Cinema
Giorgio Paolo Campi
Innamorato del cinema da quando a sei anni vide "I predatori dell'Arca perduta"; se non sta guardando un film o leggendo un fumetto chiamate aiuto, perché sicuramente la situazione è grave. E' in procinto di fondare una religione che proclami Macaulay Culkin il nuovo messia.

Innamorato del cinema da quando a sei anni vide "I predatori dell'Arca perduta"; se non sta guardando un film o leggendo un fumetto chiamate aiuto, perché sicuramente la situazione è grave. E' in procinto di fondare una religione che proclami Macaulay Culkin il nuovo messia.

Manca ancora più di un anno all’uscita nelle sale di Aquaman, pellicola stand-alone dedicata al sovrano atlantideo, Arthur Curry (alias Aquaman), prevista per il 21 dicembre 2018.

Il personaggio, però, interpretato sul grande schermo dal possente Jason Momoa (Game of Thrones), farà il suo debutto al cinema tra poco con Justice League (in uscita in Italia il 16 novembre 2017), al fianco di altri supereroi e metaumani, per fronteggiare una nuova minaccia dopo la morte di Superman.

A quanto pare, però, l’Aquaman che abbiamo visto recentemente nell’ultimo trailer del film (che trovate in testa alla pagina) e che ci aspetta al cinema il prossimo mese sarà piuttosto differente dall’aspettativa generale. Ecco quanto ha dichiarato Momoa in un’intervista rilasciata a CBM:

“Aquaman non è nemmeno realmente Aquaman ancora. Non è re dei Sette Mari. Non arriviamo a quel punto fino allo stand-alone dedicato a me, alla fine. Sul serio, è un’enorme crescita la mia. Un arco gigantesco per Arthur Curry. Potrebbe essere dura per molti fan guardare ciò che vedranno, come lo rappresento. Però bisogna aspettare finché non avremo lo stand-alone per sapere realmente. Perché ancora non è Re.”

Scongiurato quindi il rischio di una caratterizzazione monolitica del personaggio, Momoa ne mette in risalto le contraddizioni e le sfaccettature, che conferiscono tridimensionalità ed evidenziano la volontà di approfondire il carattere:

“Non crede in se stesso, non sa cosa fare con i poteri che ha. Ha attraversato moltissime perdite. Odia gli Atlantidei. Il fatto che ora le persone lo chiamino “Aquaman” – non potrebbe fot******ene di meno di qualsiasi cosa di Atlantide. Quindi, non è ancora a quel punto. E’ molto difficile da interpretare. Dobbiamo scoprire l’origine, dove stiamo andando. Alcuni potrebbero dire “Questo non è il mio Aquaman”. Ma non ci siamo ancora.”

Momoa interpreterà quindi un personaggio ben distante dalla risolutezza e la saggezza che convengono ad un buon regnante: un Curry giovane, indeciso, inesperto, non ancora sovrano del regno sottomarino di Atlantide, e in cerca di una posizione e di un ruolo. La sua insicurezza lo porta ad elaborare sentimenti contrastanti, fino al risentimento nei confronti del suo stesso popolo.

Tutto ciò si accorda con i dettagli finora disponibili riguardo alla trama di Aquaman, in cui sembra appunto che il personaggio affronterà un percorso di crescita e di elaborazione di un’autocoscienza fino ad abbracciare il suo ruolo, onorevole ed oneroso, di sovrano dei Sette Mari:

“Arthur Curry apprende che è l’erede del regno sottomarino di Atlantide, e deve farsi avanti per governare il suo popolo e rivelarsi come un eroe per il mondo.

 Aquaman sarà incentrato sul personaggio di Aquaman come un governante riluttante del regno sottomarino di Atlantide, il quale si trova coinvolto tra gli abitanti della terra che inquinano sempre il mondo e il suo stesso popolo, che è pronto ad invadere la superficie.”

 Justice League, prodotto da DC Entertainment, RatPac Dune Entertainment, Lensber Productions e Warner Bros., ha visto in cabina di regia il veterano Zack Snyder (300, L’uomo d’acciaio, Batman v Superman).

Dopo il suo abbandono, a causa di un lutto, il film è stato ultimato da Joss Whedon (Buffy l’ammazzavampiri, Firefly, Avengers) che ha contribuito al progetto anche in veste di co-sceneggiatore, insieme con Chris Terrio (Argo, Batman v Superman).

Il cast, oltre al già citato Jason Momoa nei panni di Aquaman, comprenderà gli interpreti dei vari personaggi dell’universo cinematografico DC: Gal Gadot (Diana Prince/Wonder Woman), Amy Adams (Lois Lane), Ezra Miller (Barry Allen/Flash), Ray Fisher (Victor Stone/Cyborg), Ben Affleck (Bruce Wayne/Batman), Henry Cavill (Clark Kent/Superman), Jesse Eisenberg (Lex Luthor), Jeremy Irons (il maggiordomo Alfred), J.K. Simmons (il commissario James Gordon), Diane Lane (Martha Kent) e molti altri. L’irlandese Ciarán Hinds vestirà invece i panni del malvagio Steppenwolf.

Justice League verrà distribuito nelle sale americane dal 17 novembre 2017, in quelle italiane dal 16 novembre 2017.

Altri articoli in Cinema

John Lasseter lascia la Pixar per sei mesi a causa di “comportamenti inadeguati”

Matteo Ivaldi22 novembre 2017

Box Office e Cinecomics: analisi e confronti di un 2017 da ricordare

Andrea Prosperi22 novembre 2017

Justice League: poster inquietante nei cinema cinesi

Annamaria Rizzo21 novembre 2017

Star Wars: Gli ultimi Jedi – Nuovi dettagli sulle “volpi di cristallo”

Giorgio Paolo Campi21 novembre 2017
Molestie a Hollywood, Kevin Spacey

Molestie a Hollywood: Kevin Spacey è entrato in rehab ma altri big sono sotto accusa

Nicoletta Salvi21 novembre 2017

Marvel vs. DC: parla il co-sceneggiatore di Doctor Strange

Alessio Lonigro21 novembre 2017