BDQ: Boardgames di Qualità

Ticket to Ride – Recensione

BDQ: Boardgames di Qualità
Stefano Zappa

Stefano, classe 1984, è da sempre appassionato di romanzi fantasy, tra cui le opere del maestro Tolkien e George R. R. Martin. Scopre al liceo i wargame targati Games Workshop e inizia a dipingere miniature, arrivando ad ottenere diversi lavori su commissione. [..]

Ticket to Ride è un gioco creato da Alan R. Moon nel 2004, anno in cui ha vinto il prestigioso titolo di Spiel des Jahres (premio di gioco dell’anno).È diffuso in tutto il mondo, con traduzioni in diverse lingue tra cui l’italiano, grazie all’editore Asterion Press.

Il gioco è ambientato agli inizi del ‘900 negli Stati Uniti, dove un gruppo di amici, in onore di Phileas Fogg e del suo giro del mondo in 80 giorni, si sfida con lo scopo di visitare il maggior numero di città statunitensi viaggiando in treno.

  • Giocatori: da 2 a 5
  • Durata: 45-60 minuti
  • Età consigliata: dagli 8 anni in su
  • Prezzo: 44,90€ ma facilmente reperibile con sconti su diversi negozi online

COMPONENTI

Nella scatola troviamo un tabellone rappresentante gli Stati Uniti con le principali città connesse tra loro da linee ferroviarie di 8 diversi colori (o grigie) e suddivise in caselle. La cornice del tabellone è utilizzata come segnapunti.

Abbiamo poi 2 mazzi di carte, le carte Treno di 8 colori diversi con locomotive che fungono da jolly e le carte biglietto che riportano un punteggio e una tratta ferroviaria collegante due città.

Infine ogni giocatore ha un set di 45 vagoncini in plastica.

 

IL GIOCO IN BREVE

Per il regolamento completo vi rimando al sito Asterion Press dove potete scaricare il pdf in italiano (http://site.asterionpress.com/giochi/t2r_usa/T2R_Rules_IT.pdf). Lo scopo del gioco è quello di unire con i propri vagoncini le città indicate sulle carte Biglietto. È possibile piazzare i vagoncini giocando carte Treno dalla propria mano, rispettando colore e numero di caselle per la tratta che si vuole completare. All’inizio della partita ogni giocatore avrà a disposizione quattro carte Treno e 3 carte Biglietto, delle quali ne deve tenere almeno due; le carte Biglietto devono essere custodite segretamente dato che rappresentano il proprio obbiettivo di gioco. Successivamente si scoprono cinque carte Treno da disporre sul tavolo. La partita ha quindi inizio e il giocatore di turno può svolgere una sola delle seguenti azioni

  • Pesca carte Treno: si prendono 2 carte Treno tra quelle visibili tra le cinque disposte sul tavolo, oppure pescandole dalla cima del mazzo. Se si decide di prendere una carta Locomotiva (il jolly, valido come qualsiasi colore) non si potrà prendere una seconda carta.
  • Controlla una linea: giocando le carte Treno della propria mano si possono piazzare i vagoncini su una linea, prendendone il controllo. Bisogna rispettare il colore e il numero di caselle della tratta.
  • Pesca carte Biglietto: si prendono tre nuove carte Biglietto dal mazzo e se ne deve conservare almeno una.

La partita termina quando a uno dei giocatori rimangono 2 vagoncini o meno. A quel punto si calcolano i punteggi, con ogni carta Biglietto che assegna o toglie i punti indicati a seconda che sia stata completata o meno. Inoltre si aggiungono punti in base alla lunghezza delle linee controllate e 10 punti bonus per chi ha la serie ininterrotta più lunga di vagoncini del proprio colore. Ovviamente vince chi ha il punteggio più alto.

COMMENTI

Le regole sono semplici ma non banali e dopo un solo turno la partita scorre senza problemi, anche per chi è alle prime armi. Dalla mia esperienza posso dire che Ticket to Ride è un gioco che piace a tutti e non stanca mai ed è sempre tra le prime scelte quando si vuole giocare a qualcosa con famiglia o gruppi di amici poco avvezzi ai giochi da tavolo. La partita può essere influenzata dalla pesca delle carte Biglietto, ottenendo tratte più o meno semplici da completare, ma il divertimento resta comunque alto, rendendolo un ottimo titolo per introdurre nuovi giocatori nel mondo dei giochi da tavolo di qualità.

ESPANSIONI

Se il gioco piace può essere ampliato con diverse espansioni, che aggiungono nuove mappe e alcune meccaniche di gioco leggermente diverse. In particolare segnalo:

  • TTR Asia con mappa dell’omonimo continente e l’introduzione della meccanica di squadra
  • TTR Nordic Countries con mappa rappresentante i paesi dell’Europa del Nord
  • TTR India con mappa a due facce rappresentanti il paese indiano da un lato e la Svizzera dall’altro
  • TTR The Heart of Africa con mappa del Continente Nero
  • TTR Nederland con mappa dei Paesi Bassi
  • TTR United Kingdom con mappa a due facce rappresentanti il Regno Unito e la Pennsylvania

Ci sono inoltre due edizioni che non necessitano il gioco base che sono TTR Europe e TTR Marklin, che oltre a mappe differenti hanno componenti aggiuntive e regole leggermente più elaborate.

Merita una menzione particolare la Ticket to Ride 10th Anniversary Edition, l’edizione del decimo anniversario uscita nel 2014. Il tabellone è più grande del 50% ed ha una nuova grafica più elaborata. Anche i vagoncini sono più grandi e inoltre sono diversi per ogni colore, rappresentando varie tipologie di treno (vagone del circo, vagone carbone, ecc…) e sono contenuti in piccole scatole di latta a tema. Quest’edizione include anche le espansioni di sole carte Mystery Train e USA 1910. Data la maggiore dimensione dei vagoncini, l’edizione anniversario non è compatibile con le altre espansioni del gioco.

Altri articoli in BDQ: Boardgames di Qualità

Jamaica – Recensione

Stefano Zappa15 novembre 2016

Dungeons and Dragons: il gioco di ruolo entra nella Toy Hall of Fame

Angelo Tartarella13 novembre 2016

Star Wars: X-Wing – Recensione

Stefano Zappa8 novembre 2016

Jungle Speed – Recensione

Stefano Zappa1 novembre 2016

Cosmic Encounter – Recensione

Stefano Zappa25 ottobre 2016

Il Trono Di Spade – Recensione

Stefano Zappa18 ottobre 2016