Wytches di Scott Snyder e Jock – La recensione (No Spoiler)

Fumetti
Claudia Padalino
Dal 1988, appassionata di fumetto d'autore, non d'autore, graffiti e disegnini fatti mentre si telefona. Laureata in Editoria e comunicazione aziendale, collabora con alcuni festival pugliesi per la promozione e la diffusione del fumetto italiano. Il suo sogno: riuscire a portare come ospite in Italia Alan Moore.

Dal 1988, appassionata di fumetto d'autore, non d'autore, graffiti e disegnini fatti mentre si telefona. Laureata in Editoria e comunicazione aziendale, collabora con alcuni festival pugliesi per la promozione e la diffusione del fumetto italiano. Il suo sogno: riuscire a portare come ospite in Italia Alan Moore.

L’esperienza di lettura di questo primo volume dal titolo Wytches, pubblicato in Italia da RW Lion, lascia il segno. Fortunatamente non sul corpo…

Il volume è una raccolta di una miniserie da 6 albi, scritta da Scott Snyder (Batman, Swamp Thing) e disegnata da Jock (Hellblazer, Detective Comics). Ma il punto di bellezza si raggiunge grazie all’elaborato e maestoso lavoro del colorista Matt Hollingsworth, che riesce a ricreare le atmosfere horror grazie a un sapiente incrocio di livelli di colori, manuali e digitali.

wytches rw lion

Una tipica trama horror che si snoda all’interno delle foreste del New Hampshire, che non spaventa fin da subito ma che lascia crescere il morbo del dubbio e della paura. La famiglia Rooks si trasferisce nel paesino di Litchfield per cambiare vita e lasciarsi alle spalle un brutto episodio. Charlie, scrittore di romanzi per l’infanzia, la moglie Lucy e la figlia Sailor vogliono dimenticarsi di una brutta storia legata ad un omicidio che li ha coinvolti. Cambiare aria potrebbe fare loro del bene? Allora perché Sailor è così inquieta, cosa vede che i suoi genitori non riescono a vedere? Le cose peggioreranno, perché il loro incubo non li abbandonerà e verrà a prendersi Sailor: Charlie e Lucy impazziranno nel cercarla, seppur in modalità differenti.

Questa serie horror ha molti punti a favore, a partire dalla sceneggiatura. Come si può terrorizzare, far paura senza l’uso immagini in movimento e colonne sonore lugubri? Wytches riesce benissimo nel compito di creare inquietudine e disagio nel lettore, mettendolo inizialmente a proprio agio nel sistema narrativo. Fin quando non compare frequentemente un dettaglio: la ruota panoramica, simbolo di ciclicità, di infanzia e innocenza. Un simbolo che ricorrerà ripetutamente all’interno della narrazione e aiuterà il lettore ad ancorarsi alla realtà, per evitare di essere portato via dalle Wytches.

Chi ha paura dell’acquerello?

Spazio e tempo si intrecciano splendidamente all’interno di una stessa tavola, riuscendo a guidare il lettore nel “qui e ora” tramite un sapiente cambio di tonalità di colore tra una vignetta e l’altra. Gestire un elemento narrativo così fondamentale con il solo uso del colore, precisamente con una tecnica acquerelli mista ad acrilici, amplifica ancora di più la bellezza di questo volume.

wytches scott snyder jock

La narrazione si sporca lentamente, fino ad annebbiare la mente del lettore, passando prima per la vista. Chiazze di colore sparso, aggiunte manualmente alle chine di Jock, rendono gli eventi ancora più ingestibili e imprevedibili. Non vi è niente di certo a cui aggrapparsi, c’è solo una trama che fila liscia senza rivelare nulla nell’immediato. Snyder ci aspetta con grosse sorprese verso l’ultimo capitolo, come un bimbo quando gioca a nascondino e non è stato ancora trovato. Tana libera tutti.

Uno sguardo al sistema narrativo

Le tematiche sono varie: famiglia, fiducia, adolescenza e tradimenti. La fiducia minata da chi hai sempre creduto un vero amico contro la fiducia verso un perfetto sconosciuto che ti punta un’arma contro. In momenti di disperazione, Charlie deve scegliere cosa fare per poter salvare la piccola Sailor, che tutti credono sia semplicemente scappata per un capriccio da adolescente.

Questo primo volume si dipana seguendo un andazzo cinematografico in tutto e per tutto. Dopo i “titoli di coda” (rubriche con interviste agli autori), compare un piccolo extra, che ci guida direttamente verso il secondo volume, di prossima uscita. Una volta iniziato a leggere, non si possono abbandonare le Wytches, esattamente come loro non vogliono abbandonare te, caro lettore…

Wytches (di Scott Snyder e Jock)

16,95€
Wytches (di Scott Snyder e Jock)
79.6

Chine

8/10

    Disegni

    7/10

      Storia

      8/10

        Leggibilità

        8/10

          Colori

          9/10

            Pros

            • Narrazione inquietante
            • Uso del colore magistrale
            • Trama e colore che convivono perfettamente
            • Buon prezzo

            Cons

            • Dialoghi intricati

            Altri articoli in Fumetti

            Second Sight Vol. 1, la Recensione – No Spoiler

            Angelo Tartarella14 novembre 2017

            Mob Psycho 100 #1: Non Stressate Quel Ragazzo

            Redazione11 novembre 2017

            The Wicked + The Divine Vol. 1-3, la Recensione – No Spoiler

            Angelo Tartarella10 novembre 2017

            DRAGON BALL QUIZ BOOK: SOLO PER VERI SAIYAN!

            Redazione10 novembre 2017

            Landis, Camuncoli e Skybound: arriva GREEN VALLEY

            Redazione10 novembre 2017

            Witch Doctor #1, la Recensione – No Spoiler

            Angelo Tartarella9 novembre 2017