soddisfare le promesse che facciamo o a quello che potrebbe far evolvere il Marvel Cinematic Universe in modi inaspettati che il pubblico non potrebbe prevedere, come uccidere tutti i nostri eroi.

 

Ma è anche vero che realizziamo sempre film che possano piacere sia a chi ha guardato ogni pellicola che abbiamo prodotto sia a chi non ne ha mai visto uno. E sì, con Infinity War e Endgame è stato più difficile, ma facciamo i test screening per tutti i nostri film.” ha aggiunto il produttore. “Esattamente come per le riprese aggiuntive, lo stesso vale per i test screening: non bisogna essere così arroganti da pensare che non si possa imparare qualcosa dal pubblico. Questo è uno dei consigli più importanti che mi sento di dare.

SINOSSI
Dopo i devastanti eventi di Avengers: Infinity War (2018), l’universo è in rovina a causa degli sforzi del Titano Pazzo, Thanos. Con l’aiuto degli alleati rimasti in vita dopo lo schiocco, gli Avengers dovranno riunirsi ancora una volta per annullare le azioni di Thanos restaurando così l’ordine nell’universo una volta per tutte, a costo delle conseguenze che tutto ciò potrebbe portare.

Fonte: HeroicHollywood

NerdPlanet consiglia...
Non hai ancora recuperato il Blu-Ray di Avengers: Endgame? Che aspetti? Clicca qui!

Altri articoli in Cinema

Silver & Black: Gina Prince-Bythewood parla dello spin-off abbandonato di Spider-Man e di Disney+

Alessio Lonigro25 Aprile 2020

Spider-Man 3: Sony Pictures rimanda ufficialmente l’uscita del film con Tom Holland

Alessio Lonigro25 Aprile 2020

Thor: Love and Thunder – Chris Hemsworth crede che i film Marvel riporteranno il pubblico in sala

Alessio Lonigro24 Aprile 2020

Morbius: Tyrese Gibson è entusiasta di interpretare un personaggio Marvel

Alessio Lonigro24 Aprile 2020

X-Men: Tom Payne si candida al ruolo di Wolverine nel Marvel Cinematic Universe

Alessio Lonigro23 Aprile 2020

Fantastic 4: Un concept art scartato dal film di Josh Trank rivela il design della Fantasti-Car

Alessio Lonigro23 Aprile 2020