Sequel possibile per The Evil Within e Rage

News
Maria Elena Sirio
Sono Maria Elena, una ragazza di diciannove anni, con la passione per il disegno, i videogiochi e il cui primo amore è stato Ash Ketchum. Questa mia passione si è evoluta, crescendo con me e modificandosi, [..]

Sono Maria Elena, una ragazza di diciannove anni, con la passione per il disegno, i videogiochi e il cui primo amore è stato Ash Ketchum. Questa mia passione si è evoluta, crescendo con me e modificandosi, [..]

Penso che sia The Evil Within che Rage abbiano fatto bene abbastanza al punto che potremmo realizzare dei sequel”.

Queste sono state le parole dette da Pete Hines in un’intervista con Finder, all’interno del quale annuncerebbe il possibile arrivo di sequel dei due titoli, che avrebbero venduto abbastanza da poterselo permettere. Hines, però, non si è sbilanciato:

Se affermassi qualcosa come “non penso che succederà”, allora le persone darebbero di matto. Quindi non voglio confermare o smentire cose che potremmo o non potremmo avere in corso d’opera, perché le persone saltano sempre alle conclusioni sbagliate. Personalmente ho amato Rage e mi sono divertito tantissimo nel giocarci, ma al momento abbiamo tante cose nei nostri piani per il futuro, quindi non potete fare altro che aspettare e vedere”.

Allo stesso tempo, quindi, Hines afferma che i sequel potrebbero esserci, ma non ne conferma (e nemmeno ne nega) l’esistenza ad oggi.

 

 

Altri articoli in News

Pokémon su Switch: le immagini trapelate sugli starter sono false

Antonio Salvatore Bosco21 febbraio 2018

[RUMOR] Pokémon su Switch: ecco i possibili Starter di ottava generazione

Antonio Salvatore Bosco21 febbraio 2018

Dragon Ball FighterZ: ecco le prime immagini ufficiali per Broly e Bardak

Francesco Damiani21 febbraio 2018

Bornout Paradise è pronto a tornare su console next gen

Francesco Damiani21 febbraio 2018

Death Stranding: Kojima sta pianificando qualcosa per l’E3 2018

Francesco Damiani21 febbraio 2018

Diablo III arriverà su Nintendo Switch nei primi mesi del 2019?

Francesco Damiani20 febbraio 2018