Superman Unchained – La Recensione (No Spoiler)

Fumetti
Andrea Prosperi
Lettore ossessivo-compulsivo, quando non è su Twitter lo trovate a scrivere articoli sulle ultime novità del mondo dei fumetti.
@Www.twitter.com/Zero_Borja

Lettore ossessivo-compulsivo, quando non è su Twitter lo trovate a scrivere articoli sulle ultime novità del mondo dei fumetti.

Esistono personaggi davvero difficili da descrivere. Uno di questi è indubbiamente l’eroe più famoso del pianeta, colui che oseremmo definire il primo supereroe: Superman. Come si può scrivere con efficacia di un superuomo in grado di volare, indistruttibile, invincibile, dotato di straordinari poteri? Un grande dilemma che, se da un lato ha creato molte storie banali nel corso dei decenni, dall’altro lato ha spinto i migliori autori nella creazione di opere originali, di prestigio, in grado di indagare la personalità dell’Uomo d’Acciaio. Come dimenticare All Star Superman di Grant Morrison e Red Son di Mark Millar? Scott Snyder ci prova in questa maxisaga, in nove capitoli, dal titolo Superman Unchained. Riuscirà l’autore a liberare Superman dalle catene in cui le narrazioni del personaggio sono rinchiuse?

Spezzando catene

I nove capitoli di questa storia sono stati pubblicati in concomitanza con il 75esimo anniversario della creazione dell’ultimo erede di Krypton, donando quindi molta importanza a questo ambizioso progetto, affidato a due autori davvero differenti, ma entrambi veterani nel loro ambiente.

Alla scrittura troviamo Scott Snyder, sicuramente conosciuto alla maggior parte dei fan DC Comics grazie all’immensa mole di lavori realizzata per la casa editrice, tra cui possiamo sicuramente ricordare per Swamp Thing e alcune tra le migliori storie del Cavaliere Oscuro degli ultimi anni, tra cui La Corte dei Gufi. Una scrittura riflessiva e al tempo stesso avvincente, che non lascia spazio a tempi morti. Caratteristiche che metterà a frutto con efficacia anche nel volume di cui tra poco andremo a parlare.

Jim Lee è invece l’uomo dietro alle tavole di questa serie. La caratteristica di Lee? La spettacolarità. Doppie pagine che riescono ad trasportare il lettore nel pieno dell’azione, sia che siano panorami spaziali, sia che si tratti di feroci scene di combattimento. Design classici si uniscono a quelli più elaborati, con un tocco personale che è decisamente riconoscibile su tutti i personaggi che compongono l’arazzo narrativo. Niente appare lasciato al caso, dimostrando come l’autore sia a tutti gli effetti tra i migliori della categoria.

Non bisogna dimenticare come l’effetto travolgente delle tavole sia dovuto anche ad un sapiente lavoro del colorista, Alex Sinclair, che ricorderete in Batman: Hush. I colori si sposano in maniera sinergica con i disegni, con una grande variabilità della scala cromatica, in grado di alternare colori freddi a caldi, senza donare al volume una unica piatta atmosfera, ma anzi sapendo sposare in pieno ciò che autore e disegnatore hanno cercato di mostrare.

Ascendere

Il racconto, diviso in nove capitoli, è frutto di un intreccio davvero annodato. Un gruppo terroristico sta cercando di attaccare i sistemi informatici di tutto il pianeta, allo scopo di controllare l’umanità. Mentre Superman e i suoi alleati cercano di sconfiggere la minaccia, l’Uomo d’Acciaio scopre dei piccoli dettagli che lo portano alla scoperta di un luogo segreto, gestito dai militare del padre di Lois, in cui vive un essere all’apparenza più potente di Superman, dal nome Wraith. Quest’essere, atterrato prima di lui, ha lottato per decenni per il governo degli Stati Uniti, affrontando minacce e, rimanendo invisibile, aiutando più volte Superman. Il tutto mentre Luthor fugge dal carcere per l’ennesima volta.

Chi sarà la vera minaccia? Chi il vero alleato? Con il pericolo della fine del mondo, la storia procede fino allo sconvolgente finale.

La sceneggiatura non è particolarmente brillante. Troppa carne al fuoco, a volte una eccessiva velocità narrativa, tutto ciò conduce a una occasione per certi versi sprecata. Il primo livello di lettura, l’avventura principale, non riesce a distinguersi dal classico cliché dell’Uomo d’Acciaio, aggiungendo alla trama un avversario più potente di Superman, come già avvenuto diverse altre volte.

Ma dove Snyder eccelle è in ciò che avviene sotto la superficie del racconto principale. Mentre la minaccia incombe, vignette, dialoghi, e anche messaggi non scritti fanno sì che ciò che l’autore vuole mostrarci arrivi a galla. Con sapiente capacità, Snyder riesce a spiegare al lettore le mille contraddizioni della figura di Superman: rispettare la libertà causando vittime, o salvare vittime uccidendo la libertà? E chi è Superman per sapere cosa è più giusto rispetto ai normali esseri umani? L’Uomo d’Acciaio sa davvero cosa sia giusto? Un incredibile viaggio introspettivo, sia attraverso gli occhi di coloro che vivono intorno all’eroe, sia attraverso l’eroe stesso, alla ricerca della vera comprensione di Superman. Non può essere una luce da seguire, ma una luce che si muove nell’oscurità, cercando di fare il meglio. Dimostrando di essere fallace. Dimostrando di essere anch’egli umano.

Uomo

Sì, Snyder è riuscito nel suo intento. Non al 100%, a causa di una trama principale che non è memorabile, ma riesce sicuramente a mostrare al lettore nuove sfaccettature dell’alter ego di Clark Kent. Ma non solo, donando al lettore anche una critica alla tendenza umana nel ricercare una guida, un messia, un Dio, senza rendersi conto di come l’umanità dovrebbe cercare in se stessa la via per superarsi. Un fumetto dunque non semplice, a tratti complesso, ma che rimane sicuramente una buona lettura. Avvincente, piacevole, riflessivo. Non c’è che dire, gli autori sono stati promossi, anche se ci si può aspettare di meglio da Snyder per il futuro. Tornerà a mostrarci nuovi lati dell’Uomo d’Acciaio?

Superman Unchained è edito da Rw Lion nella collana New 52 Limited.

Superman Unchained

Superman Unchained
7.7

Chine

8/10

Disegni

8/10

Storia

7/10

Leggibilità

8/10

Indipendenza

8/10

Pros

  • Disegni di ottimo livello
  • Particolare visione di Superman

Cons

  • Trama non brillante

Altri articoli in Fumetti

Il nuovo evento Marvel: Infinity Countdown

Giovanni Paladino15 dicembre 2017

PK: L’Orizzonte degli Eventi – A Cartoomics il via alla nuova avventura del Papero Mascherato

Andrea Prosperi15 dicembre 2017

Blast from the Past #3 – La Nascita della Image Comics: Parte I

Massimiliano Perrone14 dicembre 2017

Natale 2017 – 5 Comics da regalare!

Andrea Prosperi13 dicembre 2017

Capitan America Presenta: Il Soldato D’Inverno, la Recensione – NO SPOILER

Giovanni Paladino13 dicembre 2017

[SPOILER] Grande ritorno su Doctor Strange

Giovanni Paladino11 dicembre 2017