Rebirth: Dave Gibbons parla di Watchmen e il coinvolgimento dei suoi personaggi nel rilancio

Fumetti
Alessio Meneghini
Alessio, nato a fine luglio del 1995 a Venezia, si appassiona fin dalla nascita del mondo Nerd. La sua passione nasce grazie ai supereroi (principalmente della DC Comics) e si amplifica con l’arrivo della Playstation all’età di 6 anni, la quale lo aiuta ad entrare nel mondo videoludico. Crescendo la sua passione raggiunge nuovi orizzonti, quali la passione per il cinema e per le serie TV; tra le sue serie TV “preferite” [..]

Alessio, nato a fine luglio del 1995 a Venezia, si appassiona fin dalla nascita del mondo Nerd. La sua passione nasce grazie ai supereroi (principalmente della DC Comics) e si amplifica con l’arrivo della Playstation all’età di 6 anni, la quale lo aiuta ad entrare nel mondo videoludico. Crescendo la sua passione raggiunge nuovi orizzonti, quali la passione per il cinema e per le serie TV; tra le sue serie TV “preferite” [..]

In un’ intervista concessa a ComicBook, l’artista disegnatore di Watchmen, Dave Gibbons, ha rivelato che lui e lo scrittore Alan Moore, avevano originariamente pianificato di realizzare una serie dai toni leggeri ambientata nell’Universo DC.

Gibbons ha sottolineato l’evoluzione della figura del supereroe, ammettendo di sentirsi in qualche modo “responsabile” per la piega oscura che questa figura ha preso dopo l’uscita di Watchmen.

Penso spesso a come si siano evolute le cose. Sapete, c’è stato un tempo in cui i supereroi dovevano essere davvero oscuri. E al riguardo mi sento ovviamente un po’ responsabile, perché io e Alan Moore avevamo intuito questa idea dei “supereroi oscuri”, ma non avremmo mai pensato che sarebbe sopravvissuta per venticinque anni.

Credo che al giorno d’oggi il canone più popolare sia qualcosa di ben più leggero in termini di tono, più avventuroso e colorato. Penso a prodotti come, ad esempio, i film dei Guardiani della Galassia e di Thor, o persino Kingsman.

 

Inevitabile poi un rimando da parte dell’artista al rilancio Rebirth, con il quale sono stati integrati i personaggi di Watchmen nella continuity principale dell’Universo DC:

Quello che mi è parso di capire è che Watchmen viene in qualche modo colpevolizzato dell’oscurità dell’Universo DC, e che la più recente saga a cui la DC sta dando vita consentirà all’Universo DC di liberarsi dalla cattiva influenza dei personaggi di Watchmen.

Il fatto è che, nel corso degli anni, molti scrittori americani hanno adottato la stessa visione che io e Alan applicammo ai supereroi. Colpa nostra, quindi, ma noi non abbiamo mai detto a nessuno che i fumetti di supereroi andassero fatti in questo modo. Infatti, il progetto a cui avremmo lavorato dopo Watchmen sarebbe stato qualcosa come Captain Marvel, una storia dal tono molto leggero e dalle atmosfere mitologiche.

Altri articoli in Fumetti

The Last Temptation, la Recensione – No Spoiler

Angelo Tartarella21 novembre 2017

Second Sight Vol. 1, la Recensione – No Spoiler

Angelo Tartarella14 novembre 2017

Mob Psycho 100 #1: Non Stressate Quel Ragazzo

Redazione11 novembre 2017

The Wicked + The Divine Vol. 1-3, la Recensione – No Spoiler

Angelo Tartarella10 novembre 2017

DRAGON BALL QUIZ BOOK: SOLO PER VERI SAIYAN!

Redazione10 novembre 2017

Landis, Camuncoli e Skybound: arriva GREEN VALLEY

Redazione10 novembre 2017