Zombicide – Recensione

BDQ: Boardgames di Qualità
Stefano Zappa
Stefano, classe 1984, è da sempre appassionato di romanzi fantasy, tra cui le opere del maestro Tolkien e George R. R. Martin. Scopre al liceo i wargame targati Games Workshop e inizia a dipingere miniature, arrivando ad ottenere diversi lavori su commissione. [..]

Stefano, classe 1984, è da sempre appassionato di romanzi fantasy, tra cui le opere del maestro Tolkien e George R. R. Martin. Scopre al liceo i wargame targati Games Workshop e inizia a dipingere miniature, arrivando ad ottenere diversi lavori su commissione. [..]

Zombicide è un gioco creato da Raphaël Guiton, Jean-Baptiste Lullien e Nicolas Raoult, edito da Guillottine Games ed uscito nel 2012 a seguito di una campagna di successo su Kickstarter lanciata da CoolMiniOrNot. È disponibile anche in lingua italiana grazie ad Asterion Press.

L’ambientazione del gioco è la classica dei film horror con gli zombie come protagonisti. Il mondo è ormai invaso da orde di cadaveri ambulanti e i sopravvissuti devono cercare di resistere il più a lungo possibile e ottenere le risorse necessarie per restare in vita.

  • Giocatori: da 1 a 6
  • Durata: 60 – 180 minuti (a seconda dello scenario)
  • Età consigliata: dai 13 anni in su
  • Prezzo: 79,90€ ma facilmente reperibile con sconti su diversi negozi online

COMPONENTI

All’interno della pesante scatola troviamo 9 plance scenario stampate su entrambi i lati e rappresentanti strade ed interni di edifici, 6 schede personaggio, 6 dadi, 110 carte suddivise in 42 carte zombie, 62 carte equipaggiamento e 6 carte ferita, svariati segnalini (per identificare il rumore, le porte, gli “ingressi” per gli zombie sulla mappa, ecc). Il punto forte della componentistica sono le 71 miniature per i 6 sopravvissuti e i 65 zombie di tipo diverso e con pose differenti.

 

IL GIOCO IN BREVE

Come per tutti i giochi editi in italiano da Asterion Press, vi rimando al loro sito dove si possono scaricare gratuitamente le regole (http://site.asterionpress.com/giochi/zombicide_an/ITA_ZOMB-AN-RULEBOOK.pdf).

Ad inizio partita viene preparato lo scenario scelto con le plance e i segnalini adatti. Ogni scenario presente ha un obiettivo specifico che può variare dalla ricerca di oggetti, alla fuga da un’area, all’uccisione di un certo numero di zombie e via dicendo. Scopo del gioco è quindi quello di soddisfare l’obiettivo dello scenario in corso. Prima di cominciare si scelgono i sopravvissuti e si assegna a ciascun giocatore la rispettiva scheda personaggio su cui vengono poste le carte equipaggiamento di partenza o che verranno trovate nel corso della partita; gli equipaggiamenti forniscono dei bonus. Inoltre, la scheda personaggio presenta un contatore di uccisioni: man mano che un personaggio elimina gli zombie può ottenere delle abilità speciali.

Ogni sopravvissuto ha a disposizione 3 azioni che sono suddivisibili a piacimento generalmente in

  • Movimento: ci si sposta in una sezione adiacente
  • Ricerca: si pesca una carta equipaggiamento solo se si è in un edificio.
  • Combattimento: si tirano i dadi in base all’arma utilizzata (da mischia o da fuoco). La particolarità delle armi da fuoco è che non si scelgono gli obiettivi; se in una zona sono presenti altri sopravvissuti verranno colpiti prima loro, poi i diversi tipi di zombie.

Una volta che tutti i sopravvissuti hanno terminato il proprio turno si passa all’attivazione degli zombie che attaccheranno in automatico chi si trova nella stessa area, mordendo in automatico la preda; con due ferite il sopravvissuto è eliminato dalla partita. Se non ci sono personaggi nella loro area, gli zombie si spostano verso quello visibile più vicino o verso la fonte di rumore più alta (alcune armi e azioni causano rumore con conseguente rilascio dei segnalini adeguati sulla plancia)

Il turno degli zombie termina con la fase di generazione; ogni scenario ha zone precise da dove entreranno nuovi zombie. Per ognuna di queste zone si pesca una carta zombie e si piazzano sulla plancia il numero ed il tipo di zombie indicati. Ci sono infatti 4 tipi diversi di non-morti nel gioco:

  • Camminatori: i classici zombie lenti e stupidi
  • Grassoni: molto più grossi e resistenti
  • Corridori: più veloci e aggressivi
  • Abomini: veri e propri carri armati cadaverici, si possono abbattere solo con armi particolari

COMMENTI

Zombicide è un gioco dannatamente divertente. Le regole si assimilano velocemente e il coinvolgimento dei giocatori è assicurato sin dai primi turni. L’immedesimazione nell’ambientazione è resa molto bene e si assiste spesso a scene tipiche di film horror o serie tv sul tema, come un folle sacrificio di un personaggio per salvare gli altri o l’angoscia di essere circondati dentro un edificio. L’elevato costo del gioco è giustificato dall’enorme quantità di miniature e di materiale presente nella scatola. Se si vuole allungare l’esperienza di gioco senza comprare le numerose espansioni, è possibile scaricare una serie di missioni ufficiali gratuite oppure crearne personalmente. Un aspetto che può rendere meno coinvolgente l’esperienza di gioco è il fatto che le miniature sono in plastica grigia e andrebbero quindi dipinte per rendere il tutto visivamente perfetto. Ma si tratta proprio di cercare il pelo nell’uovo.

ESPANSIONI

Il successo della prima campagna Kickstarter ha portato al lancio di successive campagne per finanziare diverse espansioni e seguiti:

  • Toxic City Mall: ambientato in un centro commerciale, introduce gli zombie tossici, un sistema di evoluzione dei spravvissuti che possono diventare “zombivori”, nuovi sopravvissuti e nuove missioni.
  • Prison Outbreak (Zombicide Season 2): utilizzabile come espansione o stand-alone, introduce nuove plance scenario, nuove missioni, nuovi sopravvissuti e i nuovi zombie berserker.
  • Rue Morgue (Zombicide Season 3): utilizzabile come espansione o stand-alone, introduce nuove plance scenario, nuove missioni, nuovi sopravvissuti, i nuovi zombi famelici e striscianti; aggiunge inoltre la possibilità di giocare a squadre, portando il massimo dei giocatori a 12.
  • Angry Neighbors: oltre a nuovi sopravvissuti, nuove missioni e nuove plance, introduce gli aiutanti e gli zombie cercatori.

Esistono inoltre numerose mini espansioni che aggiungono zombie VIP, cani aiutanti, cani zombie, corvi zombie e molto altro materiale.

Pur non essendo parte dei seguiti e delle espansioni, segnalo Zombicide Black Plague e relativa espansione Wulfsburg. Il gioco presenta alcune piccole modifiche nei materiali e nel regolamento, ma la differenza maggiore è nell’ambientazione che passa da una contemporanea apocalisse ad un mondo fantasy medievaleggiante con necromanti, non-morti e lupi zombie.

Altri articoli in BDQ: Boardgames di Qualità

Jamaica – Recensione

Stefano Zappa15 novembre 2016

Dungeons and Dragons: il gioco di ruolo entra nella Toy Hall of Fame

Angelo Tartarella13 novembre 2016

Star Wars: X-Wing – Recensione

Stefano Zappa8 novembre 2016

Jungle Speed – Recensione

Stefano Zappa1 novembre 2016

Cosmic Encounter – Recensione

Stefano Zappa25 ottobre 2016

Il Trono Di Spade – Recensione

Stefano Zappa18 ottobre 2016