Tex 683 – La prigioniera del deserto, la recensione – NO SPOILER

Fumetti
Gerardo Americo
Amante di fumetti, videogiochi, cinema e serie tv. Cresce con il Commodore 64 e la Playstation 1. I suoi preferiti sono Spider-Man, Batman e Tex.

Amante di fumetti, videogiochi, cinema e serie tv. Cresce con il Commodore 64 e la Playstation 1. I suoi preferiti sono Spider-Man, Batman e Tex.

Nell’albo 683 di Tex, intitolato “La prigioniera del deserto”, continua la storia iniziata nello scorso albo, in cui Tex è alle prese con una vecchia conoscenza del suo passato: la bellissima Lupe Velasco. Soggetto e sceneggiatura della storia sono di Mauro Boselli, disegni di Alessandro Piccinelli, copertina del maestro Claudio Villa.

LA STORIA

Tex e i suoi pards accompagnano in Messico la figlia di Lupe, per svelare il mistero della sua scomparsa e affrontare la minaccia rappresentata da un tirannico ranchero e dai suoi pistoleros. Intrighi, sparatorie, e tanta azione ci condurranno ad un finale non del tutto scontato.

Arriva alla conclusione quindi questa avventura con co-protagonista Lupe Velasco, la bella messicana che accompagnò Tex in un paio di avventure agli inizi della sua carriera, e che se volete rileggere, trovate proprio a settembre, sugli albi 15, “Il covo sulla sierra” e 16 “Tex alla riscossa” nella collana Tex Classic.

Rispetto all’albo precedente qui siamo nel presente, e iniziamo a scoprire qualcosa in più circa la storia di Luz, la figlia di Lupe e di come si siano ritrovati in questa situazione. Ovviamente, la parte che più incuriosisce è il rapporto tra Tex e Lupe, rivederli insieme nelle stesse pagine a distanza di tanto tempo. Lupe non è certo una donna come le altre, e la sequenza finale che richiama la copertina, ce lo mostra. Non vi sveliamo nulla di più, ma preparatevi a una trama bella ricca di personaggi e situazioni, com’è nella classica potremmo ormai dire narrazione Boselliana, Una storia ben scritta, che non lascia spazio ad eventuali “sarebbe potuta durare un albo in più”.

ALLA RISCOPERTA DEI PERSONAGGI DI TEX

Ultimamente si stanno rispolverando molte delle avventure e dei personaggi del passato di Tex, specialmente nella sua versione giovanile. La continuity di Tex, che esiste, è sempre stata molto blanda, e non ferrea come ad esempio nei comics americani. Tanti gli episodi che vedono protagonista il Ranger di cui si è solo accennato, e che sapientemente Mauro Boselli ci sta mostrando, stando attento che tutti i tasselli del mosaico della storia Texiana vadano al proprio posto. Il linguaggio narrativo del Tex attuale è orami consolidato, e questi “viaggi” nel passato Texiano servono anche a dare a noi lettori storie con un registro diverso, in cui magari Tex non è l’eroe infallibile che conosciamo, ma un fuorilegge che deve ancora vivere molte avventure prima di diventare il Ranger che abbiamo imparato a conoscere. Chissà quali saranno gli altri personaggi che vedremo ricomparire tra le pagine del fumetto, in quasi 70 anni di avventure sono davvero tanti e vari i personaggi che hanno incrociato la strada di Aquila della Notte.

I DISEGNI

I disegni di quest’albo sono di Alessandro Piccinelli, disegnatore che già aveva lavorato recentemente su Tex, in una storia di Tex insieme ad El Morisco. Un tratto molto realistico e classico delle avventure Texiane, che si esalta sopratutto nelle scene in notturna, giocando molto bene tra neri ed ombre, cosi come ottimo il lavoro di china nei primi piani dei personaggi. Volendo muovere una critica, ci sentiamo di citare alcune vignette a sfondo bianco, che stonano un po’ nell’opera complessiva. La copertina del maestro Claudio Villa è semplicemente perfetta.

IN CONCLUSIONE

Quando riproponi un personaggio che seppur magari poco conosciuto, dato che la sua pubblicazione risale agli albori della storia editoriale di Tex, generi una curiosità nel lettore, e non è semplice scrivere una storia all’altezza e non deludere le aspettative. Questa avventura con Lupe, è una buona storia, non vuole strafare rischiando di deludere, e si mantiene sui binari della qualità Texiana a cui siamo abituati.

Tex 683 - La prigioniera del deserto

3,50 €
Tex 683 - La prigioniera del deserto
7.3

Storia

7/10

Disegni

7/10

Colori

8/10

Pros

  • Una storia classica che piacerà ai lettori
  • Il personaggio di Lupe è ben caratterizzato
  • Disegni rendono bene le ambientazioni

Cons

  • Manca qualcosa a questa storia

Altri articoli in Fumetti

Outcast – Il reietto. Introduzione alla serie horror di Robert Kirkman

Debora Sistahsoldier22 gennaio 2018

Witch Doctor #2, la Recensione – No Spoiler

Angelo Tartarella21 gennaio 2018

Marvel: il ritorno di Wolverine con Hunt for Wolverine

Dario Penza21 gennaio 2018

Birthright Vol. 1-5, la Recensione – No Spoiler

Angelo Tartarella20 gennaio 2018

Dan Slott lascia Spider-Man per dedicarsi a Iron Man

Dario Penza20 gennaio 2018

Tsukasa Hojo tra gli ospiti Romics 2018

Debora Sistahsoldier19 gennaio 2018