Scary Falls, lo scivolo in VR di Aqualandia

Speciali
Marco Pasqualini
Nato nel 1982 Marco è un ragazzo di città che ama la campagna più del multiplayer, pratica la monogamia su console, ne ama una alla volta anche se spesso si concede qualche scappatella su PC.

Nato nel 1982 Marco è un ragazzo di città che ama la campagna più del multiplayer, pratica la monogamia su console, ne ama una alla volta anche se spesso si concede qualche scappatella su PC.

Per chi non lo sapesse Aqualandia di Jesolo (VE) è il fiore all’occhiello dei parchi a tema acquatici italiani; quest’anno ha vinto per la decima volta i Parksmania Awards nella sua categoria ed è addirittura tra i primi dieci al mondo. C’è da esserne orgogliosi.

Il motivo per cui un parco acquatico sia finito direttamente in una delle nostre pagine nerd è collegata con la presente e futura entrata delle tecnologie multimediali nell’intrattenimento del parco.

Una chiaccherata con Massimiliano Bampi, responsabile informatico di Aqualandia, ci ha permesso di entrare nell’ottica della direzione che il parco vuole intraprendere nei prossimi anni e ci ha gentilmente permesso di testare l’esperienza che prende esempio dai più blasonati quali Disney e Universal e che porta Aqualandia ad essere punto di riferimento tech nel settore dei parchi acquatici.

Oltre a scivoli sempre più adrenalinici e alla animazione, il nuovo progetto punterà già oggi sulla tecnologia VR e in futuro sulla realtà aumentata sia a livello di intrattenimento sia a livello di gestione interna del parco. Questa scelta è fortemente sostenuta dalla stessa famiglia Pareschi, proprietaria del parco, con l’intenzione di puntare a tutta una serie di iniziative all’avanguardia.

Restando nel presente, qualche giorno fa abbiamo potuto provare in anteprima un quantomeno impensabile connubio tra gli scivoli e i visori di realtà virtuale. Del progetto, in fase avanzata di rifinitura, se ne stanno occupando i ragazzi di Bigrock, una scuola di computer grafica del trevigiano sotto la guida di Samuele Cigardi e il suo team RED.

La prima domanda che ci si potrebbe porre riguarda l’ovvio rischio che una tecnologia così delicata possa incontrare a contatto con l’acqua. Detto fatto: i caschetti hanno un leggero involucro impermeabile in cui viene posto un Nexus 6 modificato, ben bloccato e ben protetto dagli agenti esterni, coadiuvato dal versatile engine Unity dalle librerie Cardboard di Google per la parte VR.

Nello specifico, verranno preparati circa una sessantina di kit visori che verranno fatti indossare agli utenti dall’operatore in cima allo scivolo. L’ambientazione proposta è in linea con il tema giungla del parco e, nello specifico, simula una zattera in procinto di cadere in una doppia cascata (seguendo pari passo lo stesso percorso dello scivolo Scary Falls, il quale ha due picchi di discesa e un breve intervallo di stabilizzazione tra le due fasi).

Grazie ad un sistema di impulsi audio ad alta frequenza posizionati lungo la rampa dello scivolo, gli sviluppatori hanno eliminato i possibili problemi di comunicazione che, per esempio, il sistema Bluetooth avrebbe avuto a causa dell’acqua e del vapore acqueo. Il risultato è adrenalinico e suggestivo e, per fortuna o purtroppo, dura soltanto una decina di secondi. Ovviamente, vista la velocità della caduta, non ci si può attendere una chiarezza di immagini durante la fase clou ma, nel breve intervallo, è possibile scorgere un coccodrillo poco sotto la “vostra” zattera.

In futuro potrebbero essere proposte più ambientazioni tra cui scegliere e, dopo averlo provato, abbiamo suggerito agli sviluppatori di incrementare il senso di immersione lavorando anche sul sistema olfattivo, come accade per esempio con la candela 4D per Resident Evil 7 in VR, magari inserendo qualche essenza marcata che ricordi la lussureggiante giungla.

Ringraziamo Massimiliano Bampi, la famiglia Pareschi di Aqualandia e i ragazzi di Bigrock, che ci hanno permesso di visitare la loro sede. Noi di Nerd Planet ci congratuliamo per l’idea e vi sfidiamo ad affrontare lo scivolo Scary Falls in VR.

Altri articoli in Speciali

GPU Burning Test : Entry Level – Ottobre 2017

Alessandro Guida18 ottobre 2017

[SPECIALE] Youtube: come l’intelligenza artificiale ha migliorato il servizio

Federico Marsili5 settembre 2017
wallpaper engine

A Whole New Desktop – rendere unica la nostra scrivania virtuale con Wallpaper Engine

Alessandro Guida29 maggio 2017

Ecco perché non vedremo mai una spada laser come in Star Wars

Alessandro Niro6 gennaio 2017

GDG DevFest Bari 2016 – report dell’evento del 24 e 25 novembre

Alessandro d'Amito25 novembre 2016

Amazon sfrutta droni del governo per le consegne

Maria Elena Sirio27 luglio 2016