Stan Lee e il progetto “Monkey Master”

Cinema
Angelo Tartarella
Nato nel 1995 in Puglia, Angelo è, sin da bambino, un lettore vorace e cresce per questo appassionandosi alle storie. Crescendo, s'interessa a quelle raccontate nei film e nelle serie TV, scopre e si appassiona a quelle raccontate nei videogiochi e nei fumetti. Iniziato ai fumetti da Don Rosa ad Alan Moore, Angelo si è presto appassionato a questo mondo, nonostante lui sia principalmente un fedelissimo Disney e Marvel.

Nato nel 1995 in Puglia, Angelo è, sin da bambino, un lettore vorace e cresce per questo appassionandosi alle storie. Crescendo, s'interessa a quelle raccontate nei film e nelle serie TV, scopre e si appassiona a quelle raccontate nei videogiochi e nei fumetti. Iniziato ai fumetti da Don Rosa ad Alan Moore, Angelo si è presto appassionato a questo mondo, nonostante lui sia principalmente un fedelissimo Disney e Marvel.

Stan Lee, detto “The Man“, è famoso per aver costruito l’Universo Marvel coadiuvato da autori come Jack “The King” Kirby e sia lui che i suoi colleghi hanno più di una volta attinto alle figure dei miti e delle leggende, se non anche delle favole, per costruire un personaggio o un ambientazione. A volte si sono trovati a riplasmare personaggi già interamente esistenti in altri tipi di storie per usarli nel mondo delle nuvole parlanti.

Stan " The Man " Lee

Stan ” The Man ” Lee

Capito questo è facile immaginare come mai Stan Lee non abbia difficoltà a immergersi in un progetto come “Monkey Master“.

Questo è infatti il titolo del film che sta per scrivere per il grande schermo. La pellicola sarà l’adattamento cinematografico di un mito proveniente dalla cultura di India e Cina e vedrà L’Uomo Sorridente affiancato da Sharad Devarajan di Graphic India, con cui Lee ha già collaborato nel 2013 per il fim animato “Chakra l’Invicibile“.

Secondo la rivista Variety questo nuovo progetto vedrà affiancate la POW!Entertainment, la società di Lee, e appunto la Graphic India, insieme alla casa di produzione cinese, la Cinema Capital Advisory.

Monkey Master vedrà la leggenda di origine indo-cinese riletta in una chiave più attuale e supereroistica, e Lee ha dichiarato che è stato il suo interesse per la cultura mediorientale a spingerlo a cominciare questo lavoro.

Sono sempre stato affascinato dalle culture Indiana e Cinese che sono così filosofiche e ricche in tradizione e moralità” ha dichiarato Lee che, parlando del film, ha invece detto: “Monkey Master sarà un film che interagirà in modo unico con le due culture per creare un eroe che intratterrà i fan in tutto il mondo con le sue arti marziali e i suoi inarrestabili superpoteri.”

Il film non ha ancora nè un regista, nè un cast ma le case di produzione coinvolte sembrano pronte a partire. Sono membri del team di produzione Gill Champion, amministratore delegato della POW!Entertainment, Jonathan Shen, Iris Wang e Daljit DJ Parmar da Shinework, Samir Gupta da Cinema Capital Advisory, insieme a Stan Lee e Sharad Devarajan.

Loro sperano di riuscire a portare velocemente a termine la produzione, così da poter riuscire a realizzare nell’ultima parte del 2017. I produttori sembrano fiduciosi circa il lavoro di Stan Lee e si dicono onorati di lavorare con lui.

Shen ha dichiarato che il team è “eccitato di poter fare affidamento sull’esperienza di Stan Lee” e loro sono speranzosi di creare un buon film che possa piacere al grande pubblico, sui mercati.

 

Altri articoli in Cinema

star wars

Star Wars Episodio VIII – L’arco narrativo di Kylo Ren

Roberta Galluzzo20 agosto 2017
Ant-Man and the Wasp

Ant-Man and The Wasp – Nuove foto dal set dei protagonisti

Luca Paura20 agosto 2017
IT

IT: Già previsto un debutto da almeno 50 milioni di dollari

Roberta Galluzzo18 agosto 2017

Star Wars – Il film su Obi-Wan Kenobi si farà!

Imma Marzovilli18 agosto 2017
mammaiuto film un lungo cammino

Mammaiuto al cinema: Brandon Box acquisisce i diritti di Un lungo cammino

Claudia Padalino16 agosto 2017

Gremlins 3: Gizmo potrebbe morire

Rachele Innocenti16 agosto 2017