Bucky nuovo Capitan America: tutti i nuovi e i vecchi indizi

Cinema
Marco Pasqualini
Nato nel 1982 Marco è un ragazzo di città che ama la campagna più del multiplayer, pratica la monogamia su console, ne ama una alla volta anche se spesso si concede qualche scappatella su PC.

Nato nel 1982 Marco è un ragazzo di città che ama la campagna più del multiplayer, pratica la monogamia su console, ne ama una alla volta anche se spesso si concede qualche scappatella su PC.

Tempo di lettura: 2 minuti

Avete presente quando vi organizzano una festa di compleanno a sorpresa e lo venite a sapere? Si accendono le luci, tutti gridano “sorpresa” e tu, finto tonto, stai al gioco. Quello che sta accadendo nell’Universo Marvel è sostanzialmente lo stesso riguardo al futuro di Capitan America. Lo abbiamo capito tutti: il Soldato D’Inverno/Bucky ne prenderà il posto.

Gli indizi sono stati tanti e troppi da rendere quasi obsoleta, o doverosa, una comunicazione ufficiale:

  1. Sebastian Stan ha comunicato di aver firmato per ancora una manciata di film;
  2. Le varie scene ci mostrano come gli dona l’iconico scudo e come lo riesce a padroneggiare con maestria;
  3. Il ruolo vacante dopo i fatti di Civil War;
  4. Il suggerimento dei fratelli Russo circa l’inserimento di Nomad, che sarebbe ovviamente interpretato da Chris Evans;
  5. La spinta del personaggio del Soldato D’inverno che, nonostante abbia ucciso una miriade di persone, viene sempre e comunque dipinto come un martire e perdonato un po’ da tutti;
  6. Nel fumetto, dopo la morte di Steve Rogers, Bucky ne diventa il successore;
  7. La foto postata su Twitter dove Stan ringrazia tale Casey McBroom per avergli confezionato lo scudo che, a suo dire, gli servirà in futuro
fb_img_1480410234133

Ben lungi dall’essere una cattiva scelta, anzi, gli indizi sembrano rimandare all’ovvio e vista la prassi Marvel di svelare molti importanti retroscena in anticipo, potremmo aspettarci nei prossimi mesi qualche comunicazione ufficiale.

Tale politica spesso e volentieri si riserva di essere quasi una ricerca di mercato e di consensi e allo stesso tempo coadiuvata dal possibile recasting. A proposito, da una parte ci si chiede perché Evans (classe 1981) nei piani Marvel debba abbandonare il ruolo che interpreta nei migliori dei modi visto e considerato che è ancora giovane mentre dall’altra potrebbe essere che sia lo stesso attore ad aver voglia di cambiare i propri progetti professionali.

Inoltre interpretare un personaggio così massiccio e muscolare rappresenta uno stress fisico non da poco e dal 2011 (anno di uscita del primo Capitan America) sicuramente non si è mai potuto prendere una vera e propria pausa dal ruolo, nemmeno nella quotidianità.

In ogni caso Cap è l’unico personaggio su cui puntualmente circolano voci di una possibile morte ma alla fine non accade mai nulla di fatto. Molto meno probabile ora che c’è anche lo zampino della Disney.

Altri articoli in Cinema

Silver & Black: Gina Prince-Bythewood parla dello spin-off abbandonato di Spider-Man e di Disney+

Alessio Lonigro25 Aprile 2020

Spider-Man 3: Sony Pictures rimanda ufficialmente l’uscita del film con Tom Holland

Alessio Lonigro25 Aprile 2020

Thor: Love and Thunder – Chris Hemsworth crede che i film Marvel riporteranno il pubblico in sala

Alessio Lonigro24 Aprile 2020

Morbius: Tyrese Gibson è entusiasta di interpretare un personaggio Marvel

Alessio Lonigro24 Aprile 2020

X-Men: Tom Payne si candida al ruolo di Wolverine nel Marvel Cinematic Universe

Alessio Lonigro23 Aprile 2020

Fantastic 4: Un concept art scartato dal film di Josh Trank rivela il design della Fantasti-Car

Alessio Lonigro23 Aprile 2020