SNES Classic Mini hackerato. Caricate inoltre alcune ROM

News
Antonio Salvatore Bosco
Appassionato del mondo nerd dalla tenera età di 3 anni quando giocavo a Sonic con il sega master system di mio padre. Amante della scienza e della lettura. Marvel e Disney mi accompagnano ogni giorno da sempre. Pronto a scoprire cose nuove e a farle conoscere agli altri.

Appassionato del mondo nerd dalla tenera età di 3 anni quando giocavo a Sonic con il sega master system di mio padre. Amante della scienza e della lettura. Marvel e Disney mi accompagnano ogni giorno da sempre. Pronto a scoprire cose nuove e a farle conoscere agli altri.

All’uscita del NES Mini, fin da subito ci sono stati tentativi (anche riusciti) di aggiungere giochi alla libreria dei titoli presenti ufficialmente; la stessa cosa è accaduta col recente SNES Classic Mini, nuovo piccolo gioiellino di casa Nintendo che è uscito il 29 Settembre e ha catturato innumerevoli giocatori nostalgici e non.

Sappiamo che questa nuova console in versione mini, monta lo stesso hardware di NES Classic Mini, ed essendoci riusciti con quest’ultimo è ovvio sarebbe stata solo questione di tempo che avvenisse anche per lo SNES Mini.

Ancora una volta è l’hacker russo Alexey ‘Cluster’ Avdyukhin che tenta questa (illegale) impresa. Starebbe utilizzano il software “hakchi2” per aggirare il sistema con maggiore facilità e sembra che abbia già avuto l’occasione di inserire alla console anche il fantastico Chrono Trigger.

Si tratta comunque di un procedimento ancora poco sicuro e non facile in quanto potrebbe compromettere il funzionamento del sistema, necessita di test ed affinamenti ed inoltre Cluster starebbe ancora capendo come e quali ROM far girare sull’hardware.

Molti quindi si stanno cimentando in questa pratica, per riuscire a giocare molti dei grandi titoli del passato, ma vogliamo ricordare e sottolineare che si tratta di qualcosa di illegale e che vi consigliamo di non imitare, evitando quindi i vari tutorial al fine di modificare il vostro SNES Classic Mini.

Infine crediamo che se Nintendo ha ideato la console in questo modo, trattandosi appunto di un oggetto per i nostalgici e sostanzialmente da collezione, non pensiamo sia corretto andarne a modificare la natura.

Altri articoli in News

Assassin’s Creed: Origins, disponibile la seconda Prova degli Dei

Chiara Parisi21 novembre 2017

Brutal Legend gratuito su Humble Bundle

Federico Peres21 novembre 2017

Warhammer Vermintide II: pubblicata la descrizione del Chaos Marauder

Federico Peres21 novembre 2017

La Collector’s Edition di Monster Hunter World è disponibile su Amazon

Federico Peres21 novembre 2017

È possibile da ora, preordinare l’artbook esclusivo The Art of God of War

Chiara Parisi21 novembre 2017

[RUMOR] Microtransazioni EA: Plants vs Zombies portò ad un importante licenziamento

Marco Pasqualini21 novembre 2017