Bong Joon-ho: Il regista di Parasite elogia i film Marvel

Cinema
Alessio Lonigro
Nato nel 1999 a Bari, comincia a leggere fumetti a partire dal 2007, in piena Civil War. Ma è dal 2012 che nasce il suo amore definitivo per una delle più importanti case editrici di sempre: la Marvel. Non importa se si parli di film, fumetti o serie TV... Alessio e la Casa delle Idee sono una cosa sola!

Nato nel 1999 a Bari, comincia a leggere fumetti a partire dal 2007, in piena Civil War. Ma è dal 2012 che nasce il suo amore definitivo per una delle più importanti case editrici di sempre: la Marvel. Non importa se si parli di film, fumetti o serie TV... Alessio e la Casa delle Idee sono una cosa sola!

Tempo di lettura: 2 minuti

In una recente intervista con Variety, Bong Joon-ho, regista del film coreano Parasite (vincitore della Palma D’Oro all’ultima edizione del Festival di Cannes) ha preso le difese dei film dei Marvel Studios e dei cinecomics, spiegando tuttavia che non ne girerebbe mai uno.

Nutro molto rispetto per Scorsese e Coppola, e sono cresciuto studiando i loro film. Quindi capisco completamente il contesto dei loro commenti e rispetto la loro opinione.” ha dichiarato Bong Joon-ho. “Ma, d’altra parte, se guardo i film singolarmente, ho apprezzato Guardiani della Galassia, Logan di James Mangold e The Winter Soldier dei fratelli Russo. Ci sono grandi momenti cinematografici in questi film.

Ho un problema personale. Rispetto la creatività dei film sui supereroi ma, sia nella vita reale che nei film, non sopporto le persone con vestiti attillati. Non indosserei mai una cosa del genere, e solo vedere qualcuno con vestiti attillati è mentalmente difficile. Non so dove guardare, e mi sento soffocato. La maggior parte dei supereroi indossano costumi attillati, quindi non potrei mai dirigerne uno. Non penso nemmeno che qualcuno mi offrirà un progetto simile.” ha aggiunto il regista.

Nelle scorse settimane, Martin Scorsese ha espresso il suo punto di vista sui film Marvel, definendoli dei “parchi a tema” e “non cinema“:
Non li vedo. Ci ho provato, sai? Ma non è cinema. Onestamente, la cosa più vicina a cui riesco a pensare, in base a come siano fatti e di quanto impegno possano metterci gli attori in certe circostanze, sono dei parchi a tema. Non si tratta di cinema in cui esseri umani cercano di veicolare emozioni o esperienze psicologiche ad altri esseri umani.

SINOSSI
Dopo i devastanti eventi di Avengers: Infinity War (2018), l’universo è in rovina a causa degli sforzi del Titano Pazzo, Thanos. Con l’aiuto degli alleati rimasti in vita dopo lo schiocco, gli Avengers dovranno riunirsi ancora una volta per annullare le azioni di Thanos restaurando così l’ordine nell’universo una volta per tutte, a costo delle conseguenze che tutto ciò potrebbe portare.

Fonte: ComicBook.com

NerdPlanet consiglia...
Non hai ancora recuperato il Blu-Ray di Avengers: Endgame? Che aspetti? Clicca qui!

Altri articoli in Cinema

Doctor Strange: Scott Derrickson svela un retroscena legato al rinvio del primo film

Alessio Lonigro6 Aprile 2020

Legion: Il compositore Jeff Russo condivide le sue speranze per il reboot degli X-Men

Alessio Lonigro6 Aprile 2020

Black Widow: Kevin Feige e Scarlett Johansson sul “grande cambio di registro” della pellicola

Alessio Lonigro6 Aprile 2020

Doctor Strange in the Multiverse of Madness: Natasha Lyonne sarà presente nel film?

Alessio Lonigro5 Aprile 2020

Marvel Studios: La produzione dei film e delle serie per Disney+ ripartirà a settembre?

Alessio Lonigro5 Aprile 2020

Luke Cage: Quentin Tarantino spiega per quale motivo non ha più diretto il film negli anni ’90

Alessio Lonigro5 Aprile 2020