Taranto Comix- Intervista ai giovani presentatori dell’evento

Eventi
Classe 1988, da sempre appassionata di cinema e fumetti, vive a Matera dove è ritornata dopo un lungo periodo trascorso tra Roma e Dublino. Assidua frequentatrice di mercatini dell'usato e fiere del fumetto, il collezionismo è il suo hobby preferito, insieme all'amore per la scrittura. Insegna italiano e storia alle superiori, e spesso in classe parla volentieri di Dylan Dog, piuttosto che di Gabriele D'annunzio. Un suo maestro, un tempo, la rimproverò dicendole "Fare, o non fare! Non c'è provare!", e questo è diventato, ormai, il suo motto.

Classe 1988, da sempre appassionata di cinema e fumetti, vive a Matera dove è ritornata dopo un lungo periodo trascorso tra Roma e Dublino. Assidua frequentatrice di mercatini dell'usato e fiere del fumetto, il collezionismo è il suo hobby preferito, insieme all'amore per la scrittura. Insegna italiano e storia alle superiori, e spesso in classe parla volentieri di Dylan Dog, piuttosto che di Gabriele D'annunzio. Un suo maestro, un tempo, la rimproverò dicendole "Fare, o non fare! Non c'è provare!", e questo è diventato, ormai, il suo motto.

Come ogni spettacolo che si rispetti, il palco del Taranto Comix è stato protagonista della performance di giovani presentatori dell’evento. Riccardo Cantù, Manuel de Maglie e Aldo Lodeserto ci hanno raccontato la loro esperienza di showman, che hanno saputo intrattenere e divertire il pubblico della fiera tarantina nel migliore dei modi. Tra quiz e chiacchiere, hanno saputo trasformare il palco del Taranto Comix in un vero e proprio salotto d’intrattenimento che non ha avuto niente da invidiare ad altre più consolidate manifestazioni. Di seguito la nostra chiacchierata con i ragazzi.

Nerd Planet: Com’è far parte di un’organizzazione come quella del Taranto Comix, che anno dopo anno si consolida sempre più?

Riccardo: Sicuramente è una bellissima esperienza. Noi ne facciamo parte già dalla prima edizione, quando la fiera somigliava più a un mercatino di quartiere. Abbiamo assistito negli anni al crescere di questa manifestazione, sia a livelli di spazi, sia alla crescente importanza degli ospiti, come ad esempio Cristina D’Avena che sarà qui con noi. Questo è sicuramente positivo poiché regala anche visibilità e valore al territorio. Per noi non è la prima volta che siamo presentatori di un evento, ci siamo occupati, la scorsa estate, anche del Crispiano Comix.

Aldo: È una bella opportunità per noi perché ci permette di divertire il pubblico, divertirci a nostra volta e soprattutto conoscere tanta gente e anche persone molto importanti come Pino Cuozzo che oggi è qui con noi. 

presentatori

NP: Voi siete nerd?

Riccardo: Questa è una definizione che ci sta un po’ stretta. Noi siamo molto appassionati di videogiochi, fumetti, telefilm, cinema. Siamo però più addentrati nella cultura Geek, anche perché il termine nerd è molto inflazionato negli ultimi anni. per assurdo c’è gente che gioca ad Angry Birds e dice ‘io son un nerd’. Ciò che sappiamo per certo che fino a un po’ di anni fa era un termine ghettizzante, essere nerd equivaleva ad essere emarginato, adesso invece è diventata una vera e propria moda.

Aldo: Basta pensare al numero di visualizzazioni che hanno su YouTube i vari canali dedicati al gaming, per tracciare una linea di come la situazione si sia completamente ribaltata. Anche noi abbiamo un canale YouTube, ma cerchiamo di distinguerci un po’ dalla massa, realizzando videoparodie, abbiamo inventato un quiz che ci ha permesso di andare a Milano alla GamesWeek, alla Gamescom in Germania, come inviati di Games Time.

Riccardo: Noi rappresentiamo la catena di negozi Games Time che sono più di sessanta negozi in Italia. Noi gestiamo il canale YouTube del brand e ciò ci ha permesso di essere a queste importanti fiere come inviati. 

 

NP: Siete più appassionati di fumetti o di videogiochi? E quali sono le vostre preferenze

Riccardo: Se la giocano quasi alla pari, però forse più videogiochi. Gioco dall’età di sei anni e il mio gioco preferito è Bioshock che ha per me delle implicazioni filosofiche e morali incredibili. È un videogame che andrebbe giocato nelle scuole. I videogiochi sono la forma d’arte del terzo millennio, ti basti pensare a Kojima. 

Aldo: Io sono più appassionato di videogiochi. Ho giocato tantissimo a Monster Hunter, ma forse il mio gioco preferito è la saga di Metal Gear Solid, soprattutto il terzo capitolo. 

Manuel: Anche io sono molto più appassionato di videogiochi e il mio gioco preferito è sicuramente Crash Bandicot, fin dall’età di otto anni. Ultimamente però mi sono appassionato molto a The Last Of Us.

NP: Se vi dico Star Wars?

Riccardo: Rogue One. Film eccezionale, anche se a me era piaciuto anche l’Episodio VII per il personaggio di Kylo Ren che, a mio avviso, è un personaggio che può avere una bellissima evoluzione nel corso degli episodi. Il primo personaggio che ha una vera implicazione psicologica profonda in uno Star Wars, anche se non l’hanno reso ancora al meglio. Luke e Dart Vader sono personaggi iconici, ma sono delle macchiette, Kylo, invece, è un personaggio super tormentato, fa delle cose in cui non crede nemmeno lui. È una specie di cosplay di Dart Vader. Insomma, Kylo Ren va visto in prospettiva. 

Aldo: Rogue One è assurdo un film meraviglioso che non perde di ritmo dall’inizio alla fine. Anche se il doppiaggio è una grande pecca, soprattutto per il personaggio di Saw Gerrera. Però mi aspetto tantissimo sia dai prossimi capitoli che dagli Spin-off.

Noi di NerdPlanet.it ringraziamo Riccardo, Aldo e Manuel per averci regalato questa simpatica chiacchierata, sperando di continuarla durante la prossima edizione del Taranto Comix.

 

Altri articoli in Eventi

san diego comicon

San Diego Comicon 2017 – Il programma ufficiale degli eventi

Roberta Galluzzo21 luglio 2017

Nel segno di Manara: aperte le prevendite della mostra dedicata al Maestro

Claudia Padalino18 luglio 2017

Al Giffoni Film Festival arriva l’adrenalinico NERF Summer Tour 2017

Redazione12 luglio 2017

Romics 2017 – Una mostra dedicata ai Beatles durante l’edizione autunnale della fiera capitolina

Imma Marzovilli25 giugno 2017

ARF! Festival – Intervista a Mauro Uzzeo

Claudia Padalino17 giugno 2017

NerdPlanet.it alla Sagra dei Fumetti di Verona, dal 9 all’11 giugno!

Imma Marzovilli5 giugno 2017