Harbinger: Paramount rileva il cinecomic Valiant dalla Sony

Cinema
Stefano Dell'Unto

Tempo di lettura: 2 minuti

La trasposizione cinematografica di Harbinger, il fumetto Valiant, verrà prodotto da Paramount Pictures e non più da Sony Entertainemnt. Justin Tipping è confermato alla regia. Scriverà la sceneggiatura insieme a Joshua Beirne-Golden da una precedente bozza di Eric Heisserer.

Dylan O’Brien, protagonista della saga di Maze Runner, era in lizza per interpretare Pete Stancheck, alias Sting. In corsa per un ruolo anche Noah Centineo, il prossimo He-Man cinematografico proprio per la Sony. Tuttavia i due attori non sarebbero più legati al progetto.

La serie a fumetti parte nel 1992 e racconta le vicende di un gruppo di giovani emarginati con superpoteri che si uniscono per affrontare un loro compagno superpotente intenzionato a sfruttare i loro poteri per scopi malvagi.

Il passaggio alla Paramount riserva delle serie ripercussioni sul progetto iniziale della Sony di creare un Valiant Universe cinematografico.

Harbinger doveva essere il secondo film del Valiant Universe dopo Bloodshot. La Valiant Entertainment aveva annunciato un accordo di cinque film con la Sony Pictures per portare sul grande schermo due film per ciascun franchise e i personaggi si sarebbero incontrati nel quinto che sarà la trasposizione di Harbinger Wars, crossover a fumetti pubblicato nel 2013.

Leggi anche:  Wild Rose: il trailer del film di Tom Harper

Tutti e cinque i film dovevano essere prodotti da Dinesh Shamdasan della Valiant con Neal H. Moritz e Toby Jaffe della Original Film (Fast & Furious, 21 Jump Street). Andrea Gianetti doveva essere il produttore esecutivo per la Sony.

Neal Moritz, che ha firmato un contratto in esclusiva con Paramount, è stato fondamentale per il trasferimento di Harbinger ma, a questo punto, un crossover sembra altamente improbabile.

Le riprese di Bloodshot si sono svolte in Sudafrica e vede Vin Diesel nel ruolo del protagonista. Diesel torna a collaborare con il produttore Neal Moritz dopo i franchise di Fast & Furious ed xXx. Toby Kebbell (Dr. Doom ne I Fantastici 4, Koba nella saga del Pianeta delle Scimmie) sarà il villain Axe. Nel fumetto non esiste un personaggio con questo nome. Potrebbe trattarsi della versione cinematografica di Ax, odioso e sedicente genio del computer con una naturale propensione per l’elettronica.

Lamorne Morris (New Girl, Game Night) sarà Wilfred Wigans, un giovane scienziato che diventerà l’improbabile alleato del protagonista. Nel cast figurano anche Guy Pearce (Prometheus, Iron Man 3), Sam Heughan (Outlander), Eiza Gonzalez (Baby Driver), Talulah Riley (Westworld) e Alex Hernandez (Unreal). Il film sarà diretto da Dave Wilson che ha collaborato con Tim Miller, regista di Deadpool, ai Blur Studios realizzando le cinematiche di videogiochi quali Halo 2, Mass Effect 2 e BioShock Infinite. La sceneggiatura è scritta da Eric Heisserer, nominato all’Oscar per Arrival. Scriverà anche il film su Harbinger. Heisserer è anche l’autore di Secret Weapons, nuovo fumetto della Valiant.

Bloodshot è stato creato da Kevin Van Hook, Don Perlin e Bob Layton. Si tratta di un soldato resuscitato da un agenzia governativa segreta e trasformato in un letale assassino, privo di memoria ed equipaggiato con nanotecnologia.

Bloodshot uscirà il 20 febbraio 2020 in Italia.

E’ stata recentemente realizzata anche la web-serie Ninjak vs. The Valiant Universe.

Fonte: The Hollywood Reporter

Altri articoli in Cinema

Black Panther: Kendrick Lamar e The Weeknd accusati di plagio per “Pray For Me”

Alessio Lonigro26 Febbraio 2020

Spider-Man: Tom Holland parla del piano della Sony per togliere il personaggio dal MCU

Alessio Lonigro25 Febbraio 2020

Shang-Chi and the Legend of the Ten Rings: Nel film verrà introdotto il primo mutante del MCU?

Alessio Lonigro25 Febbraio 2020

Onward – Oltre la Magia Recensione

Andrea Prosperi25 Febbraio 2020

Spider-Man: Tom Holland “conosce tutti i segreti” del terzo film della saga

Alessio Lonigro24 Febbraio 2020

Marvel Studios: Kevin Feige stava per lasciare lo studio a causa della mancanza di diversità

Alessio Lonigro24 Febbraio 2020