Vikings: Riassunto e Recensione stagione 1

Recensioni
Davide Montalto
Davide nasce a Trapani nel luglio del 1995, all’età di 5 anni si trasferisce a Brescia dove vive tutt’ora. Fin da piccolo è appassionato di videogames e serie TV/film, la prima console è stato lo storico nintendo DS Lite, che conserva ancora gelosamente. Dai 15 anni si avvicina al mondo delle serie TV, usando il tempo libero disponibile per l’infinito recupero delle puntate. Da qualche anno si è avvicinato al mondo della MARVEL [..]

Davide nasce a Trapani nel luglio del 1995, all’età di 5 anni si trasferisce a Brescia dove vive tutt’ora. Fin da piccolo è appassionato di videogames e serie TV/film, la prima console è stato lo storico nintendo DS Lite, che conserva ancora gelosamente. Dai 15 anni si avvicina al mondo delle serie TV, usando il tempo libero disponibile per l’infinito recupero delle puntate. Da qualche anno si è avvicinato al mondo della MARVEL [..]

Vikings è una serie tv canadese di genere storico creata a scritta interamente da Micheal Hirst. Il primo episodio della serie debuttò il 3 marzo 2013 sulla rete televisiva History, sia in Canada che negli Usa. Successivamente venne trasmessa in Italia da RAI4, canale 26, a partire dal 28 maggio 2014.

Vikings è ambientata nell’800 circa, tra le isole della scandinavia e le isole britanniche, e racconta in chiave romanzata e fantastica le avventure e le scoperte del vichingo Ragnarr Loðbrók (si pronuncia lothbrok) che viene interpretato da Travis Fimmel e della sua famiglia.

In origine la serie fu programmata soltanto come una miniserie, ma visto il successo riscontrato, è stata rinnovata per una seconda stagione e via di seguito.

Gli attori principali, o comunque quelli maggiormente presenti nella serie sono: Travis Fimmel (Ragnar), Katheryn Winnick (Lagertha), Clive Standen (Rollo), Gustaf Skarsgård (Floki), Alexander Ludwig (Bjorn), George Blagden (Athelstan), John Kavanagh (l’indovino), Donal Logue (Re Horik), Linus Roache (Re Ecbert), Alyssa Sutherland (Aslaug), Jessalyn Gilsig (Siggy) e Gabriel Byrne (Conte Haraldson).

Mi raccomando ragazzi, se non siete in pari o non avete ancora iniziato questa serie, state ben lontani dai paragrafi successivi!

spoiler_vikings

PRIMA STAGIONE

Ragnar Lothbrok è un giovane contadino, pescatore e cacciatore vichingo che durante la stagione estiva , assieme ai suoi compaesani, saccheggia paesi stranieri. Ragnar è alla ricerca di nuove terre da razziare, per arricchirsi ed accrescere il proprio prestigio personale di fronte agli dei ed ai propri simili, egli diviene il primo della sua gente a navigare con successo verso occidente, attraversando le acque del mare del Nord, fino a quel momento mai esplorate da nessuno. La caratteristica che distingue il protagonista dalla sua gente è l’enorme sete di conoscenza che questo giovane ha verso l’ignoto e lo sconosciuto. Vive con la moglie Lagertha, una guerriera, e i figli Bjorn e Gyda.

Con un suo amico, il costruttore di navi Floki, costruisce in segreto un innovativo modello di nave più lunga e veloce e sfida il governatore locale, il conte Haraldson, un uomo diffidente ed avido, che governa le terre scandinave.
Haraldson è contrario alle proposte di Ragnar, ma il giovane vichingo parte comunque, senza il consenso del conte, per sud-ovest, scatenando così un’ostilità da parte del conte, che lo vede come un temibile avversario-
Tra l’equipaggio di Ragnar vi è suo fratello Rollo, che è molto geloso della vita del fratello, piena di continui successi e glorie.

L’imbarcazione di Ragnar unita ad una particolare bussola solare si rivelano due grandi risorse, in quanto conducono i vichinghi sulle coste del regno inglese della Nothumbria. Un monastero viene facilmente attaccato ed espugnato con enorme brutalità, la caratteristica che accomuna tutte le razzie vichinghe. Gli “uomini del nord” lasciano l’isola con un bottino di ricchezze e schiavi, tra i quali vi è il monaco Athelstan, la cui devozione alla fede cristiana , incuriosisce molto Ragnar.

Ritornato in patria, l’equipaggio viene fermato da Haraldson, il quale pretende che la maggior parte delle ricchezze vadano a lui. Ragnar non può far altro che accettare, ma riesce a tenersi per se Athelstan come suo servo.
Ragnar organizza una seconda spedizione che provoca una serie di scontri sempre più violenti con il conte Haraldson, il quale accetta di duellare con Ragnar. Quest’ultimo lo uccide e diventa il nuovo conte. La moglie di Haraldson, Siggy, rimane vedova e decide di lasciare Kattegat dopo aver ucciso il conte Bjarni, un anziano e volgare signore scelto da Haraldson come marito di sua figlia Thyri. Rollo, però, dice a Siggy che potrà restare e le promette che nessuno farà del male a lei o a sua figlia.

Arrivata l’estate, il conte Ragnar torna in Northumbria per continuare le razzie, ma questa volta Re Aelle risponde agli attacchi inviando suo fratello a capo di un esercito. Ragnar e suoi uomini riescono a vincere e ad incontrare il re per stipulare un accordo. Rollo viene battezzato e dopo altre battaglie Ragnar riesce ad ottenere un bel bottino.
Durante un viaggio al tempo di Uppsala, luogo sacro dove molti vichinghi si riuniscono ogni nove anni per compiere sacrifici umani e animali agli dei, Ragnar promette fedeltà a Re Horik di Danimarca.

Il Re chiede a Ragnar di trattare per risolvere una disputa con lo Jarl Borg, che reclama dei territori conquistati dal Re. Durante il soggiorno nello jarldom di Borg, in Svezia, Ragnar viene sedotto dalla bellissima principessa Aslaug. Nel frattempo a Kattegat, un’epidemia devasta il villaggio, uccidendo Gyda e Thyri. L’invidioso Rollo, invece, viene convinto dallo Jarl Borg, il quale ha scoperto il suo punto debole, a schierarsi con lui contro suo fratello Ragnar e Re Horik, in modo da ottenere quella fame che tanto egli invidia al fratello.

COMMENTO

A prima impressione la parola vichingo, fa pensare a un popolo il quale scopo è quello di razziare e conquistare, ed effettivamente, il concetto non è del tutto sbagliato.

In questa prima stagione si concentra su due grani avvenimenti: la battaglia di ragnar contro il conte Haraldson e la colonizzazione dell’Inghilterra.

Il nostro protagonista, Ragnar, ha delle aspettative ambiziose, tra cui quella di diventare conte per organizzare la vita e la razzia del “suo” popolo. Si trova in costante contrasto con il conte, il quale non ha intenzione di seguire i suoi consigli e iniziare ad esplorare e razziare ad Ovest, passando il mare inesplorato del nord, ma bensì di andare sul sicuro e razziare come ogni anno le popolazioni limitrofe.

Tutto ciò non ferma Ragnar che, bramoso di esplorare, parte con suoi amici e uomini fidati.

L’Inghilterra viene quindi esplorata per la prima volta. I nostri cari vichinghi, si trovano di fronte popolazioni monoteiste e parlanti una lingua diversa. Mentre razziano la loro prima chiesa, Ragnar s’imbatte in uno strano personaggio di nome Athelstan, un prete. Ragnar resta affascinato dal comportamento del prete e lo risparmia dalla tragica fine per scoprire di più su quella strana religione e sul suo Dio.

La stagione come saprete, si conclude con la morte del conte per mano di Ragnar, il quale sfida al duello Haraldson e vince, reclamando così il titolo di Conte.

Una prima stagione che ti inserisce subito nel bel mezzo delle vicende, ma non in modo confusionario, come è facile che accada, ma in un modo molto particolare, affascinante, cupo, misterioso.

I personaggi, in particolare Ragnar, che è quello principale, è caratterizzato in modo molto meticoloso, ma al tempo stesso sembra che manchi qualcosa, qualche asso nella manica, qualche sfaccettatura del suo intrigato carattere che sempre sfugge.

I combattimenti sono molto avvincenti, simili a serie tv dello stesso genere, alcune scene sono abbastanza crude, ma coerenti con lo stile di combattimento vichingo.

La sete di conoscenza di Ragnar, lo spinge a tenersi per le il prete, per conoscere quella religione tanto sconosciuta e stramba.

Tra gli altri personaggi spicca tra tutti Floki, amico di Ragnar e inventore delle nuove navi che gli permettono di affrontare il mare aperto. Soffermandoci su Floki, si capisce subito che non è un uomo come gli altri, un uomo tormentato da sé stesso e dagli dei, un uomo davvero misterioso e imprevedibile.

Per quanto riguarda i luoghi dove è girata la serie niente da dire, davvero posti incantevoli, scenari mozzafiato come è giusto che siano i fiordi e la Scandinavia in generale.

Una prima stagione che ci ha davvero colpito, ricca di azione ma al tempo stesso profonda, con dialoghi ben studiati e non superficiali. Una prima stagione che convince, che fa venire voglia di vedere subito la seconda. Personaggi fin da subito ben caratterizzati, ognuno con il proprio carattere e carisma. Un’atmosfera esplosiva, dove l’azione e la suspense non mancano mai e fanno da padroni.

Per questa prima stagione non siamo riusciti a trovare davvero difetti, forse un po’ perché ci è davvero piaciuta, forse perché è il nostro genere di serie tv.

In realtà un difetto lo abbiamo trovato: Abbiamo dovuto iniziare subito la seconda stagione per l’hype.

Mi raccomando, se volete sapere di più su questa serie Tv, restate sintonizzati su NerdPlanet.it, a breve arriveranno anche le prossime stagioni!

Altri articoli in Recensioni

The Punisher, la Recensione – NO SPOILER

Angelo Tartarella17 novembre 2017

Star Trek: Discovery 1×08 e 1×09, la Recensione

Matteo Ivaldi17 novembre 2017

Alias Grace, la recensione – NO SPOILER

Imma Marzovilli10 novembre 2017

South Park – 21×07 Doubling Down

Alessandro d'Amito9 novembre 2017

Star Trek: Discovery 1×06 e 1×07, la Recensione

Matteo Ivaldi4 novembre 2017

South Park – 21×06 Sons A Witches

Alessandro d'Amito26 ottobre 2017