Marvel’s Runaways: Episodi 1/3, la Recensione – NO SPOILER

Recensioni
Angelo Tartarella
Nato nel 1995 in Puglia, Angelo è, sin da bambino, un lettore vorace e cresce per questo appassionandosi alle storie. Crescendo, s'interessa a quelle raccontate nei film e nelle serie TV, scopre e si appassiona a quelle raccontate nei videogiochi e nei fumetti. Iniziato ai fumetti da Don Rosa ad Alan Moore, Angelo si è presto appassionato a questo mondo, nonostante lui sia principalmente un fedelissimo Disney e Marvel.

Nato nel 1995 in Puglia, Angelo è, sin da bambino, un lettore vorace e cresce per questo appassionandosi alle storie. Crescendo, s'interessa a quelle raccontate nei film e nelle serie TV, scopre e si appassiona a quelle raccontate nei videogiochi e nei fumetti. Iniziato ai fumetti da Don Rosa ad Alan Moore, Angelo si è presto appassionato a questo mondo, nonostante lui sia principalmente un fedelissimo Disney e Marvel.

Marvel’s Runaways è la serie tv nata dalla collaborazione tra i Marvel Studios e Hulu. Essa tratta la trasposizione televisiva del gruppo di giovani supereroi noti come Runaways, creati da Brian K. Vaughan e Adrian Alphona.

La serie ha debuttato sulla piattaforma di streaming online di Hulu stanotte, in America, con i primi tre episodi, intitolati rispettivamente: Reunion, Rewind e Destiny.

Family and home are concept which are not the same for everyone

Marvel’s Runaways racconta la storia di sei ragazzi: Nico Minoru, Chase Stein, Molly Hernandez, Gert Yorks, Karolina Dean e Alex Wilder che si trovano a fare i conti con la verità sull’associazione di beneficenza chiamata Orgoglio (Pride, in lingua originale) di cui i loro genitori fanno parte.

Nonostante Brian K. Vaughan risulti come consulente alla produzione della serie, gli adattatori di Runaways per il piccolo schermo sono Josh Scwhartz e Stephanie Savage.

Sometimes what we believe is our home…

La regia e gli effetti speciali di Marvel’s Runaways risultano solidi e non piatti, difatti aiutano la serie ad essere non solo piacevole ed interessante, ma anche scorrevole, un qualcosa che, soprattutto nei primi episodi, non è risultato facile ad altre serie Marvel/Netflix ad esempio, sia che si parli delle più recenti che di quelle più vecchie.

Interessante è anche il lavoro di caratterizzazione dei personaggi e di chiarificazione riguardo i rapporti e i sentimenti che li legano, qualcosa che nel fumetto dei Runaways non era mai stato approfondito, relegando molti personaggi non principali ma importati a semplici comparse o deus ex machina, mentre le relazioni anche tra i personaggi principali, alla lunga, diventavano contorti e nebulosi.

… it’s just a place filled with hunger and lies.

In aggiunta ai pregi di quelle che sono stati gli ampliamenti della trama di Marvel’s Runaways, bisogna valorizzare anche alcune modifiche che, nonostante potessero aver messo dei dubbi agli usufruitori del fumetto originale, si rivelano necessari ed efficaci nella serie televisiva, almeno in questi primi episodi.

Purtroppo però anche la sceneggiatura, che in Marvel’s Runaways sembrerebbe essere il principale punto di forza, ha dei gravi difetti che vanno a sommarsi a quelli forse meno fastidiosi ma comunque presenti.

Trust it’s not a blood related thing

I problemi di Marvel’s Runaways non sono pochi ma sono principalmente divisibili in tre categorie: la prima sono i problemi che ha la sceneggiatura nei suoi dettagli, che molto spesso si rivelano deboli e pericolosi per la solidità della trama, la seconda riguarda la recitazione di alcuni attori che, con la loro monoespressività e mancanza di intonazione rischiano di rovinare anche le scene meno dialogate.

La terza è forse quella meno pericolosa ma anche quella che fa capire l’importanza della sinergia tra sceneggiatori e regista: l’incapacità di costruire la strada per i colpi di scena nel modo giusto, sia a livello di scelte di sceneggiatura che a livello di difetti di regia.

In questa lista, gli errori più pericolosi sono quelli appartenenti alla prima categoria, in quanto sono quelli che si potevano risolvere più facilmente, in quanto sarebbe stato sufficiente esaminare meglio i dettagli della storia, e perchè mettono in dubbio la solidità della trama futura di Marvel’s Runaways.

In conclusione questa nuova serie Marvel/Hulu è consigliata soprattutto agli appassionati del fumetto originale e a quelli che cercano una serie super eroistica diversa da quello che si è visto fino a ora. Purtroppo essendo stati rilasciati solo i primi episodi è impossibile poter dire di più, e per questo stesso motivo noi di Nerdplanet.it non possiamo ancora effettivamente promuovere o bocciare la serie, sperando nei prossimi episodi – così come capita spesso con le altre serie – di vedere un miglioramento della qualità totale.

7.2

Trama

7/10

Regia ed Effetti speciali

7/10

Cast e Recitazione

7/10

Capacità di innovare, non tradendo il materiale originale

8/10

Scorrevolezza e godibilità

8/10

Pros

  • Storia scorrevole e godibile
  • Caratterizzazione a tratti migliore di quella nel materiale orginale
  • Effetti speciali solidi e ben usati
  • Materiale fonte innovato ma non stravolto
  • Inizio solido e che fa ben sperare per il futuro

Cons

  • Gravi sviste a livello di trama
  • Recitazione di alcuni personaggi principali molto poco convincente
  • Plot twist troppo prevedibili e mal gestiti
  • Cattiva distribuzione di alcune informazioni importanti

Altri articoli in Recensioni

Agents of Shield 5×01-02: Orientation, la Recensione – NO SPOILER

Angelo Tartarella4 dicembre 2017

The Punisher, la Recensione – NO SPOILER

Angelo Tartarella17 novembre 2017

Star Trek: Discovery 1×08 e 1×09, la Recensione

Matteo Ivaldi17 novembre 2017

Alias Grace, la recensione – NO SPOILER

Imma Marzovilli10 novembre 2017

South Park – 21×07 Doubling Down

Alessandro d'Amito9 novembre 2017

Star Trek: Discovery 1×06 e 1×07, la Recensione

Matteo Ivaldi4 novembre 2017