Pretty Little Liars 7×13: Hold Your Piece

Recensioni
Gloria Graziani

Un’altra settimana è passata e la tredicesima puntata della settima stagione di Pretty Little Liars, Hold Your Piece, è andata in onda in America. Puntata movimentata questa e carica di colpi di scena. Protagonista della puntata la nostra Hanna Banana, ma tutte le liars hanno avuto il loro ruolo nella trama, molto più di quanto fosse successo la scorsa settimana.

L’inizio  della puntata mette subito in chiaro che il Game of Life, di Rosewood, può animarsi a piacimento quando vuole, anche a  notte fonda, e ce lo fa capire meglio con una sottile analogia. Come tutti i bambini piangono di notte, per diversi bisogni, anche lui fa lo stesso e tramite il pianto incessante di un bambino, proveniente dal telefono posto sul tavolo da gioco, avvisa tutti che è ora di giocare. Decide di smettere di piangere solo toccando le mani di Hanna e ciò sta a significare solo una cosa: Hanna è il tuo turno.

Il vestito di Hanna è su tutti i giornali, la pubblicità è stata quella giusta e così ci si prepara a festeggiare un successo, se non fosse per la notizia trapelata poco dopo su un sito. A.D è entrato in azione e la paura di Hanna ha preso vita. Inizia a circolare in rete la questione del vestito rubato. Hanna non ci sta e passa molto tempo della puntata a lamentarsi di come la sua ascesa verso il successo stia andando a rotoli. A.D ha infatti in mente un piano che potrebbe offendere a morte gli investitori. Il piano consiste nel far andare Hanna vestita da “giapponese sexy” ad un incontro con loro, i quali chiaramente sono giapponesi.

Il modo in cui Hanna è riuscita a trovare questo vestito lascia interdetti anche chi pensava che non si potessero raggiungere nuovi livelli di trash. Ricordiamo infatti che l’abito è stato estratto chirurgicamente da un manichino, a seguito dell’asportazione dell’appendice dello stesso. Gli sceneggiatori devono avere una passione sfrenata per i giochi da tavolo, dopo il Game of Rosewood, arriva anche L’allegro chirurgo a grandezza naturale. Tralasciando tutto ciò, notiamo come Hanna predichi bene ma razzoli male. Reduce dalla ramanzina a Spencer della scorsa settimana, quando non aveva accettato il fatto che avesse iniziato a giocare senza chiedere il permesso alle altre, ora si macchia più o meno della stessa colpa, se non addirittura più grave. Racconta infatti a Caleb del gioco, rischiando di mettere in pericolo anche la sua vita. La mossa del noto hacker e genio dell’informatica non tarda ad arrivare. Caleb cerca in tutti i modi di aprire il gioco, ma quando non riesce a farlo,tenta di alzare una casetta, scatenando una scia di gas tossico.

Ed ecco che tutto va a rotoli. Caleb viene portato in ospedale ed Hanna, senza accertarsi della sua salute, corre da lui, lasciando il gioco a metà. Comportamento molto immaturo da parte sua. Non è un gioco fatto avanti ad un camino che, pur portando liti e fine di amicizie, non comporta la perdita della vita o la possibilità di finire in carcere. Scopriamo, infatti, che il non portare a termine il turno di gioco significa perdere un pezzo del puzzle e l’invio di prove alla polizia. Possiamo dire che questo gioco sia tra due fazioni? Le liars e la polizia? Se le liars vincono saranno libere per sempre e se perdono verranno incriminate dell’assassinio del dottor Rollins? A quanto pare potrebbe essere un’eventualità, considerando ciò che la polizia ha ricevuto in regalo, ossia un dito, che sicuramente sarà quello di Archer.

Non contenta di aver disobbedito alle regole, Hanna dà prova del suo ulteriore egocentrismo e vittimismo affermando che lei è quella con cui A.D è andato pesante. Fortunatamente Aria ed Emily cercano di farla ragionare dicendo che lo scopo di A.D è probabilmente quello di mettere le une contro le altre. Come rovinare un personaggio nelle ultime stagioni? Diciamo che è stato fatto alla grande. Speriamo che riesca a redimersi in queste ultime puntate.

Il duo composto da Aria ed Emily si è dato da fare in questo episodio, immergendosi in una missione di spionaggio. Sono andate alla ricerca di una vecchia conoscenza, Sidney. Le ragazze infatti pensano che Sidney sia l’aiutante di Jenna ed una complice di A.D. Grazie ad un pronto e celere corso di informatica, da parte di Caleb, Aria riesce ad entrare nel telefono di Sidney e dopo un diverbio, riesce ad inserire un GPS nella sua borsa. Vedremo cosa succederà e dove ci porterà questa nuova pista.

Momento toccante del telefilm è stato il coronarsi del matrimonio di Toby con Yvonne. Questa storyline è stata dolcissima ed ha dato un gusto dolce-amaro a tutto l’episodio. Ci aspettavamo tutti la morte di Yvonne, tutti avevamo pensato che, per i produttori, il levare Yvonne dai giochi avrebbe consentito il riavvicinamento di Spencer e Toby. Era davvero necessario? I percorsi che i due hanno fatto sono diversi. L’amore tra loro sembra essere sfociato in una profonda amicizia e stima. Sarà davvero possibile far tornare insieme questa coppia storica? Se accadesse, sarebbe solo per accontentare il fandom? A fine puntata, troviamo un Toby distrutto dal dolore della sua perdita ed una Spencer pronta a sorreggerlo e consolarlo.

Non sappiamo dove questa perdita ci porterà, ma una cosa è certa: l’amore che Toby provava per Yvonne era puro e genuino. Un amore lontano da killer e da minacce. Salutiamo Yvonne ed il suo essere gentile, buona e con un carattere come pochi in questo show.

La fine dell’episodio lascia sgomenti. Aria torna nell’appartamento di Ezra mentre cerca di contattarlo e raccontargli che Sabrina si è licenziata. Qualcosa però non va e nell’appartamento si vede un’ombra sul divano. La piccola Aria è pronta a prendere un coltello e fiondarsi sulla sagoma misteriosa, ma accendendo la luce scopre che non è altro che Nicole. Che ci farà a Rosewood?

Tutto ciò lo scopriremo nella prossima puntata, 7×14 “Power Play”, dove finalmente sapremo anche chi ha ucciso Jessica DiLaurentis. La puntata si prepara ad essere unica nel suo genere, infatti, per la prima volta una liar parlerà direttamente con A.D.

Qui potrete vedere una piccola anteprima dell’episodio.

Pretty Little Liars vi dà appuntamento a mercoledì. Continuate a seguire con noi questa ultima stagione.

 

Altri articoli in Recensioni

Marvel’s Runaways: Episodi 4/6, la Recensione – No Spoiler

Angelo Tartarella12 dicembre 2017

The Walking Dead 8: Mid-season finale – La Recensione

Rossella Mormile12 dicembre 2017

Agents of Shield 05×03: A Life Spent, la Recensione – NO SPOILER

Angelo Tartarella11 dicembre 2017

Agents of Shield 5×01-02: Orientation, la Recensione – NO SPOILER

Angelo Tartarella4 dicembre 2017

Marvel’s Runaways: Episodi 1/3, la Recensione – NO SPOILER

Angelo Tartarella22 novembre 2017

The Punisher, la Recensione – NO SPOILER

Angelo Tartarella17 novembre 2017