Star Wars: Gli Ultimi Jedi, la Recensione – NO SPOILER

Anteprime
Alessandro Niro
Nato il 16 luglio 1988, è stato fin da bambino appassionato di videogiochi, cinema, serie TV e fumetti. Ex redattore/recensore di varie testate giornalistiche e attualmente titolare di una società Informatica, ha deciso di aprire una propria freepress dedicata al mondo nerd. La passione per quello che fa ed ama, non lo ha mai fermato davanti a niente e nessuno.

Nato il 16 luglio 1988, è stato fin da bambino appassionato di videogiochi, cinema, serie TV e fumetti. Ex redattore/recensore di varie testate giornalistiche e attualmente titolare di una società Informatica, ha deciso di aprire una propria freepress dedicata al mondo nerd. La passione per quello che fa ed ama, non lo ha mai fermato davanti a niente e nessuno.

L’universo di Star Wars creato da George Lucas ha da sempre fatto innamorare milioni di persone diventando presto, una vera e propria religione con i suoi propri dogmi ed un sentimentalismo generale dei fan che hanno (quasi) sempre difeso a spada tratta i capitoli della serie. Con Il Risveglio della ForzaDisney e Lucasfilm hanno voluto effettuare un grandissimo cambiamento rendendo Guerre Stellari una saga per tutti e rinnovando lo stile di quel che prima era considerato un capolavoro per pochi eletti (o comunque non per tutti i palati).

Con Gli Ultimi Jedi, dai primi minuti fino ai titoli di coda, il lavoro di Rian Johnson è pieno di rimandi, déjà-vu e strizzate d’occhio ai precedenti episodi della saga. Le similitudini sono davvero molteplici cambiando rotta verso il finale in orizzonti che non ci si aspetterebbe.

Considerate Star Wars una religione? Bene, questo film potrebbe soltanto ferirvi. La pellicola mette in discussione tutto ciò che pensavamo di sapere sulla Forza, alcuni punti cardine vengono dissacrati ed a tratti, persino ridicolizzati. Il messaggio è chiaro quanto l’acqua cristallina dei fiumiciattoli di montagna: Star Wars è diventata una saga per tutti. Attenzione, non è un brutto film, anzi, tutt’altro. A chi vi scrive in questo momento è piaciuto e gli abbondanti 152 minuti, sono trascorsi serenamente senza neanche badare all’orologio. Gli Ultimi Jedi, è una pellicola che ti prende e ti trasporta all’interno di un (nuovo) mondo fatto di battaglie con spade laser, immensi schieramenti e guerre spaziali al cardiopalma.

Il tutto ricomincia da dove avevamo lasciato con The Force Awakens: la Ribellione è alle strette ed il Primo Ordine continua il suo piano di conquista della galassia. Ritrovando una Rey al cospetto di Luke Skywalker con la speranza che quest’ultimo, la addestri alle tecniche Jedi trasformandola in una guerriera ed intervenga in aiuto dei Ribelli.

GUERRE, SPADE LASER E NAVICELLE

Il punto forte di Star Wars è sempre stato il combattimento su larga scala.

Davvero fantastiche le scene dei combattimenti, ben costruite e pensate a mantenere alto il pathos e quella sensazione di immedesimazione dello spettatore nei personaggi.

Nota di merito anche per gli effetti speciali. Veramente ben fatti e curati, nonostante qualche piccola pecca col green-screen. Per quanto riguarda le musiche, non è stata aggiunta alcuna colonna iconica a parte ovviamente, quelle già conosciute ed amate.

UN FILM DIVERSO DAI CANONI

Come molti appassionati oramai sanno, Star Wars targato Disney non sarà mai lo Star Wars apprezzato dal 1997 al 2005. Col passaggio della LucasFilm sotto la mano dei nuovi proprietari, è stato inevitabile il cambiamento del franchise con l’obbligo per la Disney  di rendere il marchio un blockbuster il più mainstream possibile cercando di attirare a sé le nuove generazioni e, nel contempo, “tradire” i fan di vecchia data.

Guardando questo film legandolo ai vecchi capitoli si rimarrà delusi ma, se si prova a leggerlo nella sua nuova ottica, si riuscirà a captare senz’altro un bel film che riscrive l’intera saga aprendo spunti per il futuro.

CONCLUSIONI

Non volendomi dilungare troppo per non rischiare di incappare in spoiler, arriverò direttamente alle conclusioni ed al mio parere sulla pellicola. Sentiremo e leggeremo sicuramente tantissime critiche. Alcune sul lato tecnico altre sul lato sentimentale ma dovremmo oramai metterci il cuore in pace: lo Star Wars di un tempo non c’è più. Il tutto ha fatto posto ad un nuovo format, molto più easy ed adibito per il grande pubblico. Ma quindi a te è piaciuto? Si. Nonostante dei “buchi di sceneggiatura” e scene da pelle d’oca (per quanto inutili e mal fatte), è stato uno Star Wars godibile e sopratutto, pregno di combattimenti, azione e sentimento.

Comunque sia, non ce la sentiamo di accanirci contro un titolo che ha dato tanto a tutti noi ed ora, è giunto il momento di accogliere la trasformazione della saga ad una più appetibile per il grande pubblico. Bisogna capire che non siamo più negli anni ’70/’80 ed il cinema è cambiato, come è cambiato anche Star Wars. La nuova trilogia rispecchia alla fin fine quello che vogliono vedere le platee di bambini e ragazzi, ci vogliono dei nuovi eroi, i vecchi oramai devono obbligatoriamente andare in pensione per far posto al nuovo! Ed è anche di questo che la nuova pellicola parla: “Via il vecchio per dare spazio al nuovo“. Ovviamente, ne consiglio caldamente la visione.

Star Wars: Gli Ultimi Jedi

Star Wars: Gli Ultimi Jedi
8

Sceneggiatura

7/10

Regia

8/10

Colonna sonora

9/10

Effetti speciali

8/10

Intrattenimento

9/10

Pros

  • Stiamo parlando di Star Wars
  • Combattimenti intensi e bellissimi da vedere
  • Storia ricca di colpi di scena
  • Via il vecchio per far posto al nuovo

Cons

  • Alcune scene da farsi venire la pelle d'oca...
  • Alcuni personaggi trattati in modo superficiale
  • La "sorpresa" finale un po': mhé...

Altri articoli in Anteprime

Il Vegetale – La Recensione

Andrea Prosperi15 gennaio 2018

VENOM: Nuove immagini su Tom Hardy nei panni di Eddy Brock

Francesco Damiani12 gennaio 2018

Jumanji – Benvenuti nella Giungla, la Recensione – NO SPOILER

Andrea Prosperi27 dicembre 2017

Disney Coco, La Recensione – NO SPOILER

Andrea Prosperi19 dicembre 2017

The Crown 2°stagione: la Recensione – NO SPOILER

Annamaria Rizzo1 dicembre 2017

Fantafestival – Anteprima dell’horror italiano The Wicked Gift

Giorgio Paolo Campi24 novembre 2017