Angry Birds 2 Recensione, uccelli (poco) arrabbiati chiedono scusa

Cinema
Stefano Dell'Unto

Tempo di lettura: 4 minuti

ANGRY BIRDS 2 NEMICI PER SEMPRE

La guerra tra Bird Island e Piggy Island prosegue senza sosta e Red continua ad ergersi in difesa della comunità degli uccelli contro gli assalti dei maiali. Tuttavia le due fazioni devono giungere ad una tregua quando si palesa un nuovo nemico. Zeta, rancorosa leader di Eagle Island, attacca le altre due isole con delle devastanti sfere di ghiaccio. Red deve mettersi a capo di un team che dovrà fare incursione ad Eagle Island e distruggere la base del nemico.

Titolo originale: The Angry Birds Movie 2
Genere: animazione, avventura, commedia
Regia: Thurop Van Orman, John Rice
Cast doppiatori versione originale: Jason Sudeikis, Rachel Bloom, Bill Hader, Josh Gad, Danny McBride, Leslie Jones, Awkwafina, Sterling K. Brown, Peter Dinklage, Nicki Minaj
Cast doppiatori versione italiana: Maccio Capatonda, Veronica Puccio, Massimo Bitossi, Alessandro Cattelan, Francesco Pannofino, Claudia Catani, Elena Perino, Gianfranco Miranda, Alessandro Rossi
Paese: USA, Finlandia
Durata: 97 min.
Casa di produzione: Sony Pictures Animation, Rovio Entertainment
Distribuzione Italia: Sony Pictures Italia/Warner Bros.
Data di uscita Italia: 12 settembre 2019
Data di uscita USA: 14 agosto 2019

Lungi da noi voler cercare noiose metafore sociopolitiche in un film d’animazione rivolto soprattutto ai più piccoli ma il primo episodio di Angry Birds, tratto dalla celebre serie di puzzle game finlandesi, si prestava ad una chiave di lettura equivoca. Il protagonista è Red, rosso, colore che viene associato alla rabbia e caratterizza il personaggio, asociale e scontroso. Coincidentalmente, però, il rosso è anche il colore degli stati repubblicani americani. Considerazione pretenziosa e tirata per i capelli? Aspettate un attimo.

Sull’Isola degli Uccelli arriva una legione di Maiali. L’unico che non vuole ospitarli è proprio lui, il “rosso”, e, alla fine, ha ragione perché questi immigrati sono tutti malvagi e sono venuti a rubare le risorse degli uccelli, ovvero le uova. Il resto della comunità degli uccelli, progressista e ospitale, passa per essere un gruppo di ingenui buonisti. Red decide così di rivolgersi alla leggendaria Grande Aquila dalla testa bianca che, sempre coincidentalmente, è il simbolo delle istituzioni americane. E’ il protettore dell’isola e l’unico a saper volare, quindi è il più potente degli uccelli. Per farla breve, il Presidente degli USA che, all’epoca dell’uscita del film, era Barack Obama. Quando Red lo incontra, però, scopre che si tratta di un cialtrone inetto e imbolsito.

Red deve quindi cavarsela da solo e va a finire che “i nostri” bombardano la città dei Maiali senza distinguere l’obiettivo militare da quello civile. Stando a questa inquietante interpretazione, ci troveremmo di fronte ad un film conservatore, guerrafondaio e anti immigrazione. Parecchie recensioni americane hanno attaccato il film in questo senso, definendolo un’opera di propaganda e identificando Red con Donald Trump e i suprematisti bianchi più in generale.

Leggi anche:  Solo: A Star Wars Story nuovo trailer internazionale e nuovo poster

In realtà sono tutte stupidaggini. Basta la presenza del comprimario Chuck, il primo personaggio gay in un film d’animazione di questo livello, ed è sufficiente scorrere i nomi dei doppiatori della versione originale per rendersi conto che il film ha un’anima liberale e progressista. Ma, allora, se il film non è in malafede, perché corre il rischio di far passare un messaggio opposto a quello voluto? Semplicemente perché è stato scritto in maniera maldestra e superficiale ed alcuni simbolismi e tematiche andrebbero trattati con maggior attenzione.

Il pubblico generalista non sembra aver prestato molta attenzione alla cosa, il film ha avuto successo, ma la bacchettata sulle dita della produzione dev’essere arrivata perché questo sequel, per com’è strutturato, suona come un enorme atto di scuse per le leggerezze del primo episodio. Non sorprende il cambio di sceneggiatore, fuori Jon Vitti, dentro Peter Ackerman.

Il nuovo arco narrativo di Red serve proprio a destrutturarne l’aura di eroe bellico e virile in favore del girl power intellettuale, la new entry Silver, che rifugge la violenza e preferisce un approccio cerebrale al conflitto. La natura stessa della missione, con riferimenti faciloni a 007, è in perfetta antitesi con i bombardamenti del primo episodio. L’isola da attaccare è un’enorme arma di distruzione, quindi non ci sono obiettivi civili, e il team opta per una pacifica incursione stealth dove gli sporadici feriti sono spesso causati da rocamboleschi e involontari incidenti.

C’è meno attenzione nella scrittura dei personaggi. Tutto il lavoro di introspezione psicanalitica apportato su Red nel primo episodio viene qui a mancare. Viene appena suggerito un possibile risvolto sentimentale che non ha alcun vero sviluppo (forse rimandato all’eventuale terzo episodio) come pure la back-story di Zeta appena accennata e poco centrale. La missione stessa entra nel vivo solo nel finale. Strada facendo accade ben poco. Piuttosto che sviluppare personaggi e storia, si preferisce inanellare una sfilza infinita di gag comiche puerili più o meno riuscite, passando per funzioni corporali e gag musicali un tanto al chilo.

Avete presente lo scoiattolino Scrat de L’era glaciale che insegue perennemente la sua ghianda in una sottotrama che non si collega (quasi) mai con la linea narrativa principale? Ecco, qui c’è la versione piumata. Al posto di Scrat ci sono tre pulcini e, invece della ghianda, ci sono tre uova che devono cercare di recuperare tra mille disavventure finendo addirittura nello spazio.

Angry Birds 2 è un film che scivola via così, fa ridere i bambini, fa sorridere gli adulti e te lo dimentichi in fretta. Però questi uccelli arrabbiati sono molto più responsabili e simpatici, forse un po’ meno politicamente scorretti. E se davvero il film vuol essere un atto di scuse per essere stati troppo leggerini nel primo episodio, le accettiamo di buon grado. Pace fatta, Red, amici come prima.

NerdPlanet consiglia...
Se volete recuperare il primo episodio prima di andare a vedere al cinema Angry Birds 2, lo trovate qui.

Angry Birds 2 Nemici amici per sempre

6.1

Regia

7.0/10

Sceneggiatura

4.5/10

Cast

6.5/10

Animazione

7.5/10

Colonna sonora

5.0/10
Aggiungi un commento all'articolo! Clicca qui.

Lascia un commento!

avatar
  Subscribe  
Notificami

Altri articoli in Cinema

Giovani Streghe: annunciato il cast del remake Blumhouse

Stefano Dell'Unto21 Settembre 2019

Rambo: Last Blood – Il creatore del personaggio attacca il film

Stefano Dell'Unto21 Settembre 2019

Avengers: Endgame – La Disney lancia la campagna per gli Oscar 2020

Alessio Lonigro21 Settembre 2019

Tutti insieme appassionatamente, Ed Asner vuole che Rob Zombie diriga il remake

Daniele Camerlingo21 Settembre 2019

Gli Eterni: le prime immagini di Angelina Jolie sul set del film Marvel

Stefano Dell'Unto20 Settembre 2019

Rambo – Last Blood, perché Sylvester Stallone non ha diretto il film

Daniele Camerlingo20 Settembre 2019