Romics 2017 – Il resoconto finale della fiera

Eventi
Andrea Prosperi
Lettore ossessivo-compulsivo, quando non è su Twitter lo trovate a scrivere articoli sulle ultime novità del mondo dei fumetti.
@Www.twitter.com/Zero_Borja

Lettore ossessivo-compulsivo, quando non è su Twitter lo trovate a scrivere articoli sulle ultime novità del mondo dei fumetti.

Nei giorni scorsi siamo stati piacevolmente ospiti del Romics, la celebre kermesse del fumetto arrivata alla XXI edizione, e che da qualche anno riunisce il proprio pubblico in due appuntamenti all’anno, in Aprile e in Ottobre. Incredibile come in relativamente pochi anni la fiera si sia ritagliata un ruolo fondamentale nel calendario e nella geografia degli eventi nella penisola, ponendosi tra gli appuntamenti più importanti del settore, accanto a colossi come Lucca Comics, Napoli Comicon e il Milano Cartoomics.

Una fiera a dir poco colossale, con a disposizione ben 5 padiglioni della Nuova Fiera di Roma, poco fuori dalla Capitale, a dimostrazione di come la manifestazione si sia ingrandita in maniera esponenziale, se si pensa ai soli due padiglioni dedicati al Romics qualche anno fa.

Ma quali sono state le parole chiave di questo Romics?

Varietà

La parola chiave è sicuramente il titolo di questo paragrafo, in quanto ciò che l’organizzazione della fiera, insieme alle varie partnership, ha deciso di offrire, ruota intorno alla massima varietà possibile, con un ruolo davvero chiave donato al mondo del fumetto e dell’animazione. Non ci si è dimenticati, però, dell’intrattenimento, rappresentato dalla presenza di vari esponenti del settore videoludico o del microcosmo di Youtube, anche se, in questo caso, con una minore presenza rispetto alle scorse manifestazioni, sintomo di un ritorno allo spirito originale della fiera.

Workshop, conferenze, incontri e mostre: l’agenda del Romics è stata fitta di impegni come non mai, regalando al visitatore quattro giorni davvero adatti a tutti i gusti. Basti pensare al Workshop organizzato da saldaPress insieme a Giuseppe Camuncoli, disegnatore di Amazing Spiderman, o alla Masterclass insieme a Sharon Calahan, direttrice della fotografia di Disney/Pixar.

Con un occhio puntato sul mondo ludico, video e non, con un intero padiglione dedicato a tornei delle varie “discipline”, mostrando come il Romics sia ormai un punto di riferimento non solo per il Centro Italia ma per tutto lo stivale, con sfidanti in attesa di scoprire chi sia il migliore al pad.

Qualità

Ciò che spicca all’occhio attento del visitatore è di sicuro la cerimonia del Romics D’Oro, una premiazione in cui Domenica sono stati insigniti, con la presenza del ministro Franceschini, i personaggi che più si sono messi in rilievo nel loro campo, in una sorta di premio alla carriera che ha portato sul palco la qualità, inattaccabile e oggettiva, donando all’intera fiera una caratura di livello internazionale.

Cinque personalità, cinque stelle, cinque artisti: parliamo di Igort , fumettista di fama internazionale, monumento dell’intera categoria; Giuseppe Camuncoli e Matteo Casali, artisti tra i più celebri negli Stati Uniti e non solo; la già citata Sharon Calahan, direttrice della fotografia Disney/Pixar; e infine Yoshiyuki Tomino, padre di Mobile Suit Gundam.

Un palco stellare, in grado di brillare per l’importanza degli artisti intervenuti. Nei prossimi giorni avrete anche una nostra breve intervista al maestro Tuveri, che verrà pubblicata sul nostro canale YouTube.

Le speranze sono che anche a Ottobre gli appassionati possano godere di simili presenze.

Stefano Caselli, dallo Stand della Scuola Romana dei Fumetti

Colori

Un mondo colmo di luce, vivido, quattro giorni da trascorrere con artisti, tra stand e molto altro, in compagnia degli amanti del settore. Sabato la fiera è stata letteralmente invasa da una miriade di persone, senza però rovinare l’esperienza, anche se ci sentiamo di consigliare di visitare la manifestazione in giorni decisamente più sereni, come il venerdì, soprattutto se si vuole avere l’occasione di recuperare sketch e autografi senza dover subire troppa fila.

Nella sua grande estensione la fiera trova spazio per tutte le discipline, compreso il mondo del Cosplay, a cui è stato dedicato persino un laboratorio, dimostrazione di come ci sia rispetto e considerazione per chiunque viva in questo straordinario mondo.

Gadget, fumetti, videogiochi: negli stand potrete trovare di tutto e molto di più, sia che voi siate dei semplici visitatori, sia che siate degli assidui appassionati.

Nei prossimi giorni troverete, come già anticipato, le nostre video-interviste raccolte in fiera, che siamo sicuri sapranno trovare l’interesse di molti di voi lettori, vista la varietà, parola chiave di questo Romics, a cui noi stessi ci siamo ispirati. Man mano che pubblicheremo i nostri lavori cercheremo di aggiungere in calce a questo articolo i vari link, per non perdere nulla.

Da Nerdplanet.it, alla prossima fiera!

Altri articoli in Eventi

Il teatrino perpetuo di Jacovitti in mostra a Bologna

Simone La Ganga20 novembre 2017

Lucca Comics & Games 2017 – Resoconto della fiera

Alessio Meneghini6 novembre 2017

Lucca Comics & Games : Il programma della giornata di oggi 1 Novembre

Redazione1 novembre 2017

Lucca Comics & Games – Ecco le modalità per accedere alle signing session di Robert Kirkman per saldaPress

Redazione17 ottobre 2017

Lucca Comics & Games, come ottenere gli Shikishi autografati – Regolamento aggiornato

Redazione17 ottobre 2017

Lucca Comics & Games: saldaPress si fa in tre

Redazione13 ottobre 2017