Speciali
Alessandro Guida
Conosciuto sul web come WhereEaglesDare, l'energumeno che vi scrive è un amante e cultore dei videogames. Dedito al culto della MasterRace da tempo immemore, si diletta fra RTS, RPG - di quelli buoni - e Rocket League.

Conosciuto sul web come WhereEaglesDare, l'energumeno che vi scrive è un amante e cultore dei videogames. Dedito al culto della MasterRace da tempo immemore, si diletta fra RTS, RPG - di quelli buoni - e Rocket League.

Se siete stanchi della solita, triste e statica immagine che ogni giorno campeggia sul vostro desktop siete nel posto giusto.

E’ finalmente giunto il momento di rivelare al mondo l’esistenza di un software in grado di sollecitare l’ego artistico di ogni PCista: stiamo parlando di Wallpaper Engine.

Wallpaper Engine

Wallpaper Engine è la creatura di un singolo sviluppatore, Kristjan Skutta. Il software di cui andremo a parlare è essenzialmente un motore grafico che renderizza la scena sul nostro desktop. Tutto qui direte voi? Si, ma è proprio da questo fattore che nasce la magia.

Tramite Wallpaper Engine, ogni utente sarà in grado di personalizzare la propria scrivania virtuale in un modo prima impossibile. Al costo di un effimero impatto prestazionale – sul PC testato la RAM occupata era di soli 5 MB -, il nostro desktop, fino ad oggi immobile e triste, si trasformerà in una finestra sul mondo.

Sebbene in Wallpaper Engine ci venga data la possibilità di utilizzare l’editor interno per dar vita alle nostre creazioni, ciò che rende unico il prodotto è la sua integrazione con lo Steam Workshop e quindi con il genio e la creatività degli utenti in rete. Scopriamo insieme come accedere a questo piccolo tesoro artistico.

wallpaperengine1

L’interfaccia di Wallpaper Engine si presenta suddivisa in due sezioni principali: la prima a sinistra è quella che racchiude tutti i nostri Wallpapers, sia forniti di base che scaricati dal Workshop. La seconda, sulla destra, è costituita dagli strumenti di personalizzazione. Infatti, ogni sfondo che scaricheremo potrà essere personalizzato secondo le nostre esigenze.

Molte animazioni saranno completamente personalizzabili in termini di contenuti e colori, mentre di alcuni wallpapers (come i video in 4K) potremo modificare soltanto la velocità di riproduzione, la posizione nello schermo e l’eventuale volume dei suoni. Per ottenere invece un completo controllo su ciò che viene mostrato a schermo, sarà possibile utilizzare l’editor interno, che richiede un po’ di pratica nella gestione 3D dello spazio.

Troviamo il nostro wallpaper ideale

Vediamo adesso come trovare il nostro sfondo ideale tramite la ricerca sullo Steam Workshop. A differenza di molti altri software, l’integrazione con la repository di Steam è completa, quindi non dovremo uscire dal programma per sfogliare tutti i contenuti offerti dagli utenti. Basterà cliccare in alto a sinistra sulla parola Workshop, e immettere la parola chiave che ci aiuti nell’identificazione dei nostri contenuti ideali. In questo esempio abbiamo scelto la parola “nebula”.

wallpaperengine2

Nell’esempio, la nostra attenzione è andata al terzo elemento. Per ottenerlo basterà selezionarlo e cliccare su Subscribe nel tab a destra. Iscritti alla mod del Workshop, il programma provvederà al download dei file necessari. Una volta ultimato, il nuovo sfondo verrà automaticamente applicato al desktop.

La stessa procedura potrà essere eseguita per migliaia di altre splendide creazioni, che renderanno la nostra scrivania virtuale unica ed inimitabile. Per eliminare un contenuto non più desiderato invece, basterà selezionarlo e cliccare su Unsubscribe, rimuovendolo così definitivamente.

wallpaperengine3

Tecnicamente parlando, Wallpaper Engine utilizza un sistema molto intelligente per quanto riguarda la gestione delle risorse. Per non rallentare l’esecuzione di altri programmi, il desktop animato si disattiverà ogni qual volta verrà posto in background rispetto ad un altra applicazione. Così facendo occuperà risorse soltanto quando sarà necessario.

Wallpaper Engine è disponibile su Steam a soli 3,99€, un prezzo irrisorio per la quantità di contenuti che ci viene offerta, in modo gratuito, tramite lo Steam Workshop.

Altri articoli in Speciali

GPU Burning Test : Entry Level – Ottobre 2017

Alessandro Guida18 ottobre 2017

[SPECIALE] Youtube: come l’intelligenza artificiale ha migliorato il servizio

Federico Marsili5 settembre 2017

Scary Falls, lo scivolo in VR di Aqualandia

Marco Pasqualini5 giugno 2017

Ecco perché non vedremo mai una spada laser come in Star Wars

Alessandro Niro6 gennaio 2017

GDG DevFest Bari 2016 – report dell’evento del 24 e 25 novembre

Alessandro d'Amito25 novembre 2016

Amazon sfrutta droni del governo per le consegne

Maria Elena Sirio27 luglio 2016