Square Enix vorrebbe puntare al mercato dei giochi mobile

News
Antonio Salvatore Bosco
Appassionato del mondo nerd dalla tenera età di 3 anni quando giocavo a Sonic con il sega master system di mio padre. Amante della scienza e della lettura. Marvel e Disney mi accompagnano ogni giorno da sempre. Pronto a scoprire cose nuove e a farle conoscere agli altri.

Appassionato del mondo nerd dalla tenera età di 3 anni quando giocavo a Sonic con il sega master system di mio padre. Amante della scienza e della lettura. Marvel e Disney mi accompagnano ogni giorno da sempre. Pronto a scoprire cose nuove e a farle conoscere agli altri.

Square Enix, nella sua conferenza annuale agli investitori, ha detto di essere ancora intenta a puntare sul sempre più in espansione mercato mobile proponendo giochi appositi e di qualità.

Il publisher rilascia giochi per dispositivi mobili dal 2006 tra cui titoli decisamente validi e originali come Mobius FinalFantasy, Deus Ex Go, Lara Croft Go ma anche port di titoli esistenti come Adventures of Mana, Final Fantasy IX e Final Fantasy XIII (in Giappone). Questo mercato è stato dichiarato come una delle fonti di profitti più significative.

Se inizialmente si poteva pensare che questa fosse una fase temporanea, ora le dichiarazioni del CEO di Square Enix, Yosuke Matsuda affermano esattamente il contrario.

Attualmente il mercato per smartphone è dominato dai Free To Play e sembra quasi che non ci sia posto per i prodotti Premium. Il nostro team comunque ha rilasciato vari giochi a pagamento, alcuni appositamente creati da zero e le vendite sono state davvero considerevoli. Siamo contenti dall’evoluzione tecnologica dei cellulari, che pian piano sta recuperando terreno sulle console portatili. Gli smartphone hanno anche una base installata infinitamente maggiore, rendendoli di fatto la scelta migliore per riproporre alcune delle nostre vecchie glorie. La nostra intenzione sarà infatti quella di rilasciare Giochi di Ruolo non solo per il mercato console, ma anche per quello mobile, sperando che diventi un nuovo pilastro del nostro business”.

Matsuda ha ribadito i benefici dei giochi free to play ovvero il fatto di coinvolgere un’ampia fetta di utenti offrendo loro un download gratis con cui iniziare a giocare. Ha però smentito la credenza che dice che questo tipo di titoli sua più economico per gli sviluppatori e ne garantisca il successo.

“I costi iniziali di sviluppo per i F2P e per i giochi premium sono più o meno gli stessi che per i titoli dedicati alle console portatili. In altre parole il livello di investimento non può essere definito a basso rischio. Il rischio verso i Free To Play è anche maggiore in quanto vi è la necessità di spendere in aggiunte e sforzi di sviluppo” 

Square Enix si è inoltre rivelata interessata alla realtà virtuale e all’espansione nei paesi emergenti come Cina, Medio Oriente e America Latina.

Altri articoli in News

Pokemon Go: al via l’evento Equinozio

Marco Pasqualini23 settembre 2017

Code Vein ci da un assaggio della sua trama con il nuovo Story Trailer

Alessandro d'Amito23 settembre 2017
Biomutant

Biomutant – guarda ben 20 minuti di gameplay del gioco THQ Nordic

Alessandro d'Amito23 settembre 2017

Paradox – Su Steam un intero weekend all’insegna del Grand Strategy

Alessandro Guida23 settembre 2017

Nintendo Classic SNES Mini disponibile per il preordine su Amazon

Alessandro d'Amito23 settembre 2017

Yakuza Kiwami 2: vediamo un gameplay dal Tokyo Game Show

Antonio Salvatore Bosco23 settembre 2017