Il costume di Halloween di Gwyneth Paltrow, citazione a Se7en

Cinema
Giorgio Paolo Campi
Innamorato del cinema da quando a sei anni vide "I predatori dell'Arca perduta". E' in procinto di fondare una religione che proclami Macaulay Culkin il nuovo messia.

Innamorato del cinema da quando a sei anni vide "I predatori dell'Arca perduta". E' in procinto di fondare una religione che proclami Macaulay Culkin il nuovo messia.

Tempo di lettura: 3 minuti

Fermatevi un attimo. Tornate con la mente ad uno dei thriller migliori degli ultimi tre decenni almeno; siamo nel 1995. Ricordate nulla? Sì, Seven – o Se7en, se preferite.

Il secondo lungometraggio di David Fincher, ma la prima vera prova ad Hollywood per il regista, dopo l’insuccesso di Alien 3 (nonostante la nomination all’Oscar per gli effetti visivi) e la poca fiducia concessagli dai produttori di 20th Century Fox. Un intrigo ricco di suggestioni e sottotesti, tra omicidi brutali e vizi capitali, una trama coinvolgente, un ritmo incalzante, la grande performance degli interpreti (soprattutto di Kevin Spacey nei panni dell’ “Ignoto” – John Doe) hanno reso Se7en un ottimo prodotto cinematografico; ciò che però ha contribuito più di ogni altro fattore a renderla una pellicola di culto, ancora oggi amata e apprezzata dal pubblico, è lo stupefacente twist finale, uno dei più clamorosi aprosdoketa che la storia del cinema moderno ricordi.

Durante l’ultimo atto del meticoloso piano di Doe volto a denunciare la sostanziale vocazione al vizio e all’autodistruzione dell’umanità intera, questi, dopo aver decapitato Tracy (Gwyneth Paltrow), la moglie incinta del giovane detective David Mills (Brad Pitt) – sesto omicidio, rappresentante l’invidia – e aver riposto la di lei testa in una scatola, induce Mills ad ucciderlo, arrivando al settimo ed ultimo atto dimostrativo (l’omicidio scaturito dall’ira). Tutto questo, senza che venga mai mostrato esplicitamente il macabro contenuto della scatola.

Ebbene, con l’avvicinarsi di Halloween, dopo ben ventidue anni da quel lontano 1995, Gwyneth Paltrow ha finalmente deciso di “rivelare” con un travestimento citazionistico il contenuto della scatola. Ecco il costume che la Paltrow ha sfoggiato in una fotografia comparsa sul suo account Instagram nella giornata di ieri, 29 ottobre:

🎃

A post shared by Gwyneth Paltrow (@gwynethpaltrow) on

Una semplice scatola di cartone sulla testa, tagliata su un lato e completa di adesivo con l’avvertenza “FRAGILE” per la spedizione. Accanto a lei nella vasca da bagno il suo compagno Brad Falchuk, in divisa arancione, impersona chiaramente proprio il suo famigerato assassino, John Doe.

Il finale di Se7en, che ancora oggi viene ricordato e celebrato (anche dagli stessi attori del film!) in realtà fu ad un passo dall’andare completamente perduto. Fincher e gli altri attori del cast, infatti (Brad Pitt in particolare), facevano pressioni sulla produzione per mantenere il finale cupo, che vede la vittoria di Doe e che tutti conosciamo, mentre New Line Cinema inizialmente aveva concepito un finale edulcorato, secondo cui all’interno della scatola doveva esserci una testa di cane. Un’altra idea, invece, era quella di far intervenire direttamente il detective Somerset (Morgan Freeman), che si sarebbe dovuto sacrificare, uccidendo Doe prima che potesse farlo Mills, salvando in questo modo non soltanto il giovane collega, ma anche tutta l’umanità dall’inclinazione al male e al peccato.

Fortunatamente, Fincher si mostrò irremovibile, e la sua fermezza fu ripagata con la nascita di un film che ancora oggi, ventidue anni dopo, continua a far parlare di sé e rimane nei cuori di interpreti e pubblico.

 

Fonte: HR

Altri articoli in Cinema

Silver & Black: Gina Prince-Bythewood parla dello spin-off abbandonato di Spider-Man e di Disney+

Alessio Lonigro25 Aprile 2020

Spider-Man 3: Sony Pictures rimanda ufficialmente l’uscita del film con Tom Holland

Alessio Lonigro25 Aprile 2020

Thor: Love and Thunder – Chris Hemsworth crede che i film Marvel riporteranno il pubblico in sala

Alessio Lonigro24 Aprile 2020

Morbius: Tyrese Gibson è entusiasta di interpretare un personaggio Marvel

Alessio Lonigro24 Aprile 2020

X-Men: Tom Payne si candida al ruolo di Wolverine nel Marvel Cinematic Universe

Alessio Lonigro23 Aprile 2020

Fantastic 4: Un concept art scartato dal film di Josh Trank rivela il design della Fantasti-Car

Alessio Lonigro23 Aprile 2020