Avengers: Endgame – Lou Ferrigno critica il film e l’Hulk di Mark Ruffalo 

Cinema
Alessio Lonigro
Nato nel 1999 a Bari, comincia a leggere fumetti a partire dal 2007, in piena Civil War. Ma è dal 2012 che nasce il suo amore definitivo per una delle più importanti case editrici di sempre: la Marvel. Non importa se si parli di film, fumetti o serie TV... Alessio e la Casa delle Idee sono una cosa sola!

Nato nel 1999 a Bari, comincia a leggere fumetti a partire dal 2007, in piena Civil War. Ma è dal 2012 che nasce il suo amore definitivo per una delle più importanti case editrici di sempre: la Marvel. Non importa se si parli di film, fumetti o serie TV... Alessio e la Casa delle Idee sono una cosa sola!

Tempo di lettura: 2 minuti

In occasione dell’Hamilton Comic Con, Lou Ferrigno, interprete del Golia Verde nella serie televisiva del 1978 The Incredible Hulk con Bill Bixby, ha criticato la “deludente” rappresentazione del personaggio in Avengers: Endgame, spiegando di non aver apprezzato l’interpretazione di Mark Ruffalo nel film.

Nei primi due film di Hulk la CGI stava migliorando ma l’ultimo, Endgame, mi ha deluso.” ha dichiarato Lou Ferrigno. “Hulk ha bisogno di essere orribile, deve essere una creatura. Non mi è piaciuto il modo in cui Mark Ruffalo ha interpretato Hulk in Endgame, penso che abbia a che fare molto con lui e con la Disney. Ha portato via la bellezza, la qualità di Hulk. È per questo motivo che molte persone hanno apprezzato la serie.

Per Ferrigno, inoltre, Avengers: Endgame è stato “troppo estremo con le navi spaziali, con le sparatorie e con lo spazio“. “Abbiamo bisogno di buone storie. Buoni elementi e buoni messaggi sulla vita. Quando vedi le serie TV, come l’originale The Twilight Zone, impari qualcosa da ogni episodio. La CGI, voglio dire, è tutto diverso. Alle persone piace in quel modo perché è un intrattenimento più grande sullo schermo.” ha spiegato l’attore.

Pur avendo prestato la voce al Verdone in The Avengers e in Avengers: Age of Ultron, Ferrigno ritiene che dare ad Hulk la capacità di parlare avrebbe “rovinato” il personaggio:
Fare la voce fuori campo è molto difficile poiché, quando fai questo tipo di lavoro, non stai girando una scena con un altro attore ma devi improvvisare. Quindi, quando ho registrato la voce per il film, mi hanno messo in una stanza buia.  Mi hanno solo descritto la scena, ma per il resto ho improvvisato. Non ho potuto parlare per due giorni perché la voce viene dal torace. È una sfida, è lavoro. Ho dovuto quasi gridare e parlare nel modo in cui Hulk pensa. E ora, in questo nuovo film, Hulk ha dei dialoghi. Penso che lo abbiano rovinato.

SINOSSI
Dopo i devastanti eventi di Avengers: Infinity War (2018), l’universo è in rovina a causa degli sforzi del Titano Pazzo, Thanos. Con l’aiuto degli alleati rimasti in vita dopo lo schiocco, gli Avengers dovranno riunirsi ancora una volta per annullare le azioni di Thanos restaurando così l’ordine nell’universo una volta per tutte, a costo delle conseguenze che tutto ciò potrebbe portare.

Fonte: ComicBook.com

NerdPlanet consiglia...
Non hai ancora recuperato il Blu-Ray di Avengers: Endgame? Che aspetti? Clicca qui!

Altri articoli in Cinema

Marvel Studios: Jennifer Lopez accetterebbe volentieri un ruolo nel MCU

Alessio Lonigro12 Dicembre 2019

Star Wars tra Solo e Disney+, la fine del progetto Anthology?

Andrea Prosperi12 Dicembre 2019
Kill Bill Vol. 3

Kill Bill Vol. 3, per Quentin Tarantino è ancora possibile

Daniele Camerlingo11 Dicembre 2019

Kevin Feige: “Black Widow mostrerà Infinity War e Endgame sotto una nuova luce”

Alessio Lonigro11 Dicembre 2019

Avengers: Infinity War – Un concept art scartato rivela una scioccante scena con War Machine

Alessio Lonigro10 Dicembre 2019

Black Widow: La clip mostrata al CCXP conferma un look di Taskmaster più fedele ai fumetti

Alessio Lonigro10 Dicembre 2019