Serie tv del 2016: la classifica di prodotti migliori dell’anno

Serie TV
Roberta Galluzzo
Sì è laureata in filosofia all'università di Salerno. Artista marziale di Wushu Kung Fu da 5 anni. Cinema, fumetti e videogiochi sono da sempre una sua passione irrinunciabile.

Sì è laureata in filosofia all'università di Salerno. Artista marziale di Wushu Kung Fu da 5 anni. Cinema, fumetti e videogiochi sono da sempre una sua passione irrinunciabile.

E anche il 2016 è giunto alla fine. Un anno decisamente prolifico per le serie tv che di certo non ha disdegnato i prodotti di qualità nuovi di zecca tra cui Stranger Things e The Young Pope, mentre si riconfermano con altrettanta ferocia le serie che hanno già conquistato il panorama mondiale da diversi anni come House of Cards e Black Mirror.
Dal momento che in America la produzione di serie tv è un mare di prodotti diversi è estremamente arduo stilare una classifica precisa soprattutto considerando la varietà dei generi, tuttavia in questo articolo tentiamo di proporre una lista delle migliori serie andate in onda in particolare nell’arco di quest’anno.

 

10.This is Us

Creata da Dan Fogelman, la serie narra una storia di tipo corale che intreccia le vicende di diversi protagonisti. Il cast estremamente variegato comprende Milo Ventimiglia, Mandy Moore, Sterling K. Brown, Chrissy Metz, Justin Hartley, Susan Kelechi Watson, Chris Sullivan e Ron Cephas Jones. La trama racconta le vicende di un gruppo di persone in diverse città alle prese con numerosi problemi di vita quotidiana, tutte con la particolarità di essere nate nello stesso giorno e le cui vite si intrecciano inevitabilmente le une con le altre. Sebbene non brilli troppo per originalità, la forza dei sentimenti personali esposti da questa serie si allinea molto con i drammi di natura contemporanea, facendone un prodotto che quest’anno si è distinto non poco.

serie

9. Black Mirror

Giunta ormai alla sua terza stagione Black Mirror si riconferma come una delle serie più riuscite degli ultimi anni. Con interpretazioni lodevoli, storie cupe e atmosfere pesanti, la serie antologica narra singoli episodi di vita dei personaggi, ambientati in mondi perlopiù futuristici o comunque immaginari e fondamentalmente distopici; lo scopo fondamentale è analizzare e enfatizzare la forza prorompente della tecnologia, provando ad immaginarne le conseguenze più estreme e distruttive per l’animo umano.

serie

8. House of Cards

Gli intrighi di House Of Cards, dopo cinque  anni continuano a non stancare. L’intrepida scalata al potere di Frank Underwood, brillantemente interpretato da Kevin Spacey mettono in luce le ambiguità del mondo della politica e il labile attaccamento che le persone hanno ai propri ideali se vengono poste di fronte a scelte cruciali. Il machiavellico Frank si rivela il topos del leader, che la storia mondiale antica e contemporanea ha visto più volte distinguersi tra le masse e giungere a muovere i fili di intere nazioni.

serie

7. Game of Thrones

Si riconferma, ormai al suo sesto anno, una delle serie più seguite di sempre, seconda probabilmente solo a The Walking Dead (che non presentiamo in questo contesto perchè si concluderà nel 2017). La serie, per certi aspetti molto vicina alla storia che siamo abituati a leggere sui libri di scuola, è incentrata sulle vicissitudini di un mondo fantasioso in cui le stagioni durano intere generazioni; l’arrivo dell’inverno in particolare è stato preannunciato da sanguinose guerre e intrighi, narrati secondo un ritmo corale e basato molto sul dialogo. La storia sembra essere giunta a quella svolta fondamentale che i fan attendevano da sempre, in cui l’epico scontro che si preannunciava fin dall’inizio sta per avere luogo.

serie

 

6. The Crown

The Crown è il  nuovo capolavoro di Netflix che scava a fondo nelle verità e nelle menzogne dietro la vita della famiglia Reale d’Inghilterra.  La serie si ispira il più possibile alla vita di Elisabetta II e di certo è stata una responsabilità non da poco quella accolta dagli autori nell’avvicinare al pubblico una storia così recente e soprattutto complessa. La trama racconta della vita della giovane Elisabeth, una madre e una moglie che, dopo la perdita del padre, si ritrova improvvisamente sulle spalle il peso della corona d’Inghilterra, mentre il Governo Churchill è in atto e mina per molto tempo le sue certezze come regnante.

serie

 

5. Daredevil

Con la seconda stagione Daredevil conferma la forte presa che l’universo Marvel ha anche sul piccolo schermo. Ma la serie in sé va certamente distinta dai modi fortemente disneyani dei suoi fratelli cinematografici. Devil è un supereroe dall’animo cupo e imperfetto, che lotta con tutto sè stesso per restare ancorato ai propri ideali e difendere la propria città, nonostante la grandezza di personaggi come Frank Castle abbia rischiato di ombreggiarlo più di una volta. Ma il connubio Punisher-Devil è il punto di forza di questa stagione; un rapporto che rispecchia a pieno la lotta interiore che ogni individuo ha a proposito del termine ‘giustizia’. Tutto questo, sommato ad una trama densa e ricca di colpi di scena, in cui non esistono personaggi secondari, fa di Daredevil un prodotto consigliabile a chiunque ed uno dei più riusciti del 2016.

serie

 

4. Gilmore Girls – A Year in the life

Arrivata nel periodo conclusivo del 2016, Gilmore Girls conquista nuovamente i vecchi fan e ne aggancia di nuovi, con il ritorno alla sceneggiatura di Amy Sherman Palladino. La serie, di soli quattro episodi, è la continuazione della storia di Lorelai Gilmore e la figlia Rory, narrata in sei stagioni e conclusa nel 2008. A Year in the life racconta un anno della vita delle due protagoniste, impegnate a fare i conti con dubbi e incertezze sul passato e sul futuro, in una corrente narrativa che si avvale del contributo comico e drammatico allo stesso tempo e che rende ogni attimo di questa serie totalmente privo di banalità.

serie

 

3. The Young Pope

La serie rappresenta il terzo lavoro di Paolo Sorrentino per la tv. Fortemente d’impatto, confusionaria ed anche cruenta per molti versi, The Young Pope vuole spogliare i dogmi dei loro orpelli, mettendo in risalto i drammi dell’individuo davanti alle incertezze della fede. La storia è incentrata sul pontificato di Lenny Belardo, interpretato dal talentuosissimo Jude Law; un papa che si rivelerà estremamente controverso e manipolatore, e che intende operare una rivoluzione all’interno della fede, lottando allo stesso tempo con i demoni che lo perseguitano fin da bambino. Attorno a Law ruota un cast di prima scelta di cui possiamo vantare la presenza di Silvio Orlando e Diane Keaton. The Young Pope è decisamente una delle serie più acclamate dell’anno, sia per pubblico che per critica.

serie

 

2.Westworld

Westworld è l’ultimo prodotto originale di HBO. Una serie innovativa che diretta da Micheal Chichton e scritta da JJ AbrahmsWestworld si proietta nei mondi fantascientifici sognati da Asimov e affronta i temi legati a mondi futuristici in particolare relativi all’evoluzione delle intelligenze artificiali. La critica l’ha infatti descritta come un’oscura odissea sull’alba della coscienza artificiale. La trama è ambientata in un parco di divertimenti a tema western, popolato interamente di androidi, i quali essendo estremamente avanzati cominciano ad evolvere le proprie menti interrogandosi sul loro ruolo nel mondo e sul loro futuro.

serie

 

1. Stranger Things

La serie rivelazione dell’anno è scritta dai fratelli Matt e Ross Duffer, e con soli otto episodi è riuscita ad incantare totalmente il pubblico mondiale. Impegnata ad iconizzarsi come rappresentazione del trionfo degli anni 80, Stranger Things è una serie fondamentalmente legata ai classici temi della fantascienza: dai mondi paralleli ai laboratori segreti.  La trama si svolge in un una piccola città dell’Indiana, dove un gruppo di persone è  costantemente in cerca di risposte in seguito alla scomparsa di un bambino e all’apparizione di una ragazzina dai poteri paranormali. Nonostante sia nata fondamentalmente come un elogio al cinema anni 80, la serie ha brillato per originalità e interpretazione, forte di una sceneggiatura intensa che tutto può essere tranne che banale e che sorprende lo spettatore dall’inizio alla fine.

serie

 

Nell’attesa delle nuove serie che verranno rilasciate per il 2018 NerdPlanet augura a tutti i suoi lettori buon anno!

Altri articoli in Serie TV

stranger things

Stranger Things 2 – Nuovo poster promozionale per la seconda stagione

Roberta Galluzzo24 settembre 2017

I Simpson – Coraline di Neil Gaiman sarà nel prossimo speciale di Halloween

Giorgio Paolo Campi23 settembre 2017
Lo Hobbit

Tanti Blu Ray in offerta su Amazon tra Lo Hobbit e altre succose saghe

Alessandro d'Amito23 settembre 2017

BoJack Horseman: rinnovato per una quinta stagione

Gloria Graziani22 settembre 2017

Once Upon a Time: tutte le news sulla nuova stagione

Gloria Graziani22 settembre 2017
the punisher

The Punisher – Il primo trailer ufficiale finalmente online!

Roberta Galluzzo21 settembre 2017