Nuovi dettagli sulla versione 2.7 di Star Citizen

Anteprime
Emanuele Greco
Nato a Palermo non troppo tempo fa, si approccia al mondo del gaming alla tenera età di 6 anni con una PSP, espandendo a dismisura la sua passione negli anni successivi. Ama tutti gli FPS e Free Roaming di ogni genere, tranne giochi sportivi e giochi simulativi. Crescendo sviluppa anche una passione per la tecnologia, riuscendo a soli 8 anni l’impresa di Jailbreak del suo iPhone 3GS. Da allora [..]

Nato a Palermo non troppo tempo fa, si approccia al mondo del gaming alla tenera età di 6 anni con una PSP, espandendo a dismisura la sua passione negli anni successivi. Ama tutti gli FPS e Free Roaming di ogni genere, tranne giochi sportivi e giochi simulativi. Crescendo sviluppa anche una passione per la tecnologia, riuscendo a soli 8 anni l’impresa di Jailbreak del suo iPhone 3GS. Da allora [..]

La rivista online PCGames ha rilasciato nuove immagini (che potete vedere sotto all’articolo) e informazioni sulla nuova versione 2.7 di Star Citizen, disponibile su PC e sviluppato con il CryEngine, un motore prestante e spettacolare.

Ecco le parole di PCGames:

“La 2.6 lancerà Star Marine come modulo separato, come Arena Commander, ed è stato provato dallo staff di PC Games, il quale rispondo conferma un miglioramento dal lato FPS rispetto alle prime versioni. Nella 2.7 il mondo verrà costruito in maniera procedurale e potrete viaggiare nell’intero sistema di Stanton senza appesantire troppo il vostro hardware, caricando meno pianeti e lune sulla superficie.

  • Hanno detto che il nuovo sistema di accelerazione sarà più fluido e procedurale come con i pianeti
  • Avvicinarsi ai pianeti sarà tecnicamente e visivamente meglio rispetto a prima
  • Potrete atterrare dove volete manualmente, con l’atterraggio manuale atterrerete in delle zone predisposte e fixate.
  • Vogliono rendere Stanton completamente giocabile con tutte le stazioni, i pianeti, le lune e le zone di atterraggio funzionanti entro il 2016
  • Ci saranno più lavori e missioni
  • Ci sarà il trading e (forse) il commercio
  • I pianeti e le lune gireranno con un moto di rivoluzione attorno al sole, facendo un ciclo giorno-notte completo
  • Quando volerete sopra l’oceano vedrete in maniera molto più definita l’orizzonte
  • Alberi e animali saranno caratteristici e mai piazzati in modo uguale, saranno separati dai templates e formeranno dei biomi caratteristici
  • La superficie planetaria e la mappa topografica saranno visualizzate con un sistema LOD
  • Le nuvole non saranno più delle texture volanti ma dei veri e propri oggetti con altezza, lunghezza e profondità che andranno a incidere sulla visibilità assieme alla densità di esse
  • Non ci saranno limiti di profondità di visualizzazione, che sarà dettata solo dall’ambiente
  • L’occlusione del parallasse e la tassellazione verranno usate per rifinire le superfici
  • Le prestazioni sono diminuite in quanto le precedenti versioni erano “versioni editor”, pertanto se con una GTX 980 facevate 100FPS ora ne farete 45
  • Migliorata l’IA dei vari NPC che potranno memorizzare le risposte e le conversazioni, agire di conseguenza, influenzarvi ed essere influenzati. Per non appesantire il gioco gli sviluppatori hanno fatto in modo che gli NPC carichino tutte queste informazioni se il giocatore si trova in loro prossimità(non è stata specificata la distanza)”

Altri articoli in Anteprime

Dauntless – Closed Beta, le prime impressioni

Federico Peres15 ottobre 2017

LEGO Ninjago Il Film: Videogame, la Recensione – No Spoiler

Angelo Tartarella14 ottobre 2017

Star Wars Battlefront 2: abbiamo provato in anteprima il titolo alla Milan Games Week

Antonio Salvatore Bosco3 ottobre 2017

Far Cry 5: la prova del nuovo e atteso capitolo della serie Ubisoft

Antonio Salvatore Bosco3 ottobre 2017

South Park Scontri Di-Retti: la nostra prova alla MGW 2017

Antonio Salvatore Bosco3 ottobre 2017

Detroit Become Human: provato il titolo di Quantic Dream alla MilanGamesWeek 2017

Antonio Salvatore Bosco3 ottobre 2017