Il Gladiatore 2: Ridley Scott rivela come avrebbe riportato Decimo Massimo Meridio sullo schermo

Cinema
Angelo Tartarella
Nato nel 1995 in Puglia, Angelo è, sin da bambino, un lettore vorace e cresce per questo appassionandosi alle storie. Crescendo, s'interessa a quelle raccontate nei film e nelle serie TV, scopre e si appassiona a quelle raccontate nei videogiochi e nei fumetti. Iniziato ai fumetti da Don Rosa ad Alan Moore, Angelo si è presto appassionato a questo mondo, nonostante lui sia principalmente un fedelissimo Disney e Marvel.

Nato nel 1995 in Puglia, Angelo è, sin da bambino, un lettore vorace e cresce per questo appassionandosi alle storie. Crescendo, s'interessa a quelle raccontate nei film e nelle serie TV, scopre e si appassiona a quelle raccontate nei videogiochi e nei fumetti. Iniziato ai fumetti da Don Rosa ad Alan Moore, Angelo si è presto appassionato a questo mondo, nonostante lui sia principalmente un fedelissimo Disney e Marvel.

Tempo di lettura: 3 minuti

Ridley Scott ha rivelato come lui riporterebbe Maximus indietro dai morti in un sequel a Il Gladiatore. Nell’epico racconto del regista premio Oscar, Il coraggioso generale romano interpreato da Russell Crowe sopravvive al suo tradimento e tenta di uccidere l’imperatore Commodo nella sua incarnazione interpretata da Joaquin Phoenix ed è metaforicamente resuscitato come un guerriero gladiatore che scala la classifica fino a diventare più celebre perfino dello stesso imperatore. Maximus cerca vendetta contro Commodus e alla fine muore nell’arena, ma non prima di trionfare sull’uomo che ha trucidato la suo famiglia e fatto a pezzi la sua vita.

La morte di Maximus alla fine de Il Gladiatore sembrerebbe aver chiuso la porta per la possibilità di un sequel, e ad oggi non c’è ancora un Il Gladiatore 2. Infatti, per quanto Ridley Scott non abbia piani noti circa un sequel de Il Gladiatore, lui ha effetivamente penmsato a come Maximus potrebbe letteralmente resuscitare per un secondo film.

Abbastanza stranamente c’è già una sceneggiature per un sequel de Il Gladiatore  là fuori, nel mondo reale. Circa dieci anni il musicista Nick Cave ha deciso che lui avrebbe provato a scrivere un Il Gladiatore 2 e vedere che cosa ne sarebbe risultato, secondo quelli che hanno letto la sceneggiatura, è tanto fuori di testa come ci si aspetterebbe che sarebbe la sceneggiatura di Il Gladiatore 2 scritta da Nick Cave.

Ridley Scott ha parlato della sceneggiatura di Cave in una recente intervista ME.MOVIES e ha parlato di come avrebbe risolto il problema di portare Russell Crowe indietro dai morti: “Sapete posso riportarlo indietro, so come riportarlo indietro. Ho parlato con lui [Crowe] riguardo il come riportarlo indietro. Ho usato [il corpo] di un guerriero morente come portale per portare indietro qualcuno.”.

 Nella sceneggiatura di Cave l’assolutamente morto Maximus va in giro per l’aldilà, incontrando vari dei romani e creature simili (non c’entra afterlife for awhile, meeting various Roman gods and such, prima di avere la sua possibilità di tornare al mondo reale quando ritorna attraveso il corpo di un martire cristiano massacrato (il “portale” a cui si riferisce Scott). Maximus scopre allora che Lucius, il figlio della sua ex-amante Lucilla (interpretata da Connie Nielsen nel Il Gladiatore originale), è andato in giro a massacrare cristiani con una veemenza allarmante.
 

Maximus lega con un gruppo di Cristiani perseguitati e dopo aver inizialmente provato a convincerli a non combattere, finisce con l’aiutarli a formare un esercito. Durante la strada Maximus scopre che suo figlio Marius, che si supponeva fosse morto nel primo film, è in realtà vivo e cristiano. Maximus lega di nuovo con il personaggio di Djimon Hounsou, Juba. La storia arriva ad una serie di pazzesche scene d’azione, una che coinvolge un’arena gladiatorale allagata dove uomini su una barca combattono alligatori, mentre l’altra è la sequenza della battaglia finale dove Lucius uccide Juba, poi viene fatto a pezzi da Maximus e finalmente ucciso con una freccia da Marius.

Con la sua intervista con MOVIES.ME, Ridley Scott ha detto che la sceneggiatura si torva “su una mensona alla Dreamworks” da qualche parte. E quasi certamente rimarrà su quella mensola, largamente perchè, nelle parole dello stesso Scott, Russell Crowe sta “andando un po avanti.”.

Sembra come quello che Nick Cave ha sognato per Il Gladiatore 2 per essere un film pieno di azione e visivamente memorabile, nonostante superi il confine della credibilità cinematografica, ma le possibilià di vedere effettivamente quel film sono quasi zero. Ridley Scott è abastanza focalizzato sul realizzare i film di Alien, in questo periodo, non per menzionare il suo film sulla Battaglia di Britannia, e non potrebbe trovare il tempo per riportare sugli schermi uno dei suoi film più acclamati.

Altri articoli in Cinema

Silver & Black: Gina Prince-Bythewood parla dello spin-off abbandonato di Spider-Man e di Disney+

Alessio Lonigro25 Aprile 2020

Spider-Man 3: Sony Pictures rimanda ufficialmente l’uscita del film con Tom Holland

Alessio Lonigro25 Aprile 2020

Thor: Love and Thunder – Chris Hemsworth crede che i film Marvel riporteranno il pubblico in sala

Alessio Lonigro24 Aprile 2020

Morbius: Tyrese Gibson è entusiasta di interpretare un personaggio Marvel

Alessio Lonigro24 Aprile 2020

X-Men: Tom Payne si candida al ruolo di Wolverine nel Marvel Cinematic Universe

Alessio Lonigro23 Aprile 2020

Fantastic 4: Un concept art scartato dal film di Josh Trank rivela il design della Fantasti-Car

Alessio Lonigro23 Aprile 2020