Golden Globes: Ricky Gervais ironizza sui commenti di Martin Scorsese sui film Marvel

Cinema
Alessio Lonigro
Nato nel 1999 a Bari, comincia a leggere fumetti a partire dal 2007, in piena Civil War. Ma è dal 2012 che nasce il suo amore definitivo per una delle più importanti case editrici di sempre: la Marvel. Non importa se si parli di film, fumetti o serie TV... Alessio e la Casa delle Idee sono una cosa sola!

Nato nel 1999 a Bari, comincia a leggere fumetti a partire dal 2007, in piena Civil War. Ma è dal 2012 che nasce il suo amore definitivo per una delle più importanti case editrici di sempre: la Marvel. Non importa se si parli di film, fumetti o serie TV... Alessio e la Casa delle Idee sono una cosa sola!

Tempo di lettura: 2 minuti

In occasione della 77ª edizione dei Golden Globes Awards, il controverso comico e conduttore della cerimonia Ricky Gervais ha preso in giro le recenti dichiarazioni di Martin Scorsese sui cinecomics e sui film dell’Universo Cinematografico Marvel che, come sappiamo, per il regista possono essere considerati “parchi a tema” e “non cinema“.

Martin Scorsese, il più grande regista di sempre, ha fatto notizia per i suoi commenti controversi sul franchise Marvel. Ha detto che non sono vero cinema, e che gli ricordano dei parchi a tema. Sono d’accordo con lui.” ha scherzato Ricky Gervais. “Anche se non so cosa lui faccia in giro nei parchi a tema. Non è abbastanza grande per andare sulle giostre. È piccolo.

In un secondo momento, Gervais si è preso gioco delle star che hanno interpretato dei supereroi presenti tra gli spettatori, dicendo che “tutti gli attori migliori sono stati presi da Netflix e da HBO“:
Gli attori dei film hollywoodiani ora partecipano ad avventure fantasy senza senso. Indossano maschere, mantelli e costumi davvero stretti. Il loro lavoro non è più recitare. È andare in palestra due volte al giorno e prendere steroidi. Abbiamo un premio per il ‘Miglior Tossico Palestrato’? Non ha senso, sappiamo chi lo vincerebbe.

Non sono mai venuti da me.” ha rivelato Scorsese durante una recente roundtable organizzata dal The Hollywood Reporter. “Mi ricordo quando Disneyland venne costruita. Sono così vecchio, sapete? Ero a Los Angeles nel 1970 e una delle aspirazioni degli studios era di diventare importanti per la cultura americana quanto Disneyland. E il primo studio a farlo fu la Universal con il tour. E poi si è aggiunto il blockbuster in cima, e perché no? Le persone li vanno a vedere. Si divertono e cose del genere. Quindi il senso del parco a tema c’è sempre stato. Non è un male. Ci piaceva andare nei parchi divertimenti. Ma ora in un parco divertimenti hai un film.

Le date di uscita dei prossimi progetti dei Marvel Studios sono le seguenti: Black Widow (1º maggio 2020), The Falcon and The Winter Soldier (autunno 2020), Gli Eterni (6 Novembre 2020), Shang-Chi and the Legend of the Ten Rings (12 Febbraio 2021), WandaVision (primavera 2021), Loki (primavera 2021), Doctor Strange in the Multiverse of Madness (7 Maggio 2021), Spider-Man 3 (16 Luglio 2021), What If…? (estate 2021), Hawkeye (autunno 2021), Thor: Love and Thunder (5 Novembre 2021).

Fonte: ComicBook.com

NerdPlanet consiglia...
Non hai ancora recuperato il Blu-Ray di Avengers: Endgame? Che aspetti? Clicca qui!

Altri articoli in Cinema

Silver & Black: Gina Prince-Bythewood parla dello spin-off abbandonato di Spider-Man e di Disney+

Alessio Lonigro25 Aprile 2020

Spider-Man 3: Sony Pictures rimanda ufficialmente l’uscita del film con Tom Holland

Alessio Lonigro25 Aprile 2020

Thor: Love and Thunder – Chris Hemsworth crede che i film Marvel riporteranno il pubblico in sala

Alessio Lonigro24 Aprile 2020

Morbius: Tyrese Gibson è entusiasta di interpretare un personaggio Marvel

Alessio Lonigro24 Aprile 2020

X-Men: Tom Payne si candida al ruolo di Wolverine nel Marvel Cinematic Universe

Alessio Lonigro23 Aprile 2020

Fantastic 4: Un concept art scartato dal film di Josh Trank rivela il design della Fantasti-Car

Alessio Lonigro23 Aprile 2020