Vikings: Riassunto e Commento seconda stagione

Recensioni
Davide Montalto
Davide nasce a Trapani nel luglio del 1995, all’età di 5 anni si trasferisce a Brescia dove vive tutt’ora. Fin da piccolo è appassionato di videogames e serie TV/film, la prima console è stato lo storico nintendo DS Lite, che conserva ancora gelosamente. Dai 15 anni si avvicina al mondo delle serie TV, usando il tempo libero disponibile per l’infinito recupero delle puntate. Da qualche anno si è avvicinato al mondo della MARVEL [..]

Davide nasce a Trapani nel luglio del 1995, all’età di 5 anni si trasferisce a Brescia dove vive tutt’ora. Fin da piccolo è appassionato di videogames e serie TV/film, la prima console è stato lo storico nintendo DS Lite, che conserva ancora gelosamente. Dai 15 anni si avvicina al mondo delle serie TV, usando il tempo libero disponibile per l’infinito recupero delle puntate. Da qualche anno si è avvicinato al mondo della MARVEL [..]

Rieccoci tornati con Vikings! Oggi faremo un focus sulla stagione 2, con il riassunto e un commento finale.

Vikings è una serie tv canadese di genere storico creata a scritta interamente da Micheal Hirst. Il primo episodio della serie debuttò il 3 marzo 2013 sulla rete televisiva History, sia in Canada che negli Usa. Successivamente venne trasmessa in Italia da RAI4, canale 26, a partire dal 28 maggio 2014.

Mi raccomando ragazzi, se non siete in pari o non avete ancora iniziato questa serie, state ben lontani dai paragrafi successivi!

spoiler_vikings

SECONDA STAGIONE

Rollo è stato persuaso da Jarl Borg a combattere al suo fianco e di conseguenza a schierarsi contro il fratello, Ragnar. La guerra tra Re Horik e Jarl Borg ha inizio. Rollo combatte furiosamente, mosso dalla rabbia, uccidendo molti uomini, tra cui alcuni suoi amici di Ragnar. Trovatosi di fronte al fratello, Rollo si arrende. Con una tregua, Ragnar, Re Horik e Jarl Borg si alleano per razziare insieme le isole britanniche. Rollo viene condotto a Kattegat per essere processato, ma Ragnar fa in modo che il fratello abbia salva la vita. Intanto arriva a Kattegat Aslaug, in attesa di un figlio di Ragnar. Indignata e tradita, Lagertha lascia Kattegat e Ragnar, portandosi però con se Bjorn.

Passano 4 anni. Ragnar e Aslaug governano Kattegat insieme ai loro figli, Hvitserk e Ubbe. Intanto Rollo passa le sue giornate a bere e ubriacarsi, senza nessuno scopo, in quanto gli è stato proibito di razziare. Ma Ragnar decide di perdonarlo. Intanto Re Horik decide, senza consultarlo, di escludere Jarl Borg dalla razzia, per questione personali. Egli lo viene a sapere e lascia il paese indignato. I due partono così per la razzia, ma una tempesta dirotta le navi e li fa sbarcare nel Wessex, governato da Re Ecbert. Iniziano a saccheggiare i paesi adiacenti, ma Athelstan, ormai guerriero vichingo, non riesce ancora a convivere con la brutalità dei compagni. Intanto Lagertha si è sposata con lo Jarl Sigvard uomo violento e odiato da Bjorn, ormai cresciuto. Aslaug partorisce il terzo figlio, Sigurd. Jarl Borg  è intenzionato a vendicarsi di Ragnar e attacca Kattegat. Rollo, che è rimasto al villaggio, cerca di difenderlo e di salvare la famiglia di Ragnar, che riesce a far fuggire; il villaggio però, è stato conquistato. Saputo dell’accaduto, Ragnar torna immediatamente a casa, lasciando nel Wessex Athelstan  con Re Horik. Athelstan viene poi catturato e crocifisso come apostata. Ma Re Ecbert lo risparmia e lo porta a corte. Ragnar, tornato a casa, si rende conto che ha troppi pochi uomini per battere Jarl Borg, ma Lagertha, venuta a conoscenza dei fatti, riunisce un esercito e va con Bjorn ad aiutare Ragnar.

Per riuscire a riprender Kattegat, Ragnar insieme al figlio decidono di distruggere i magazzini della città. Jarl Borg cade nella trappola ma riesce a fuggire. Athelstan, viene preso per serviver Re Ecbert, ma  è turbato dalla sua fede. Lagherta torna da Sigvard, che però continua a trattarla violentemente. La donna, ormai fuori di se, uccide il marito e si proclama Jarl di Hebedy. Aslaug da alla luce un bambino storpio, mentre Re Horik, cacciato dal Wessex, fa ritorno a Kattegat per chiedere aiuto a Ragnar. I due capi traggono in inganno ancora una volta Jarl Borg, che non viene chiamato a Kattegat per un’alleanza, ma solo per vendetta. La pena è la peggiore, L’aquila di sangue. Intanto Re Ecbert si allea con un vecchio nemico di Ragnar, Re Aelle. Ragnar giustizia Jarl Borg e si prepara immediatamente per partire verso il Wessex. Riceve degli uomini da un conte misterioso, Jarl Ingstad, che si rivela poi essere Lagherta. Intanto Bjorn si innamora di una schiava, Porunn.

Arrivato nel Wessex, Ragnar inizia l’attacco contro Re Ecbert e Aelle; nello scontro Rollo viene gravemente ferito, ma viene trovato da Athelstan, che lo cura e gli salva la vita. Ragnar e Re Ecbert stipulano una pace, alcuni suoi uomini vengono affidati come mercenari al servizio del regno di Mercia, rivendicato dalla principessa Kwenthrith. Athelstan torna a Kattegat con Ragnar, ma sorge un altro problema: Re Horik è sempre più contrariato dalla scelte di Ragnar e complotta in segreto, confinandosi con  Siggy e Floki di uccidere tutta la famiglia del conte. Ma quando attacca Ragnar, il re cade nella sua trappola, in quanto ne Siggy ne Floki erano mai stati dalla sua parte. Re Horik viene ucciso da Ragnar, che tuttavia risparmia il figlio. La legge dei vichinghi stabilisce che ci uccide il re ed entra in possesso della sua spada, ottiene la carica.

COMMENTO

Questa seconda stagione inizia con il botto. I due fratelli si trovano uno di fronte all’altro, faccia faccia. Rollo capisce il suo errore e sbaglia. In queste puntate inizia a venire fuori e a svilupparsi la vera natura e il carattere di Ragnar. Un uomo che sa quello che vuole, magnanimo e benevolo quando serve. Ma, come tutti avrete notato, c’è una cosa su cui Ragnar non transige e soprattutto non perdona: la fiducia.

Fiducia che però lui stesso tradisce, quando giace con Aslaug. Lagertha infuriata parte lontano con Bjorn. A questo punto della vicenda inizia a svilupparsi quello che sarà un fattore chiave per la storia: l’amicizia tra Ragnar e Athelstan. Tra i due nasce qualcosa, qualcosa di inspiegabile, di raro. Qualcosa che va oltre la fede, la razza, l’etnia. Ragnar vuole sempre più imparare da Athelstan, inizia a farsi consigliare da lui.

Tutto ciò però non va bene a molti, estremamente legati alla loro religione, tra cui un altro personaggio chiave: Floki. Grande inventore, molto inteliggente, astuto; ma al tempo stesso un uomo tormentato, da se stello e dagli dei, un uomo cupo, imprevedibile, dove certe volte si può intravedere della follia.

Il viaggio di Ragnar e suoi compagni continua, arrivano nel Wessex dove però stavolta trovano un Re diverso da quello precedente, Re Ecbert, uomo molto potente e altrettanto astuto. La storia prende una piega inaspettata, in quanto Jarl Borg attacca Kattegat per vendetta, e Ragnar è costretto a tornare subito, lasciando però il suo ormai amico Athlestan nel Wessex.

Ovviamente non vi faremo un ulteriore riassunto della vicenda perchè sapete benissimo come va a finire. E’ in queste situazioni che la vera natura di Ragnar viene fuori: spietato contro chiunque faccia del male alla propria famiglia, la pietà non esiste più, non c’è niente che possa salvare il povero sciagurato che ha compiuto ciò.

In questa seconda stagione ci sono stati molti più colpi di scena della prima, quello di più rilievo sicuramente il doppio gioco di Floki e Siggy, che ammettetelo, non vi sareste aspettati e li davate ormai per corrotti. Tutto ciò a nostro avviso per l’eccellente recitazione di Floki, che come vedremo di continuo, ha un rapporto di amore/odio con Ragnar, ma su una cosa, secondo noi c’è una certezza: Floki non tradirebbe mai il suo amico.

Una seconda stagione ancora meglio della prima, ancora più colpi di scena, ancora più azione, ancora più suspense, ancora più tutto insomma. La stagione si è sviluppata in un crescendo continuo, che ha trovato il suo apice nel momento della morte di Re Horik e nella proclamazione di Re Ragnar, nomina che suona davvero bene.

Non vediamo l’ora di portarvi al più presto anche la terza stagione ma, più che altro, siamo noi che non vediamo l’ora di vederla!

Altri articoli in Recensioni

The Punisher, la Recensione – NO SPOILER

Angelo Tartarella17 novembre 2017

Star Trek: Discovery 1×08 e 1×09, la Recensione

Matteo Ivaldi17 novembre 2017

Alias Grace, la recensione – NO SPOILER

Imma Marzovilli10 novembre 2017

South Park – 21×07 Doubling Down

Alessandro d'Amito9 novembre 2017

Star Trek: Discovery 1×06 e 1×07, la Recensione

Matteo Ivaldi4 novembre 2017

South Park – 21×06 Sons A Witches

Alessandro d'Amito26 ottobre 2017