The Young Pope – 1×07/08. Una serie in continuo crescendo.

Recensioni
Alessio Meneghini
Alessio, nato a fine luglio del 1995 a Venezia, si appassiona fin dalla nascita del mondo Nerd. La sua passione nasce grazie ai supereroi (principalmente della DC Comics) e si amplifica con l’arrivo della Playstation all’età di 6 anni, la quale lo aiuta ad entrare nel mondo videoludico. Crescendo la sua passione raggiunge nuovi orizzonti, quali la passione per il cinema e per le serie TV; tra le sue serie TV “preferite” [..]

Alessio, nato a fine luglio del 1995 a Venezia, si appassiona fin dalla nascita del mondo Nerd. La sua passione nasce grazie ai supereroi (principalmente della DC Comics) e si amplifica con l’arrivo della Playstation all’età di 6 anni, la quale lo aiuta ad entrare nel mondo videoludico. Crescendo la sua passione raggiunge nuovi orizzonti, quali la passione per il cinema e per le serie TV; tra le sue serie TV “preferite” [..]

the-young-pope-season-1-poster-key-art“The young Pope” è sempre più vicino alla sua conclusione, scolpendo definitivamente il personaggio ambiguo di Lenny Belardo.

Analisi

Il Pontefice è in crisi, uno smarrimento che si riflette nella chiesa stessa sempre più lontana dai suoi fedeli ed è per questo che Lenny Belardo è sempre più umano. Una caratteristica di Pio XIII è la considerazione divina che permette al Santo Padre di essere superiore a qualsiasi altro; come egli stesso dice sarà sempre il figlio e mai il padre. Nella settima puntata viene approfondito il ruolo genitoriale che come ci ricorda Sorrentino è di primaria importanza; per cercare di placare la rabbia e l’insoddisfazione del Papa, Suor Mary cerca di richiudere una ferita, senza successo. Il dolore che si manifesta nel Santo Padre è più che legittimo, non può separarsene perché quella ferita lo rende umano e non divino come egli stesso pensa a volte di essere. Lenny Belardo ha bisogno in qualche modo di rivestire la figura genitoriale,  il cardinale Voiello assiste il disabile ricoprendo il ruolo di padre ma essere Padre di una comunità religiosa è tutt’altra cosa. L’errore commesso da Andrew  avviene quando egli disubbidisce al Santo Padre concludendo un’analisi ben scritta sul ruolo genitoriale. Un punto a favore della riuscita della settima puntata è anche da attribuire alle musiche scelte per l’occasione, le quali incalzano di gran lunga il ritmo.

download

Lenny o Pio XII?

Un tema ricorrente in “The Young Pope” è l’esistenza di Dio, il quale a volte sembra essere troppo presente nella figura del Papa e poco in quella Lenny il quale ha sempre meno dubbie e più certezze come dimostra nel finale di puntata. La visione di Sorrentino nel descrivere questo personaggio è molto certosina, grazie sempre all’ottima interpretazione di Jude Law. Montaggio,regia e fotografia ad alti livelli sono una certezza nella serie, non ci resta che aspettare il finale di stagione.

typ105_081715_gf0008-1000x600

Altri articoli in Recensioni

Agents of Shield 05×07: Together or Not at All, la Recensione – NO SPOILER

Angelo Tartarella16 gennaio 2018

The End Of The F***ing World, la recensione – NO SPOILER

Davide Montalto11 gennaio 2018

Marvel’s Runaways: Season Finale, la Recensione – No Spoiler

Angelo Tartarella10 gennaio 2018

Agents of Shield 05×06: Fun and Games, la Recensione – NO SPOILER

Angelo Tartarella8 gennaio 2018

Marvel’s Runaways: Episodi 7/9, la Recensione – No Spoiler

Angelo Tartarella3 gennaio 2018

Doctor Who Christmas Special: Twice Upon A Time, la Recensione – NO SPOILER

Angelo Tartarella28 dicembre 2017