Thor: Ragnarok un film “fuori di testa” per Taika Waititi

Cinema
Classe 1988, da sempre appassionata di cinema e fumetti, vive a Padova dove è ritornata dopo un lungo periodo trascorso tra Roma, Dublino e Matera. Assidua frequentatrice di mercatini dell'usato e fiere del fumetto, il collezionismo è il suo hobby preferito, insieme all'amore per la scrittura. Insegna italiano e storia e geografia alle superiori e alle medie, e spesso in classe parla volentieri di Dylan Dog, piuttosto che di Gabriele D'annunzio. Un suo maestro, un tempo, la rimproverò dicendole "Fare, o non fare! Non c'è provare!", e questo è diventato, ormai, il suo motto.

Classe 1988, da sempre appassionata di cinema e fumetti, vive a Padova dove è ritornata dopo un lungo periodo trascorso tra Roma, Dublino e Matera. Assidua frequentatrice di mercatini dell'usato e fiere del fumetto, il collezionismo è il suo hobby preferito, insieme all'amore per la scrittura. Insegna italiano e storia e geografia alle superiori e alle medie, e spesso in classe parla volentieri di Dylan Dog, piuttosto che di Gabriele D'annunzio. Un suo maestro, un tempo, la rimproverò dicendole "Fare, o non fare! Non c'è provare!", e questo è diventato, ormai, il suo motto.

Il regista neozelandese del prossimo cinecomic Thor: Ragnarok, Taika Waititi, ha definito il suo film completamente “fuori di testa”. Durante il weekend, il regista ha partecipato ad un Q&A su Reddit. Dopo aver spiegato il cambio del logo, Waititi ha parlato dei toni del film e dei modi in cui si differenzierà dalle altre pellicole sul personaggio.

Le sue parole sono state le seguenti: “Credo che Thor: Ragnarok sarà uno dei film più avventurosi e fuori di testa dei Marvel Studios. È un film pazzo, e potete aspettarvi un’atmosfera anni ’80. Il tono sarà simile agli altri miei film, perché alla Marvel piace molto il mio stile”.

Sapendo che la pellicola adatterà parzialmente la storyline di Planet Hulk unita al Ragnarok norreno, e che Mark Ruffalo lo ha descritto come un “film on-the-road cosmico” sicuramente possiamo concordare con la definizione data dal regista. Ci aspettiamo davvero grandi cose da questo nuovo cinecomic e sicuramente le nostre aspettative non rimarranno deluse.

Ma in queste ore un’altra notizia è giunta alle nostre orecchie, quella del cambio del logo del film dedicato all’eroe norreno. Era il Novembre 2014 quando i Marvel Studios hanno annunciato i film che avrebbero composto la Fase 3 dell’Universo Cinematografico Marvel. Con il tempo, la Fase 3 si è espansa, aggiungendo nuovi titoli, e spesso i loghi dei film sono stati modificati. E uno dei loghi modificati è proprio quello di Thor: Ragnarok. Ma quali sono le motivazioni? Ecco la risposta di Waititi: “La Marvel ha molta influenza sulla storia e sulla realizzazione dell’intero film. Conoscono questo universo meglio di me. Lo stile del logo, come avrete notato, è ispirato ai prodotti sci-fi fantasy degli anni ’70/’80, e rifletterà lo stile del film”.

Ricordiamo che il film sarà distribuito nelle sale italiane a partire dal 25 Ottobre 2017.

 

Altri articoli in Cinema

Avengers 4: nuova misteriosa foto dal set

Alessio Lonigro23 novembre 2017

Jude Law sarà Mar-Vell in Captain Marvel!

Stefano Grillanda23 novembre 2017

John Lasseter lascia la Pixar per sei mesi a causa di “comportamenti inadeguati”

Matteo Ivaldi22 novembre 2017

Box Office e Cinecomics: analisi e confronti di un 2017 da ricordare

Andrea Prosperi22 novembre 2017

Justice League: poster inquietante nei cinema cinesi

Annamaria Rizzo21 novembre 2017

Star Wars: Gli ultimi Jedi – Nuovi dettagli sulle “volpi di cristallo”

Giorgio Paolo Campi21 novembre 2017