Rock & Balls – Recensione

BDQ: Boardgames di Qualità
Stefano Zappa
Stefano, classe 1984, è da sempre appassionato di romanzi fantasy, tra cui le opere del maestro Tolkien e George R. R. Martin. Scopre al liceo i wargame targati Games Workshop e inizia a dipingere miniature, arrivando ad ottenere diversi lavori su commissione. [..]

Stefano, classe 1984, è da sempre appassionato di romanzi fantasy, tra cui le opere del maestro Tolkien e George R. R. Martin. Scopre al liceo i wargame targati Games Workshop e inizia a dipingere miniature, arrivando ad ottenere diversi lavori su commissione. [..]

Oggi parliamo di un giochino molto semplice e veloce, che rientra nella categoria dei cosiddetti “filler” o “party games”. Si tratta di Rock & Balls (a.k.a. Rock The Beat) di Gabriel Ecoutin, uscito nel 2008.

Come nella maggior parte dei party games non c’è un’ambientazione, ma le semplici regole sono un pretesto per far divertire gruppi anche numerosi.

  • Giocatori: 4-12;
  • Durata: 15-30 minuti;
  • Età consigliata: dagli 8 anni in su;
  • Prezzo: 12,90€;

COMPONENTI

La scatolina, in metallo, è abbastanza piccola da poter stare sul palmo della mano. Al suo interno si trovano svariate carte quadrate suddivise in carte simbolo, carte regole, e carte grande palla.

IL GIOCO IN BREVE

All’inizio della partita ogni giocatore riceve una carta simbolo, rappresentante un personaggio con una posa particolare. Dopodiché si inizia a scandire il ritmo della famossissima We will rock you dei Queen battendo le mani. Per capire lo svolgimento del gioco dovete immaginarvi il ritmo della canzone, col suo classico TUM TUM CHA (due colpi sulle gambe ed un battito di mani). Il primo giocatore batte le mani due volte sulle gambe, ma invece di continuare il ritmo col battito di mani, mimerà la posa del personaggio sulla propria carta; poi batte ancora due volte le mani sulle gambe e al posto del battito di mani mimerà la carta di un altro giocatore, passandogli così il turno. Il giocatore chiamato procederà nello stesso modo, alternando il ritmo della canzone alla posa del proprio personaggio e del personaggio di un altro giocatore per passare la mano.

Il gioco viene interrotto se qualcuno sbaglia a mimare le pose o ad eseguire il ritmo della canzone. A questo punto chi ha sbagliato deve:

  • dare la sua carta simbolo ad un altro giocatore e pescarne una nuova;
  • pescare una carta grande palla, applicandone gli effetti.

Si riprende quindi il ritmo e chi ha due o più carte simbolo davanti a sé dovrà rispondere mimando la posa con la quale gli è stato passato il turno. La partita termina quando le carte grande palla sono state tutte distribuite. Vince chi ne ha meno, ovvero chi avrà fatto meno errori.

COMMENTI

Rock & Balls è un titolo molto divertente da giocare con gruppi numerosi. Le risate sono assicurate, soprattutto quando il giro inizia a durare qualche minuto e la concentrazione tende ad abbassarsi. La tipologia di gioco e la durata contenuta lo rendono adatto quando si ha poco tempo: una serata intera dedicata a Rock & Balls sarebbe troppo pesante. Da evitare se qualcuno ha problemi di coordinazione. Le dimensioni contenute della scatola e il poterlo giocare senza necessariamente avere un tavolo attorno a cui sedersi, lo rendono molto semplice da trasportare e proporre alla propria compagnia di amici

Altri articoli in BDQ: Boardgames di Qualità

Jamaica – Recensione

Stefano Zappa15 novembre 2016

Dungeons and Dragons: il gioco di ruolo entra nella Toy Hall of Fame

Angelo Tartarella13 novembre 2016

Star Wars: X-Wing – Recensione

Stefano Zappa8 novembre 2016

Jungle Speed – Recensione

Stefano Zappa1 novembre 2016

Cosmic Encounter – Recensione

Stefano Zappa25 ottobre 2016

Il Trono Di Spade – Recensione

Stefano Zappa18 ottobre 2016