Netflix sarà disponibile anche offline, parola di Ted Sarandos

Cinema
Classe 1988, da sempre appassionata di cinema e fumetti, vive a Matera dove è ritornata dopo un lungo periodo trascorso tra Roma e Dublino. Assidua frequentatrice di mercatini dell'usato e fiere del fumetto, il collezionismo è il suo hobby preferito, insieme all'amore per la scrittura. Insegna italiano e storia alle superiori, e spesso in classe parla volentieri di Dylan Dog, piuttosto che di Gabriele D'annunzio. Un suo maestro, un tempo, la rimproverò dicendole "Fare, o non fare! Non c'è provare!", e questo è diventato, ormai, il suo motto.

Classe 1988, da sempre appassionata di cinema e fumetti, vive a Matera dove è ritornata dopo un lungo periodo trascorso tra Roma e Dublino. Assidua frequentatrice di mercatini dell'usato e fiere del fumetto, il collezionismo è il suo hobby preferito, insieme all'amore per la scrittura. Insegna italiano e storia alle superiori, e spesso in classe parla volentieri di Dylan Dog, piuttosto che di Gabriele D'annunzio. Un suo maestro, un tempo, la rimproverò dicendole "Fare, o non fare! Non c'è provare!", e questo è diventato, ormai, il suo motto.

Ted Sarandos, capo della sezione contenuti Netflix, ha confermato ufficialmente la notizia che sta facendo impazzire tutti i dipendenti da serie tv: Netflix sta lavorando su un servizio di streaming offline. Se tutto ciò dovesse accadere dite addio al wi-fi ed alla connessione troppo lenta per i vostri episodi preferiti.

La notizia, rivelata da Sarandos alla CNBC, risponde all’esigenza di chi ha connessioni più lente che non riescono sempre a “reggere il peso” dei contenuti multimediali. La realizzazione di una simile iniziativa inoltre sembra essere indispensabile per la diffusione di Netflix anche nei paesi meno sviluppati. Sarandos riguardo a questo ha dichiarato: “Ne abbiamo parlato molto nel corso degli anni e crediamo che la banda larga e il wi-fi stiano divenendo sempre più ubiqui, disponibili in più e più paesi, per più e più minuti della giornata. Mentre lanciamo in altri territori… Ci rendiamo conto che però esistono varie velocità di connessione e possibilità di accesso al wi-fi”.

In attesa di conoscere tempi e modalità dell’operazione, teniamo le dita incrociate: la possibilità di usufruire dell’offerta del servizio anche senza streaming sarebbe una vera e propria rivoluzione. “Il nostro obiettivo non è esportare la televisione americana in tutto il mondo”, conclude Sarandos. “Il nostro obiettivo è esportare grandi storytelling ad ogni parte del mondo”.

Altri articoli in Cinema

Marvel Studios: Frank Grillo torna a parlare di Crossbones

Alessio Lonigro17 ottobre 2017
Han Solo

Han Solo: A Star Wars story – Il nuovo Spin-off in arrivo!

Roberta Galluzzo17 ottobre 2017

[Rumor] Venom: si amplia il cast dello spin-off di Spider-man

Simone La Ganga17 ottobre 2017

Gambit – Una costumista da Oscar si unisce alla produzione

Giorgio Paolo Campi17 ottobre 2017

Black Panther: quali saranno le motivazioni di Klaue?

Alessio Lonigro17 ottobre 2017

Thor: Ragnarok: Lady Sif ci sarà o no?

Alessio Lonigro17 ottobre 2017