Recensione: Old Man Logan – Wolverine Serie Oro #1

Fumetti
Vito Fabrizio Brugnola
Laureato in Filosofia con tesi su Kant e la filosofia analitica, tutor online di filosofia e storia, appassionato di disegno, curatore della rubrica di storie brevi a fumetti "BadLands" (tempo permettendo) e contributor per NerdPlanet.it, attualmente si dedica a tematiche con analisi dati, data science e machine learning. Ha nel cassetto una graphic novel sci-fi che prima o poi finirà.

Laureato in Filosofia con tesi su Kant e la filosofia analitica, tutor online di filosofia e storia, appassionato di disegno, curatore della rubrica di storie brevi a fumetti "BadLands" (tempo permettendo) e contributor per NerdPlanet.it, attualmente si dedica a tematiche con analisi dati, data science e machine learning. Ha nel cassetto una graphic novel sci-fi che prima o poi finirà.

Con l’uscita del film Logan che chiude la trilogia dello X-Man più amato, l’editore Panini ci consegna un interessante progetto editoriale che raccoglie tutte le migliori avventure del nostro Logan/Wolverine di cui vi abbiamo già parlato qui e qui.

I volumi, in uscita ogni settimana con La Gazzetta dello Sport e il Corriere della Sport, ad un prezzo conveniente, permetteranno a tutti di avvicinarsi e approfondire le fantastiche storie del mutante canadese.

Inoltriamoci quindi nella recensione spoiler-free del primo volume, intitolato Old Man Logan, la storia dalla quale il film è stato (molto parzialmente) ispirato.

Old Man Logan

La storia del vecchio Logan scritta da Mark Millar e disegnata da Steve McNiven, che sono poi gli stessi autori della saga di Civil War, fu pubblicata dalla Marvel tra il 2008 e il 2009.

Il lettore si troverà catapultato in un futuro alternativo, 50 anni in avanti rispetto, dove i supereroi non esistono più, sono diventati malvagi o sono dei derelitti.

Tra questi il nostro eroe: Logan ha lasciato i panni di Wolverine in seguito ad un evento terribile della sua vita. Si è ritirato negli Stati Uniti occidentali ha messo su famiglia e cerca di mandare avanti una fattoria coperto dai debiti.  In questo scenario apocalittico, nel quale Logan traumatizzato si rifiuta di combattere, la stessa geopolitica è sconvolta e gli Stati Uniti sono divisi in cinque territori, ognuno governato da un qualche villain.

Geopolitica di Old Man Logan

Geopolitica di Old Man Logan

Come al solito noi di NerdPlanet.it evitiamo attentamente gli spoiler. Sappiate solo che il vecchio Logan sarà coinvolto da un altrettanto attempato Occhio di Falco in una road-adventure piena di pericoli, violenza e sorprese inaspettate.

Riguardo alla storia possiamo aggiungere che chi dovesse comprare questo volume con l’intenzione di vedere una versione a fumetti del film uscito di recente, rimarrà deluso: i punti di contatto e le analogie sono ben poche e in questa storia non c’è alcuna traccia di X-23.

La storia rimane comunque una delle più belle tra quelle degli universi alternativi che riguardano il nostro eroe artigliato: una storia ricchissima, dallo sviluppo rapido, di facile comprensione e lettura e con un finale a dir poco epico.

Il vecchio Logan disegnato da Steve McNiven

Il vecchio Logan disegnato da Steve McNiven

I disegni

I disegni sono opera del grande Steve McNiven, il che implica una garanzia sulla qualità delle tavole.  Il riconoscibilissimo stile di McNiven è caratterizzato da un approccio dettagliatissimo al disegno. Tutte le figure sono piene di linee, particolari, che l’autore riesce sapientemente a spezzare grazie ad un ottimo utilizzo di contrasti abbastanza marcati tra luci e ombre, soprattutto nelle scene a forte impatto drammatico. Sembra che McNiven abbia voluto rappresentare tutta la vecchiaia ed ogni ruga dei nostri attempati ex-supereroi, insieme ad ogni loro battaglia.

T-Rex Venom - Tavola di Steven McNiven

Venom -T-Rex Venom – Tavola di Steven McNivenrve

La sensazione è quella di un disegno pesante e molto ricco, molto funzionale al tono della storia.

Ovviamente McNiven si colloca perfettamente nella tradizione del fumetto americano, dato che ogni scena, e soprattutto quelle d’azione, sono portate all’eccesso e distruggono i limiti delle gabbie, aspetto tipico della narrazione statunitense dove al disegnatore è concessa una libertà maggiore rispetto al fumetto italiano o , in generale, europeo.

La colorazione è abbastanza riuscita nel complesso, anche se la saturazione può risultare un po’ troppo carica e questo forse svilisce un po’ le tavole del buon McNiven. Anche questo, tuttavia, è tipico dei fumetti supereroistici d’oltreoceano.

Concludendo

Siamo in presenza di una delle più famose storie di Wolverine/Logan. Una storia corposa, piena di colpi di scena, ambientata in un universo distopico, che promette un finale così epico che fa passare un Venom T-Rex in secondo piano.

In altri termini: compratelo prima di subito, anche perché il prezzo di lancio è di 3.99 €.

Old Man Logan - Serie Oro Panini #1

3,99 €
Old Man Logan - Serie Oro Panini #1
7.6

Storia

9/10

Narrazione

8/10

Disegni

8/10

Chine

8/10

Colori

6/10

Pros

  • Prezzo da urlo
  • Titolo immancabile per gli amanti di Wolverine
  • Un Venom - T-Rex

Cons

  • Colorazione troppo satura

Altri articoli in Fumetti

Batman Rinascita – Io Sono Gotham, La Recensione

Andrea Prosperi22 novembre 2017

The Last Temptation, la Recensione – NO SPOILER

Angelo Tartarella21 novembre 2017

Second Sight Vol. 1, la Recensione – No Spoiler

Angelo Tartarella14 novembre 2017

Mob Psycho 100 #1: Non Stressate Quel Ragazzo

Redazione11 novembre 2017

The Wicked + The Divine Vol. 1-3, la Recensione – No Spoiler

Angelo Tartarella10 novembre 2017

DRAGON BALL QUIZ BOOK: SOLO PER VERI SAIYAN!

Redazione10 novembre 2017