Nicolas Cage dice la sua su i cinecomics e alla possibilità di partecipare ad “American Gods”.

Cinema
Angelo Tartarella
Nato nel 1995 in Puglia, Angelo è, sin da bambino, un lettore vorace e cresce per questo appassionandosi alle storie. Crescendo, s'interessa a quelle raccontate nei film e nelle serie TV, scopre e si appassiona a quelle raccontate nei videogiochi e nei fumetti. Iniziato ai fumetti da Don Rosa ad Alan Moore, Angelo si è presto appassionato a questo mondo, nonostante lui sia principalmente un fedelissimo Disney e Marvel.

Nato nel 1995 in Puglia, Angelo è, sin da bambino, un lettore vorace e cresce per questo appassionandosi alle storie. Crescendo, s'interessa a quelle raccontate nei film e nelle serie TV, scopre e si appassiona a quelle raccontate nei videogiochi e nei fumetti. Iniziato ai fumetti da Don Rosa ad Alan Moore, Angelo si è presto appassionato a questo mondo, nonostante lui sia principalmente un fedelissimo Disney e Marvel.

Nicolas Cage è molto impegnato in questo periodo, considerando che, solo questo mese, arriverà al cinema con tre film diversi: Dog Eat Dog, USS Indianapolis: Men of Courage e Army of One. Ad ogni modo sembra che avrebbe potuto essere anche più impegnato di così, senza dimenticare che avrebbe potuto avere anche un ingaggio da dio, nel senso letterale del termine. Pare infatti che a Nicolas Cage fosse stato proposto il ruolo chiave Mr. Wednesday nella serie TV di Starz American Gods, tratta dall’omonimo romanzo di Neil Gaiman.

gaiman-feature

In una recente intervista con il Los Angeles Times, Cage ha rivelato di aver rifiutato il ruolo di Mr. Wednesday nell’adattamento televisivo del celebre romanzo fantasy American Gods, stesso ruolo che poi è andato a Ian McShane. Cage ha riconosciuto che quello era “un grande ruolo, scritto magnificamente” ma ha spiegato che la televisione non fa per lui, almeno per ora.

Sarebbe probabilmente un bene per la mia carriera a livello globale se cominciassi a fare televisione, e mai dire mai – Probabilmente la farò un giorno.”, ha dichiarato. “Ma l’idea di rimanere bloccato in una città per un mese e interpretare un ruolo – nonostante questo potrebbe essere interessante – posso già immaginare che ad un certo punto inizierei a sentirmi in trappola. Sono solo un po’ snob. Intendo, sto resistendo. Lo ripeto, non lo dirò mai, ma sto tipo urlando e scalciando per continuare a fare film.”.

cage-ghost-rider-big-daddy

L’attore, noto per aver interpretato un eroe Marvel nel film Ghost Rider, e che è andato molto vicino ad indossare il mantello e interpretare Superman negli anni novanta, ha anche dichiarato che non è “per niente sorpreso” dall’attuale dominazione supereroistica della produzione hollywodiana.

Durante la seconda metà degli anni settanta, un ragazzino noto ancora come Nicolas Kim Coppola stava leggendo fumetti come tutti quelli della sua età. Molti non avrebbero mai creduto di arrivare a vedere un giorno Spider-Man dondolare dalle sue ragnatele nel vicino cinema, una cosa ironica da pensare ora che il franchise del lancia ragnatele è arrivato al suo terzo reboot cinematografico. Ma il giovane a noi noto ora con il nome di Nicolas Cage già allora non la pensava come gli altri.

Nonostante all’epoca lui non fosse un “mistico e veggente” ha comunque pensato che “i fumetti avrebbero un giorno preso il sopravvento nell’industria cinematografica.”. Cage capiva che la tecnologia era ancora inadatta, ma aveva fiducia nel fatto che “quando le tecnologie fossero arrivate al punto che le storie avrebbero potuto essere mostrate in tutta la loro spettacolare gloria, ciò avrebbe catturato il mondo – e lo ha fatto.“. Un’affermazione a cui nessuno oggigiorno potrebbe obiettare. Difatti Nicolas Cage ha amato così tanto i fumetti che si è riferito a loro come ispirazione per le sue performance. Durante i suoi primi anni di recitazione, lui non voleva ricevere un trattamento speciale per via del fatto di essere il nipote di suo zio, il celebre regista Francis Ford Coppola. Quindi ha cambiato il suo nome nell’attuale Nicolas Cage, un riferimento al suo eroe preferito, appunto Luke Cage.

american-gods-sdcc-trailer

American Gods è invece la nuova serie Starz, che racconta la storia di Shadow Moon, un uomo in cerca di redenzione dopo essere stato rilasciato dalla prigione. La sua avventura comincia quando incontra Mr. Wednesday, un uomo anziano che è in realtà “Il Padre di Tutti”, Odino. Shadow si trova coinvolto in una guerra in arrivo tra i vecchi dei, più tradizionali e storici, e quelli nuovi che sono la rappresentazione dei vizi americani come la tecnologia, l’Internet, il consumo sociale e il denaro. La trasduzione televisiva di American Gods sarà scritta da Bryan Fuller e Michael Green e debutterà su Starz nel 2017.

Altri articoli in Cinema

Kevin Smith donerà in beneficenza tutti gli introiti dei suoi film prodotti da Weinstein

Giorgio Paolo Campi18 ottobre 2017

Venom: Jacob Batalon lo vorrebbe nel sequel di Homecoming

Alessio Lonigro18 ottobre 2017

Marvel Studios: Frank Grillo torna a parlare di Crossbones

Alessio Lonigro17 ottobre 2017
Han Solo

Han Solo: A Star Wars story – Il nuovo Spin-off in arrivo!

Roberta Galluzzo17 ottobre 2017

[Rumor] Venom: si amplia il cast dello spin-off di Spider-man

Simone La Ganga17 ottobre 2017

Gambit – Una costumista da Oscar si unisce alla produzione

Giorgio Paolo Campi17 ottobre 2017