Cinema
Matteo Ivaldi
Amante delle storie in ogni forma, ha affittato un emisfero del cervello a mondi immaginari. Avendo passato l'infanzia tra navi spaziali, Tolkien e Final Fantasy non può più fare a meno di flirtare con la fantascienza, la letteratura e i videogiochi. Talvolta può sembrarvi distratto, in realtà è probabile che stia facendo scorrere scene assurde nella sua testa con tanto di titoli di coda.

Amante delle storie in ogni forma, ha affittato un emisfero del cervello a mondi immaginari. Avendo passato l'infanzia tra navi spaziali, Tolkien e Final Fantasy non può più fare a meno di flirtare con la fantascienza, la letteratura e i videogiochi. Talvolta può sembrarvi distratto, in realtà è probabile che stia facendo scorrere scene assurde nella sua testa con tanto di titoli di coda.

L’adattamento cinematografico del manga cyberpunk di Yukito Kishiro, pubblicato tra il 1991 e il 1995, segnerà la realizzazione di un progetto che James Cameron coltivava in sogno da più di una quindicina d’anni; rumors su questo film e sulla sua impossibilità – dato il set avveniristico, la trama adulta e intellettuale e lo scarso appeal del soggetto per il mercato occidentale – si sono susseguiti da quasi una generazione senza che il regista di Terminator, Titanic e Avatar vi rinunciasse mai in via definitiva; Alita sarebbe dovuta essere la sua nuova impresa, senonché il successo straordinario di Avatar lo convinse a proseguire le avventure del pianeta Pandora in quella che dovrebbe diventare un’epica pentalogia a scapito del manga di Kishiro.

Tuttavia l’evoluzione della computer grafica verso il fotorealismo puro di Avatar ha convinto Cameron a ritenere che Battle Angel (in originale Gunnm, la contrazione delle parole “Gun”, pistola, e “Dream”, sogno) fosse finalmente pronto a vedere la luce ma senza il suo controllo dietro la macchina da presa. Robert Rodriguez, amico di lunga data di Quentin Tarantino e regista di Dal Tramonto all’Alba, Spy Kids, Machete e il segmento Planet Terror del progetto Grindhouse, venne selezionato nell’ottobre 2015 come futuro responsabile del film di Battle Angel con Cameron nelle vesti produttore. Con un budget di circa 200 milioni di dollari e quasi un anno di post-produzione, Alita è stato pronto a mostrarsi nel primo trailer in assoluto che ne anticipa la data di uscita nei cinema.

Battle Angel è ambientato in un futuro post-apocalittico in cui nella città di Salem (Typhares in lingua originale), una città posta a uno degli estremi di un ascensore orbitale di clarkiana memoria, ricchi e poveri convivono separati da poche decine di metri: una discarica a cielo aperto grande come una megalopoli ha invaso i bassifondi di Salem in cui androidi o umani che hanno sostituito svariate parti del corpo con strumenti cibernetici tentano quotidianamente di sopravvivere. Un giorno uno scienziato, Daisuke Ido (Dyson Ido nel film, interpretato dal doppio premio Oscar Christoph Waltz), intento a percorrere la discarica alla ricerca di pezzi di ricambio, trova il busto di un androide di sesso femminile che porta nel proprio laboratorio e a cui dona un corpo. La ragazza, Alita, ha perso la memoria, ma diviene chiaro fin da subito che la ragazza abbia un lungo passato alle spalle e sia molto più importante di quanto possa sembrare, nonché determinante per il destino di un mondo ormai allo sfacelo.

Alita: Battle Angel è previsto per il 20 luglio 2018. Rosa Salazar (Maze Runner, Night Owls) interpreterà l’eroina del manga sotto un esteso trucco digitale; gli altri elementi del cast principale oltre a Waltz saranno Jennifer Connely nel ruolo di Chiren, Mahershala Ali in quello di Vector, uno dei primi antagonisti della storia, Ed Skrein sarà il cacciatore di taglie Zapan, Michelle Rodriguez una atleta di Motorball (lo sport estremo protagonista della parte centrale del manga) di nome Gelda e Keean Johnson l’interesse sentimentale di Alita, Hugo. Jackie Earle Haley sarà presente in una parte ancora non annunciata ufficialmente, ma si suppone che darà vita al terribile villain Makaku. La trama del film dovrebbe coprire almeno i primi tre volumi dell’opera su undici, narrando la rinascita di Alita e la sua prima presa di coscienza come combattente esperta di una tecnica d’arti marziali originatasi su Marte chiamata Panzer Kunst.

Potete vedere il trailer di Alita: Battle Angel in allegato a questo articolo. Nella speranza che questa attesa trasposizione (perlomeno dagli appassionati di manga storici come il sottoscritto) possa rendere in qualche modo giustizia alla visione distopica di Kishiro, restiamo in attesa di nuovi dettagli da qui a quest’estate.

Fonte: Usa Today

Altri articoli in Cinema

Ant-Man & The Wasp

Ant-Man & The Wasp – Polemica su Reddit per il nuovo costume di Wasp

Luca Paura19 gennaio 2018

Leonardo DiCaprio: svelati nuovi dettagli sul suo ruolo nel film di Tarantino

Francesco Damiani19 gennaio 2018

[RUMORS] Marvel Crossover con gli X-Men: Dovremo aspettare la Fase 5?

Dario Penza19 gennaio 2018

Animali Fantastici: i crimini di Grindelwald esplorerà la comunità magica in Francia

Federica Vacca19 gennaio 2018

Avengers Infinity War: Per Chris Hemsworth il film sarà un evento storico

Francesco Damiani18 gennaio 2018

John Wick 3: rivelati Cast e data di inizio riprese

Dario Penza18 gennaio 2018