WestWorld, 1×01/02. HBO stupisce ancora

Anteprime
Gianluca D'alessandro

La nuova serie targata HBO, WestWorld è finalmente arrivata, a causa dei nomi altisonanti il pilot era aspettato da moltissimi spettatori. Ideata da Jonathan Nolan e Lisa Joy, basata sul film Il mondo dei robot diretto da Michael Crichton;  la serie ha già riscosso molti giudizi positivi perciò non ci resta che analizzare le prime due puntate di di questa fantastica serie.

HBO forse ci è riuscita ancora

L’incipit di Westworld è senza dubbio d’impatto;  questo non significa che sia del tutto originale ed infatti il concetto di “Giocare a fare Dio” è stato trattato da molte pellicole come Jurassic Park di Steven Spielberg o anche la recentissima commedia Dio esiste e vive a Bruxelles diretta da Jaco Van Dormael. La trama ci introduce in un parco a tema in cui gli “ospiti” possono interagire in un mondo creato artificialmente dotato di androidi sintetici di ogni forma e carattere; gli ospiti sono invincibili in questa realtà fasulla e possono usufruire di ogni androide nel modo che vogliono.

westworld-james-marsden-evan-rachel-wood

Il connubio realtà-illusione

Nella televisione il tema era stato trattato ma forse mai in modo cosi crudo e realistico e Jonathan Nolan, oltre che sceneggiatore dei due episodi è anche il direttore della regia del pilot. La sceneggiatura scritta insieme a Lisa Joy riesce catapultarci in due realtà: un’illusoria e una vera, reale e crudele. Nolan non è certo un novellino nel tema realtà o falsità;  basti pensare alle due pellicole dirette dal fratello e sceneggiate da Jonathan  come Memento in cui non sapevi a quale azione credere e The Prestige, il quale poneva in analisi un’altra volta il connubio apparenza-verità.

I personaggi al di fuori del mondo western non sono ancora ben delineati ed è un bene dal momento che ci sono ancora solo due episodi; le sfaccettature dei personaggi arriveranno sicuramente pian piano con il proseguo della narrazione. I personaggi all’interno della realtà western sono invece bi-dimensionali a causa dei loro copioni da seguire ed ancora presto per esprimere giudizi negativi su quest’ultimi. Altro aspetto molto interessante manifestato dalle prime due puntate prese in analisi è la differenza tra i personaggi fasulli e i protagonisti al di fuori del mondo illusorio; quasi tutti gli “ospiti” sono crudeli, senza scrupoli a compiere ogni tipo di malvagità pur vedendo negli occhi dei “residenti” un’emozione tutt’altro che falsa; in realtà sono i personaggi creati in laboratorio a risultare più umani.

anthony-hopkins-and-jeffrey-wright-in-westworld

Non gridate al capolavoro della serialità televisiva

Westworld ha in sé molti rischi e la produzione ha già apertamente mostrato un budget molto alto, il mondo è vivo, pulsante in ogni suo elemento ma la serie è pretenziosa. La trama orizzontale non prosegue ed è molto lenta; le interpretazioni sono curate dai vari interpreti tra cui spicca l’attore Anthony Hopkins con un ruolo molto particolare e di primaria importanza. La realizzazione tecnica che comprende montaggio, regia e fotografia è notevole; interessante come lo stile di regia non vari a seconda dell’ambiente in cui la narrazione prende luogo in quel momento; ad esempio ci sono particolari momenti registici che richiamano Sergio Leone, John Ford o altri maestri del cinema.

Un altro rischio “dietro l’angolo” è la ripetitività dell’azione in cui personaggi interni ed esterni allo scenario western agiscono in modo prestabilito, prevedibile; anche l’eccessivo intreccio può creare noia principalmente per l’infinità di story-line che si possono creare durante le varie puntate.

Concludendo risulta comunque una serie assolutamente da non perdere, la quale promette bene e, sicuramente, ne vedremo delle belle!

Altri articoli in Anteprime

Marvel’s The Defenders, la Recensione – NO SPOILER

Andrea Prosperi9 agosto 2017

Doctor Who – Il trailer dello Speciale di Natale e la standing ovation del pubblico a Peter Capaldi

Rachele Innocenti24 luglio 2017

Doctor Who Speciale di Natale: Il ritorno del Primo Dottore e l’addio del Dodicesimo

Rachele Innocenti3 luglio 2017
the flash

The Flash – Rivelata l’identità di Savitar e news sul prossimo episodio

Roberta Galluzzo3 maggio 2017

Master of None: prime impressioni sulla seconda stagione Netflix

Alessandro d'Amito3 maggio 2017

Sense8: uno sguardo in anteprima sulla seconda stagione – NO SPOILER

Gloria Graziani2 maggio 2017