Wasted: il ritorno di Ned Stark in una serie tv allegra e frizzante

Recensioni
Classe 1988, da sempre appassionata di cinema e fumetti, vive a Padova dove è ritornata dopo un lungo periodo trascorso tra Roma, Dublino e Matera. Assidua frequentatrice di mercatini dell'usato e fiere del fumetto, il collezionismo è il suo hobby preferito, insieme all'amore per la scrittura. Insegna italiano e storia e geografia alle superiori e alle medie, e spesso in classe parla volentieri di Dylan Dog, piuttosto che di Gabriele D'annunzio. Un suo maestro, un tempo, la rimproverò dicendole "Fare, o non fare! Non c'è provare!", e questo è diventato, ormai, il suo motto.

Classe 1988, da sempre appassionata di cinema e fumetti, vive a Padova dove è ritornata dopo un lungo periodo trascorso tra Roma, Dublino e Matera. Assidua frequentatrice di mercatini dell'usato e fiere del fumetto, il collezionismo è il suo hobby preferito, insieme all'amore per la scrittura. Insegna italiano e storia e geografia alle superiori e alle medie, e spesso in classe parla volentieri di Dylan Dog, piuttosto che di Gabriele D'annunzio. Un suo maestro, un tempo, la rimproverò dicendole "Fare, o non fare! Non c'è provare!", e questo è diventato, ormai, il suo motto.

Se vi stavate chiedendo che fine avesse fatto Ned Stark, finalmente avrete tutte le risposte. Dopo la sua morte avvenuta ad Approdo del Re qualche anno fa, il capostipite di casa Stark è diventato uno spirito guida. Ad accoglierlo nella sua vita è stato un ragazzo inglese, nerd, co-proprietario di un negozio di tatuaggi, Morpheus.

Wasted racconta una storia di disagio, e lo fa con ironia. I protagonisti sono quattro ragazzi: Morpheus, co-propietario dello ‘Stoned Henge’ bong shop, un negozio di tatuaggi; Sarah, sorella di Morpheus, co-propietaria del negozio che sogna di andare in India; Alison, tatuatrice e esperta di droghe, segretamente amata da Morpheus; Kent, aspirante DJ che dopo aver tentato la fortuna in città, è tornato nel suo piccolo paesino di provincia senza soldi e senza un posto dove stare. I quattro vivono tutti sotto lo stesso tetto, non proprio in una casa, ma nel negozio di tatuaggi di Sarah e Morpheus.

Morpheus, il main character di questa serie TV, è un ragazzo molto insicuro, nerd e grassottello. Dalla sua insicurezza nasce la figura di uno spirito guida, interpretato da Sean Bean che qui veste nuovamente i panni di Ned Stark. La serie è simpatica e leggera, ma con un retrogusto amaro, come la vita in provincia, nello specifico a Neston Berry, che questi quattro ragazzi devono affrontare quotidianamente, non avendo altro da fare se non andare al solito pub e bere birra fino a perdere i sensi. Insomma, è la condizione di disagio vissuta da molti altri ragazzi nella vita reale, trattata con ironia e un pizzico di cinismo che non fa mai male.

La visione di Wasted è consigliatissima, soprattutto se state cercando una serie tv leggera e senza troppo impegno intellettuale. Sperando che almeno in questo nuovo show televisivo Sean Bean riesca a non morire, NerdPlanet vi augura una buona visione.

Altri articoli in Recensioni

Marvel’s Runaways: Episodi 4/6, la Recensione – No Spoiler

Angelo Tartarella12 dicembre 2017

The Walking Dead 8: Mid-season finale – La Recensione

Rossella Mormile12 dicembre 2017

Agents of Shield 05×03: A Life Spent, la Recensione – NO SPOILER

Angelo Tartarella11 dicembre 2017

Agents of Shield 5×01-02: Orientation, la Recensione – NO SPOILER

Angelo Tartarella4 dicembre 2017

Marvel’s Runaways: Episodi 1/3, la Recensione – NO SPOILER

Angelo Tartarella22 novembre 2017

The Punisher, la Recensione – NO SPOILER

Angelo Tartarella17 novembre 2017